menu Menu
31 articles filed in
Libri in primo piano
Pagina precedente Prossima pagina Prossima pagina

Io sono Fabrizio di Anna Cattivelli

Capitolo I – Squilla il telefonino: “Ciao ma’ … e come devo stare, aspetto, è ancora in sala operatoria … sì, si non ti preoccupare, Tizi e Sami sono con me, Marco sta a casa con la signora Maria … no, no, il padre non poteva, stai tranquilla poi ti faccio sapere”. Fabrizio spegne il […]

Continua a leggere


Il naufrago del bosco di Gabriella Tabbò

È un naufrago atipico, quest’uomo che si ritrova solo, nel bosco impervio dell’Appennino; doppiamente solo perché ha perso anche il contatto con la sua identità per un trauma durante un’escursione, che lo ha privato della memoria. Qualcosa, dentro di lui, gli dice di tenersi lontano dal mondo civile finché non l’avrà ritrovata. Nella sua mente […]

Continua a leggere


1860. Improvvisamente l’Italia di Maso Biggero

Dall’Incipit (autunno 1859 – autunno 1860) – La mattina del 6 ottobre 1759 Carlo di Barbone, re di Napoli e della Sicilia (ma dal 10 agosto re di Spagna) convocò Federico Fusco, fidato cameriere arrivato a palazzo reale dalle non lontane terre di Caserta e gli ordinò di portargli Domenico, “el niño.” Domenico era l’unico […]

Continua a leggere


Domande tra porto e mare di Alessandra Maltoni

Windtour la motonave – Dovete sapere che giorni prima, per esattezza sabato, zia e nipote si erano già recati al porto-canale per partecipare alla stessa gita in barca con destinazione Comacchio e pranzo a base di pesce a bordo. Quando arrivarono la gente stava scendendo sconsolata dalla imbarcazione e il capitano dietro diceva: «Signori, sono […]

Continua a leggere


Sogni tra i fiori di Mariagrazia Buonauro

Napoli, cinque anni prima. C’era brutto tempo quella mattina. Il cielo cosparso da una nuvolaglia grigia s’inabissava, con una cappa livida, sulla città. La pioggia cadeva obliqua e violenta sui vetri tremanti delle finestre; tamburellava rabbiosamente sulla ghiaia del vialetto con un acciottolio stridente. La ringhiera del balcone e i telai delle finestre, verniciati da […]

Continua a leggere


Il felice giogo delle trecce di Paolo Ottaviani

Da Treccie sabine – Treccia degli specchi nei fiumi e nei cieli – II – Seduto sulla riva, nel silenzio dell’acqua che scorre vana e scorre, come assorto nell’acqua l’uomoperla lambiva diroccata una torre luminosa di nuvole nel fluir delle nuvole, tra onde e gorghi rincorre lo sciamare verdastro del cielo, pescatori curvi intenti a […]

Continua a leggere


L’ultima fuga di Daniela Quieti

I – A chi importa il mio passato sono nata all’alba e il crepuscolo già si avvicina. Ma chi dice che devo capire tutto in un istante che racconta indovinelli e parole sconosciute. Sento ancora cantare il mio fiume sostiene la vela il vento forte e l’albero gigante ha radici di linfa. Il tempo è […]

Continua a leggere


Burrasche e Brezze di Ester Cecere

Evasione – Lucertola sarei per scivolare svelta fra le maglie della vita e negli ombrosi anfratti ripararmi. E da lì spiare lo scorrere del tempo e l’affannarsi delle cose e quando più caldo è il sole uscire sulla rovente sabbia. *** In chiesa Arido l’asfalto le energie risucchia. Vago e attonito si perde nell’aria calda […]

Continua a leggere


Ma se gli alberi piangessero, cosa piangerebbero?

«Ma se gli alberi piangessero, cosa piangerebbero?». Era questo il pensiero ricorrente del mio risveglio da un po’ di giorni a questa parte, era una domanda che mi piaceva, che mi faceva venire quel sorrisino sul viso un po’ amaro, ma di compagnia. Forse mi sembrava di essere meno solo, anche se poi non era […]

Continua a leggere


Giochi di luce e d’ombra di Lidia Colla

Il tempo – Scivola lungo il fiume, nella nebbia, l’iridato silenzio dei germani. E il tempo. Guizzando fugge su pattini d’argento *** Ti ho fatto, figlio Ti ho fatto, figlio,tenero come ali di colomba. Ti ho parlato dell’uomo. Ti ho parlato di un mondo giusto, o che tale poteva diventare. Ti ho parlato, figlio, di […]

Continua a leggere


Labirintismo di Mauro Montacchiesi

Di un fiore di Venus – Lentamente lascio calare le palpebre. La mia mente inizia la sua catabasi, inizia a percorrere le profonde, tortuose anse, dei segreti, impenetrabili sentieri del mio labirinto. La mia mente non vede, la mia mente ha percezioni oggettivamente icastiche di quella realtà che non vede. *** Un sofocleo atelantropo Tra […]

Continua a leggere


Un balcone su via Merulana di Vittorio Casali

Un balcone su via Merulana segue la pubblicazione di Una vita meravigliosa, Vivere per amare e La nostra gioventù. Via Merulana è un’antica via del XVI secolo che unisce due delle quattro Basiliche giubilari: Santa Maria Maggiore con San Giovanni in Laterano. Affacciandosi dal balcone di casa si ha la possibilità e la fortuna di […]

Continua a leggere


Con tenerezza di Rosanna Bertacchi Monti

Con tenerezza – Ha serrato le palpebre il loto sullo stagno addormentato. Tace la rana tace la folaga sul nido tace l’usignolo sul salice piangente. C’è un silenzio insolito – sospeso dentro l’aria – come se terra e cielo fossero in ascolto. ~ ~ ~ E’ una notte magica… in cui la tenerezza dilaga dentro […]

Continua a leggere


Donne e Delitti di Giuliana Colella

La ragazza giaceva riversa ai piedi della grande quercia. Abiti strappati, ferite in tutto il corpo, gola squarciata. Uno spettacolo raccapricciante. Il commissario Biffi si chinò ad esaminare il cadavere, rimanendo a lungo curvo su di esso. Finita la ricognizione, si tormentò i baffi in atteggiamento pensoso. Aveva raccolto da terra un biglietto d’autobus e […]

Continua a leggere


Idioti di Andrea Lodi

Mancano due minuti… – “Mancano due minuti alla messa in onda”. “Signorina buonasera; si rende conto che è tutta la sera che provo ad avvicinarmi a lei, ma mi sfugge in continuazione”. “Già, così pare”. “Credevo fossimo buoni amici”. “Non è esatto Senatore, lei vorrebbe che fossimo buoni amici, sempre che lei ritenga di averne […]

Continua a leggere


I racconti del Cuore di Vittorio Sartarelli

Rimembranze – Ascoltare i “suoni e silenzi dell’anima” equivale a raccontare e decodificare tutto quanto è insito nella sensibilità di ciascuno, mettendone a nudo gli aspetti più reconditi e profondi. L’anima, principio vitale di tutti gli organismi viventi è, più specificamente, la parte immateriale ed incorruttibile dell’uomo, di origine sicuramente divina e considerata sede delle […]

Continua a leggere


Echi di riti e miti di Daniela Quieti

IL  POETA E IL POZZO Mi trovo, casualmente, in piazza Garibaldi, a Pescara. Senza nessuna ragione apparente, i miei passi mi conducono davanti alla casa natale del Vate, museo nazionale che conserva arredi, mobili d’epoca e oggetti dello scrittore e magico angolo di raccoglimento al centro della città vecchia, racchiuso tra corso Manthoné e via delle […]

Continua a leggere


Prigioniera del tempo di Laura Gay

“Ti ho vista parlare con Messer Cesare”, disse Cristiano mentre si avviava con Elisa verso il palazzo di Santa Maria, “Mi sembra di averti già detto che quell’uomo è pericoloso.” La ragazza sbuffò esasperata. A volte il suo nuovo amico era peggio dei suoi genitori. “Di cosa hai paura, si può sapere?” “Temo che possa […]

Continua a leggere


L'Amore Assoluto di Maria Caterina Festa

(…) Allora si fermò e scese dalla moto. Si tolse il giubbotto pesante e il casco con estrema eleganza e s’incamminò. La casa era tutta illuminata, non solo di luce artificiale. Tutto il giardino, infatti, era pieno di grandi candele accese. Erano state conficcate nella terra grazie a lunghe aste di legno. Sembravano quasi delle […]

Continua a leggere


Intrigo sulla Moskova di Andrea Masotti

Russia, luglio 2008 – Svetlana e Victor – Il sole basso del pomeriggio accende di verde brillante il susseguirsi monotono di abeti e betulle dalle foglie d’argento. Sopra il saliscendi delle chiazze di bosco, tra i rari declivi delle alture e delle sterrate tra le izbe, un cielo grande come l’Asia copre il mio animo […]

Continua a leggere


Uno squarcio di sogno di Daniela Quieti

Scusami se so darti solo uno squarcio di sogno sbiadito d’anima e di cielo. Ampi strappi schiudono la cavità del mio essere attraversato da fremiti elettrici folgorato da luce bruciante battuto da vento gelido. Fragili desideri sorgono perseguitati da bugiardi idoli. Ma come fata morgana una superstite isola mi adula una corrente celeste mi consegna […]

Continua a leggere


L'ombra della madre di Imperia Tognacci

(…) Marco Bellettani era conosciuto negli ambienti mondani di Lucca. La ricchezza di cui disponeva non lo obbligava a lavorare; l’amore per le arti lo faceva essere un po’ musicista, un po’ pittore, un po’ poeta, senza, in realtà, eccellere in alcuna in alcuna di queste discipline. Era un modo per occupare tempo. La musica […]

Continua a leggere


L'altra metà del cielo di Donatella Ferrara

Ormai era evidente che Mark le piaceva moltissimo, non sapeva cosa lo rendeva così attraente ai suoi occhi, era un uomo sicuro di se, determinato, sul lavoro un vero genio, e ne era consapevole. Ma nel privato, appariva diverso, forse era proprio quell’aria tormentata, che lo rendeva così affascinante. Da quando Irene aveva cominciato a […]

Continua a leggere


L'odore del mastice di Paolo Perelli

«Signore e signori, siamo giunti alla fine del nostro lungo e incompleto viaggio tra i generi coreografici del mondo greco. L’ultima danza è la più antica di tutte e si chiama Zeïbèkiko. La ballavano gli Zeibèkidi, una tribù dell’Asia Minore che i Turchi sterminarono nell’Ottocento senza mai riuscire a sottomettere. Era una danza individuale legata […]

Continua a leggere


Il riflesso della luna sull'acqua di Antonio De Santanna

Le strade vanno e vengono senza un ordine apparente. Giungono da lontano per incontrarsi da qualche parte e poi andarsene per proprio conto. Ma a ben guardare sono tutte legate da un filo sottile ed il disordine che a prima vista appare è soltanto il dettaglio di un disegno vasto e grande. “Giacomo! Sei davvero […]

Continua a leggere



Pagina precedente Prossima pagina

keyboard_arrow_up