Di un fiore di Venus

Lentamente lascio calare le palpebre.
La mia mente inizia la sua catabasi,
inizia a percorrere le profonde, tortuose anse,
dei segreti, impenetrabili sentieri del mio labirinto.
La mia mente non vede, la mia mente ha percezioni
oggettivamente icastiche di quella realtà che non vede.

***

Un sofocleo atelantropo

Tra utopia e chimera,
tento un’endoscopia del mio labirinto
e lì mi vedo come una stella nana,
compagna di viaggio
di una stella che non ha mai brillato!
E lì mi vedo come la deflagrazione
di un Big Bang che non si è mai espanso!
Sentimenti, pensieri, volontà:
sono elementi alieni al mio labirinto,
forse mai geneticamente immanenti!
E lì mi vedo, come Kirk,
il Comandante di un’Enterprise mai costruita,
che naviga, senza navigare,
in un cosmo mai generato,
che naviga, senza navigare,
nelle psichedelie di un metempirico quid,
che ha fatto di me un sofocleo atelantropo!

***

Anabasi

Anabasi di un urlo agghiacciante
klimax che flebile nasce da
imi precordi d’un labirinto plumbeo
urlo agghiacciante
che invade la mente
la mente
fiume abiotico velato di bruma
urlo agghiacciante
che rompe gli argini
che si aderge libero impetuoso
nell’etra priva di voci di suoni
nell’etra muta
urlo agghiacciante
finalmente libero dai limiti asfittici della materia
urlo agghiacciante
sinapsi tra
imi precordi d’un labirinto plumbeo.

***

Nell’essenza del nulla

Sentire
la vacua deflagrazione pristina alla genesi
dell’ indistinto
dello zero in cui è celata ogni probabilità
del non identificato
dell’uovo cosmico
che racchiude l’ermafrodito.

***

Dal libro Labirintismo di Mauro Montacchiesi – Edizioni Il Convivio, 2010
Ordina questo libro con dedica autografa dell’autore (Prezzo: € 12,00)

© 2010 – 2012, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Labirintismo di Mauro Montacchiesi

  1. Alcune critiche:
    XXVIII Premio Firenze – Promosso ed organizzato dal Centro Culturale Firenze-Europa “Mario Conti” – Con il Patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Consiglio Nazionale delle Ricerche * Comune di Firenze – Provincia di Firenze – In collaborazione con il Consiglio Regionale della Toscana
    Nota critica:
    “Poesie che spaziano tra stili diversi, tra idiomi differenti e persino tra vari dialetti italiani. Il lessico, che dà vita a tutto questo è sempre colto, ricercato ed avvincente.
    Il “labirinto” di Mauro Montacchiesi è, dunque, vario, policromo e affascinante in tutte le stanze che lo compongono e, in particolare, nella sezione “È la voce del cuore” ricco di immagini suggestive legate alla bellezza della natura.” (La Giuria del Premio Firenze)

    7^ Edizione “Premio Nazionale di Arti Letterarie 2010” Centro Artistico Culturale Arte Città Amica * Patrocinio Regione Piemonte e Provincia Torino * Libro Edito “Labirintismo” Edizioni Il Convivio
    Nota critica “Labirintismo”
    «In un viaggio che metaforicamente ci riporta a quello intrapreso da Teseo per uccidere il Minotauro racchiuso nel labirinto costruito da Dedalo, l’autore trasmette con grande capacità letteraria l’emozionalità della propria esistenza. Si tratta di un percorso interiore metaforico ed esoterico costellato da un mondo di immagini prelevate da un microcosmo dedalico fatto di spettri muti, di liturgie, di essenze del nulla. Un labirinto, come scrive il poeta, fatto “come un pianeta senza materia nella cui orbita ellittica quella trottola prilla, ma inutilmente e soltanto perché deve pur avere un pianeta per esistere”!
    (Il Direttore Daniele Tacchino-Il Presidente Raffaella Spada)»

    Maestrale Centro Culturale – Premio Letterario Internazionale “Ida Baruzzi Bertozzi” XV Edizione Marengo d’Oro – Patrocinio Assessorato alla Cultura Città di Chiavari e Società Economica Chiavari
    Nota critica:
    “Labirintismo”Poesia Accademia Internazionale Il Convivio, Castiglione di Sicilia CT, 2010. Un libro umanamente denso, da cui emana la poesia feconda, serena e luminosa di un poeta colto e poliglotta, appartenente a un tempo indefinito. E’ notevole il contrappuntistico gioco dei testi traslati dall’italiano al dialetto, che meglio evidenziano le remote radici, nel cromatico divenire progressivo dei suoni, entro il tempo, oltre il tempo.
    Presidente della Giuria On. Prof.ssa Gabriella Mondello

  2. Caro Mauro,
    il titolo della sua silloge è senz’altro profetico. Si resta inevitabilmente prigionieri /e, novelle Arianne, del suo labirinto di stampo lirico-filosofico.
    Si percepisce il senso di ‘stella nana’ che attribuisce alla propria esistenza in un contesto cosmico che induce a riflettere sulla vacuità del proprio essere e… come spesso avviene, sul miracolo del proprio essere.
    Libri come i suoi rendono le considerazioni opposte e complementari e arricchiscono non poco.
    Complimenti vivissimi! Maria Rizzi

    1. Gentilissima Maria,
      grazie per la Sua sensibilità e, soprattutto, un plauso per il Suo magistero nel sapersi calare tra i meandri labirintisti, cogliendone perfettamente i messaggi più intimi e reconditi.
      Il “Labirintismo”, come Lei potrà ben immaginare, è un tema molto controverso e, spesso, osteggiato dai più.
      I motivi potrebbero essere molteplici, ma io, forse erroneamente, pongo in prima linea il timore di guardarsi dentro, ovvero di arrivare a vedere il proprio Minotauro!
      Le auguro una vita serena e ricca di soddisfazioni!
      Buon Anno!
      Mauro Montacchiesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine