I

A chi importa
il mio passato
sono nata all’alba
e il crepuscolo
già si avvicina.

Ma chi dice
che devo capire
tutto in un istante
che racconta
indovinelli
e parole
sconosciute.

Sento ancora
cantare
il mio fiume
sostiene la vela
il vento forte
e l’albero gigante
ha radici di linfa.

Il tempo
è un luogo
inesplorato
sul bordo aperto
del cielo.

***

II

Si agitano i bastioni
cadono le torri
mentre la bocca asseconda
il distinguo delirante
e la notte non sa urlare.
Con chi combatte il buio?

Svegliarmi e perdermi
contro scogliere e palafitte
strette da silenzi.

Io sogno un ritorno
ancestrale
una cometa che mi guidi
a un cielo d’albe chiare.

***

Dal libro L’ultima fuga di Daniela Quieti
Ordina questo libro
con dedica autografa dell’autrice

© 2011 – 2013, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

104 thoughts on “L’ultima fuga di Daniela Quieti

  1. Cara Daniela, le tue intense meditazioni poetiche, che ho sentito anche mie, rispecchiano un dolore universale che sa perdonare la vita. Grazie e complimenti vivissimi per il bell’evento letterario. Cristiana Pace

  2. Mia cara, dolcissima Amica,
    ecco un vero pacco-dono natalizio…
    Un ritorno alle radici della rinascita, di quella rinascita
    che è volontà sopita nei cuori di troppi.
    Una lirica di purezza incandescente, di dolore e seranza,
    com’è tipico dei tuoi versi di raso.
    Mi chiedo ancora e sempre come sai riuscire
    senza quadri immaginifici a creare affreschi così intensi.
    Sei nell’anima del tempo che viviamo.
    E ne sei una testimone commovente.
    Duro l’attacco al natale laico e senza snso che ci rende tutti schiavi
    dei regali e del cibo…
    Poderosa la chiusa, con il riferimento all’attesa di ‘un’ultima fuga’
    verso ‘la cometa che ci guidi / verso un cielo d’albe chiare”
    Sai lasciarmi con il respiro sospeso….
    Ti abbraccio forte e vorrei saper scrivere una lirica di tale spessore!
    … Sia lieve ogni tuo giorno, fiocco di neve, alito d’aurora, musica d’anima…

    1. Mia cara Maria, grazie, di cuore, per le tue intense parole che mi emozionano e mi toccano particolarmente in questo tempo di amara riflessione sulle cose del mondo, quando più forte si fa l’esigenza di pace, serenità e bellezza. Nel profondo senso di devozione alla parola del Salvatore che ci ha chiesto scusa di esistere, malgrado noi, auguro a te e a tutti un nuovo anno lieve e senza paura, con i sogni e le speranze che ci hanno accompagnato fino ad ora, con la determinazione di vincere ogni disperazione. Buon 2012 ♥

  3. Tanti Auguri di Buon Natale a tutti! Desidero condividere con voi lo spirito della Santa Natività porgendovi la mia poesia “Natale non è Natale senza te”

    Natale non è Natale senza te
    non m’importa di regali
    è che Natale
    proprio non è Natale senza te.
    Tutto è come se tu fossi qui
    nelle tenebre di queste strade
    che spaventano le luci
    commemorano il dono speciale
    sotto l’albero che non c’è.

    Ora suona il campanile
    in logica non occasionale
    ma manca, sai,
    quel sogno sotto il vischio
    della notte attesa di salvezza
    e d’amore
    appena pronunciato
    in cerca di candide slitte
    di guglie e tenere speranze.

    La strenna non è dove
    si raccoglie
    una minestra per tutti
    sulla terra
    effetto serra tornato alla normalità
    assistenza sanitaria
    non più guerra
    o deforestazione
    ghiacciai liquefatti e disastri nucleari.

    Ti cerco ovunque mentre prego
    una riscrittura vorrei
    del pianto
    che costò l’aver amato
    un segno basterebbe
    nel tuo recinto
    a ricomporre brandelli di corona
    divina convergenza
    che dalle stelle scende

    e ancora m’innamora.

    (Daniela Quieti, da Thema L’Informazione, 23. XII. 2011)

  4. A te, Daniela
    Lasciami immergere nel seno dei tuoi versi che rivelano di te nostalgie recondite.
    Nel tuo tramonto assaporo il tuo canto che scivola a rinfrescare la mia anima arsa.
    A te, alla tua poesia mi stringo, colma di riverbero in quell’angolo di cielo dove
    l’ombra si allontana.
    Con grande ammirazione
    Rosetta

    1. Mariarosa cara,
      un grazie speciale per questo tuo intervento così bello. Con levità di sensibile artista e poeta, condividi le mie emozioni e ne percepisci l’inquietudine per un’alba che nasce già offuscata da veleno.
      Nell’angolo di cielo dove l’ombra, forse, si disperde, perché il cuore ancora emana la luce di una parola, ti stringo forte.
      Con tanto affetto e ricambiata stima

      Daniela

  5. Desidero esprimere il mio affetto e stringermi con intensi sentimenti di solidarietà agli amici e a tutti coloro che stanno vivendo momenti drammatici nelle zone colpite dalla violenta alluvione, apportatrice di lutti e feriti, nonché della distruzione del territorio, cancellando memorie e testimonianze umane di alcune delle più belle realtà nazionali.
    Un fortissimo abbraccio

    Daniela Quieti

  6. Ho ricevuto “L’ultima fuga”, Daniela e ringrazio con fervore te
    e la redazione del Manuale di Mari!
    Come immaginavo si tratta di uno splendido romanzo in versi,
    che abbraccia la tematica della ‘fuga’ virtuale della donna.
    Adotto il termine ‘virtuale’, in quanto in questo magnifico testo
    è la Donna a leggere in se stessa, a sublimarsi e sacrificarsi.
    E’ la Donna, che partorisce l’uomo e lo riprende nel grembo, dopo
    lungo, laborioso viaggio.
    Non esiste una fuga nell’accezione effettiva del termine, ma un tentativo
    di andare oltre le comuni frontiere della comprensione, dell’accettazione.
    La raccolta di liriche della “Donna dell’anno”… mai fu più meritato questo Premio!…,
    supera le barriere dell’autoreferenzialità e diviene universale. Appartiene a tutti
    coloro che desiderano immergersi in versi asciutti, fluidi, immaginifici, pur nel
    loro stile, a tratti tipografico, per ritrovarsi o iniziare a capirsi.
    Un Dono gratissimo che spero di meritare!
    Ti stringo al cuore, amica mia!

    1. non ho il piacere di conoscerLa, ma sono contenta di potermi congratulare per il suo meritato premio.
      ho letto solo alcune cose ma colmerò presto le mie lacune.

      1. Gentilissima Teresa, desidero esprimerLe la più sentita gratitudine per le belle parole che mi dedica. Spero di avere al più presto l’occasione per ringraziarLa personalmente.
        Un carissimo saluto

        Daniela Quieti

    2. D’autunno, sotto questa suggestiva pioggia di Libri in Fiera, la tua densa nota critica, carissima Maria, giunge a me particolarmente preziosa e mi commuove. Con profonda sensibilità introspettiva di Donna e Autrice leggi i miei versi e ne filtri il senso. Un progetto d’amore, la mia “fuga”, a cercare consapevolezze per ‘esserci’ nell’inquietudine e nel candore che si contrappongono, siano essi inconsueti, fragili orizzonti da esplorare, recuperi memoriali o ‘alter ego’, vita comunque generata da riaccogliere in seno levigandone gli spettri, le insensate e traumatiche tensioni distruttive che spesso sorgono dall’irrispettosa violenza del mondo. La sentita interpretazione della mia interiorità, l’amicizia sinceramente condivisa, espressa dai sentimenti di stima e solidarietà che ci coinvolgono in un’emozionante avventura creativa, sono per me significante ‘Dono’.
      Ti abbraccio forte.

  7. Non avevo dubbi…dopo tanto lavoro ecco il risultato prestigioso!
    Congratulazioni alla poetessa che ci onoriamo di avere anche come AMICA

  8. Ciao Daniela

    I primi versi della tua poesia fanno pensare alla vita che scorre, l’alba è la nascita e il crepuscolo è l’ultima parte dell’esistenza, è vero, il tempo è un luogo inesplorato come il cielo, non sapremo mai di che colore sarà domani.
    Sei così brava a scrivere che una cometa ti guiderà sempre e sarai sempre circondata da albe chiare e profumate.
    Quando leggo le tue poesie mi fai sempre riflettere, perchè entro nei tuoi versi e camminando dolcemente fra le parole ne capisco il vero significato.
    Ecco la differenza fra una poestessa autentica e una scrivacchina come me…

    Brava Daniela un abbraccio ricordandoti sempre con affetto

    Maria Luisa Seghi

    1. Carissima Maria Luisa,
      grazie infinite per le generose parole che mi dedichi e che mi emozionano profondamente. Desidero esprimerti, a mia volta, l’apprezzamento per la tua scrittura che sempre sottende sentimenti belli e di cristiana pietas. Ti ricordo anch’io con affetto.
      Un abbraccio

      Daniela Quieti

  9. Desidero porgere il più vivo grazie per esserci, sempre, a tutti i carissimi amici che mi sostengono e condividono con affetto il mio percorso. Mi sono sforzata in questi anni di esprimere attivamente il mio impegno didattico, culturale e sociale attraverso la scrittura, la poesia, il giornalismo e il volontariato. Spero di essere riuscita, almeno in parte, a trasmettere in quello che ho fatto e scritto le mie emozioni e le mie sensazioni, coinvolgendo gli allievi, i lettori e gli ascoltatori. Rinnovo i sentimenti di gratitudine al portale Manuale di Mari che mi ospita e ad Alessandro, Gianluigi, Marisa, Adrian, Lorenzo, Gianna, Riccardo, Gulnara, Ida, Anna, Luigi, Raffy, Valentino, Maria Rosaria, Antonello, Roberto, Domitilla, con un pensiero speciale alla mitica V B.
    Aff.ma

    Daniela Quieti

  10. Congratulazioni Daniela ! Premi meritatissimi che testimoniano la professionalità profusa in campo sociale e letterario. Auguri di buon proseguimento per il futuro.

  11. Esprimo le più vive congratulazioni per l’assegnazione del prestigioso Premio Internazionale Donna dell’Anno 2011, meritato riconoscimento alla cultura e all’impegno che Lei pone in ogni Sua opera.
    Roberto Ferri

  12. Un prestigioso e meritato riconoscimento che premia le alte qualità emerse dalla tua riservatezza. Affettuosi e vivi rallegramenti alla donna dell’anno della cultura. Antonello

  13. Complimentissimi per il meritato successo. Saremo tutti in prima fila a Lugano ad applaudire la donna dell’anno della cultura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine