menu Menu
Daniela Quieti
Daniela Quieti

Daniela Quieti è nata e vive a Pescara. Docente di Lingua e Letteratura Inglese, dirige le collane I campi magnetici e Dal mito alla storia per le Edizioni Tracce. Iscritta all’Albo dei giornalisti pubblicisti, cura rubriche di cultura e tradizioni per le testate online Thema L’informazione, Agricoltura Oggi, L’eterno Ulisse, e per le riviste I fiori del male e Il Porticciolo. Ha partecipato attivamente a rassegne e convegni internazionali ed è membro di giuria e consulente linguistica di concorsi letterari. Ha pubblicato i libri di poesia I colori del parco, Cerco un pensiero, Uno squarcio di sogno, L’ultima fuga; di narrativa Altri Tempi, Echi di riti e miti, Quel che resta del tempo; di saggistica Francis Bacon La visione del futuro. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti alla Cultura tra cui Città di Penne, Un Bosco per Kyoto, Città delle rose, Scriveredonna, Città di Empoli Domenico Rea, Città di Pontremoli, Città di Cattolica.

Pagina precedente Prossima pagina Prossima pagina

Atmosfere di Daniela Quieti

Le ore del mattino hanno l’oro in bocca “Le ore del mattino hanno l’oro in bocca”: era un proverbio caro agli antichi che esortava a fare buon uso delle ore mattutine. Esse sono le più preziose della giornata, le migliori per lavorare in quanto cariche di energia. Il significato è immediatamente comprensibile. Quando si è […]

Continua a leggere


Quel che resta del tempo di Daniela Quieti

Quattro passi in un’antica città – Venite nella mia città! Vi aspetto, all’imbrunire, sul nuovissimo “ponte del mare”, l’agile capolavoro urbanistico che unisce le due riviere di Pescara: la nord e la sud. Vi terrò impegnati un paio d’ore, il tempo di una passeggiata… promesso! Prima di muoverci, diamo “uno sguardo dal ponte”… verso le […]

Continua a leggere


Francis Bacon – La Visione del futuro di Daniela Quieti

Originalità della proposta baconiana – Non casualmente, in questo primo scorcio di ventunesimo secolo, in cui forse la civiltà industriale ha raggiunto il suo culmine, la personalità e l’opera di Francis Bacon possono destare un nuovo interesse. Infatti egli appare oggi come colui che, recependo i fermenti e i problemi del suo tempo, tracciò alcune […]

Continua a leggere


L’ultima fuga di Daniela Quieti

I – A chi importa il mio passato sono nata all’alba e il crepuscolo già si avvicina. Ma chi dice che devo capire tutto in un istante che racconta indovinelli e parole sconosciute. Sento ancora cantare il mio fiume sostiene la vela il vento forte e l’albero gigante ha radici di linfa. Il tempo è […]

Continua a leggere


Echi di riti e miti di Daniela Quieti

IL  POETA E IL POZZO Mi trovo, casualmente, in piazza Garibaldi, a Pescara. Senza nessuna ragione apparente, i miei passi mi conducono davanti alla casa natale del Vate, museo nazionale che conserva arredi, mobili d’epoca e oggetti dello scrittore e magico angolo di raccoglimento al centro della città vecchia, racchiuso tra corso Manthoné e via delle […]

Continua a leggere


Miserere

Miserere d’ombra sorveglia la linea d’alba sull’ulivo dell’orto e immola agonie d’effigie su essenze di serti in ritiro d’amore nel recinto di pietra nel grembo di terra che accoglie liturgie d’inferto abbandono. Dalla silloge “Graffi obliqui” di Daniela Quieti (Translated from Italian by Daniela Quieti) Miserere Miserere of shadow oversees the line of down on […]

Continua a leggere


Ha un respiro smarrito

Ha un respiro smarrito quest’assenza che sussurra l’inganno dell’attesa dispersa offerta che non risarcisce cieli senza remissione e senza fiamma intrecciati nei fili d’una storia spoglia di voci adesso dove cerco la sola fonte che imperli di promesse nuove l’amara destinazione l’illusione lacerata desiderata lungo il silenzio innamorato di ritorni che inappagato m’invade. Dalla Silloge […]

Continua a leggere


L'insalata di riso

Sono nel mio studio, seduta davanti al computer sulla scrivania accanto alla finestra sul mare, circondata da cartelle e libri ammucchiati anche sulle poltrone. Con il mio gatto. È già agosto ed è una giornata particolarmente afosa, ma non sopporto l’aria condizionata, preferisco asciugarmi la fronte con un fazzoletto di carta. Perché non mi chiami? […]

Continua a leggere


Una lettera d'amore

Mio caro, la verità è che ti amo. Adesso che siamo distanti e ciascuno di noi è preso dalle reciproche realtà, oltre la speranza più o meno possibile di ritrovarci, protetti dalle insidie che hanno obliquato, rimpicciolito e dilatato l’interpretazione di un pur identico codice, questa è l’unica certezza. Un’ansia strana mi consuma, mi induce a […]

Continua a leggere


Alla nostra passione

Alla nostra passione ricordi, amore alzammo il calice allo scoccare della prima ora di un tempo senza tempo al dono che volevamo farci entrambi quell’attrazione di una calda terra in cima alla collina per consumare quel che resta di noi dentro il castello dove nevica d’inverno e solitudine scuote amate radici e fragore popola di […]

Continua a leggere


Mi manchi

Caro, qui dove il sogno s’incaglia in un giorno d’autunno e profumo in frana è petalo d’amore   su prato falciato da pugnale epitaffio a graffiare terra esiliata il ritmo è instabile. Ma è ancora vero sai, mi manchi. Quando il cuore smette di soffiare e la mia abrasione si obliqua su te il tuo cielo […]

Continua a leggere


Ragazzo audace

Ragazzo audace la tua parola impertinente esplode come una bolla di sapone il tuo bacio bambino ha già il sapore di una memoria amara dilaniata dalla guerra degli idoli il tuo jeans lacerato attraversa l’eccesso della tua porta per condurti dove sei inascoltato nelle strade della tua città. Dalla silloge “Graffi obliqui” Premio Scriveredonna 2009

Continua a leggere


Cogli sulle mie labbra

Cogli sulle mie labbra un bacio e che esso ti bruci e annienti l’agonia del tuo sorriso tenue che di lucenti stille invade il cuore. Esulta il mio pensiero alla sovranità d’impronte amate e ti avvolge e ti segue come farfalla dalle ali d’oro. Ho conquistato per te un regno dove tu solo imperi dove […]

Continua a leggere


L’impossibile

L’impossibile diventa possibile se trascendo il pensiero razionale perché il cuore non conosce confini di proprietà e ragionamento non svela i misteri di questo amore né perché cerco ancora una volta il varco di linee scabre perse in colori di sole e d’ombra che conduce al tuo respiro. Dalla silloge “Graffi obliqui” Premio Scriveredonna 2009

Continua a leggere


Non ti seppellirò

Non ti seppellirò mio sogno nel fango delle ipotesi concrete combatterò per liberarti nella città di luci ti porterò in un ristorante dove il pane è morbido e il colore della speranza è servito su un piatto di fagioli novelli all’olio e cipolla con l’argenteria del cuore e ostriche d’amore. Dalla silloge “Graffi obliqui” Premio […]

Continua a leggere


Tutto vince l’amore

Il 14 febbraio è la festa di San Valentino, tradizionalmente dedicata agli innamorati. Il suo nome deriverebbe dal latino valorem tenens, cioè chi persevera nel valore, o da valens tyro, valoroso soldato e, forse, racchiude in sé varie figure di martiri. Secondo alcune narrazioni, nel terzo secolo, l’imperatore romano Claudio aveva proibito i matrimoni perché […]

Continua a leggere


Uno squarcio di sogno di Daniela Quieti

Scusami se so darti solo uno squarcio di sogno sbiadito d’anima e di cielo. Ampi strappi schiudono la cavità del mio essere attraversato da fremiti elettrici folgorato da luce bruciante battuto da vento gelido. Fragili desideri sorgono perseguitati da bugiardi idoli. Ma come fata morgana una superstite isola mi adula una corrente celeste mi consegna […]

Continua a leggere


Giornata della Memoria: siamo tutti di razza umana

“Il lavoro rende liberi”, questa la scritta che campeggiava, e ancora permane, dopo essere stata sottratta e recuperata, all’ingresso del campo di concentramento nazista di Auschwitz, in Polonia, il più grande fra gli orribili luoghi di sterminio che caratterizzarono i momenti bui della seconda guerra mondiale. Quanta impostura in queste parole! Infatti, esse nascondevano la […]

Continua a leggere


La mia declinazione

La mia declinazione sei tu di te a te te sempre tu e io con te. Dalla silloge  “Graffi obliqui” di Daniela Quieti – Premio Scriveredonna  2009

Continua a leggere


Per chi arriva la Befana?

Amatissima dai piccoli, la Befana, da  epifania, cioè manifestazione, è una favolosa vecchietta che distribuisce doni ai bambini buoni, ma cenere e carbone a quelli disubbidienti, nella notte fra il cinque e il sei gennaio. L’iconografia la rappresenta in ciabatte, lunga gonna scura e rattoppata, grembiulone, scialle e ampio cappello. E, soprattutto, mentre vola sui tetti […]

Continua a leggere


Il Natale è la speranza

Arriva il Natale, la ricorrenza più importante dell’anno. Sono, per milioni di persone, giorni di semplice festa, di doni e di consumi, di musica e di viaggi. Tutto ciò generalizzando, ovviamente. Il che è sbagliato perché, a mio parere, esistono tanti natali, ognuno diverso per quanti sono  gli esseri del mondo che credono nel mistero della Natività. Quello […]

Continua a leggere


Natale speciale

Sogno muto di voce lontana saccheggia luce di sole tramontato di ciò che non è stato di un bacio d’amore non dato. Un’ansia frantuma il cuore dolore riannoda memorie di un Natale speciale cometa ancora su grotta fiamma d’eternità breve di un giorno che muore d’ombra. Dalla silloge  “Uno squarcio di sogno”  di Daniela Quieti […]

Continua a leggere


A chi importa

A chi importa il mio passato sono nata all’alba e il crepuscolo già si avvicina. Ma chi dice che devo capire tutto in un istante che racconta indovinelli e parole sconosciute. Sento ancora cantare il mio fiume sostiene la vela il vento forte e l’albero gigante ha radici di linfa. Il tempo è un luogo […]

Continua a leggere


L'olio di San Bernardino

Occhi disperati cercano risposte nel cielo che ora appare dall’enorme squarcio sulla cupola, quella della basilica di San Bernardino, a L’Aquila. Un gioiello architettonico rinascimentale che conserva le spoglie del Santo Protettore della città e la sua maschera mortuaria in cera, entrambe esposte in un’urna d’argento, all’interno di un monumentale mausoleo marmoreo che, scolpito a […]

Continua a leggere


Solo un momento

Solo un momento deponi i dubbi ignora il grido muto del cuore guardami nel modo in cui sai fare tu fammi sognare il paradiso come non lo vedrò mai l’inferno senza perdizione e quando sarà tempo di andare non paventeremo lo spettro svelato. Dovunque conduca il suo sentiero buio se resteremo vicini saremo imbattibili. Dalla […]

Continua a leggere



Pagina precedente Prossima pagina

keyboard_arrow_up