Mario Prontera

14 Articles written
Mario Prontera (Anonimo Capuano). Mancìno, daltonico, del Capo di Lèuca, con trascorsi onorevoli paraecclesiastici in qualità di chierichetto prima e boy-scout poi, dopo gli studi classici, una laurea in Medicina e Chirurgia , una specializzazione in Ostetricia e Ginecologia, dopo aver servito la Patria col grado di Sottotenente Medico di Complemento del CSA,una moglie e due figlie, e dopo trenta anni e quattro mesi di onorato e onesto servizio in sala da parto a 'tempo pieno', decido di appendere al chiodo i guanti di lattice dell'ostetrico, per dedicarmi a 'tempo perso' al piacere curioso della scrittura in versi.
- Advertisement -

Sui gradini della notte di Mario Prontera

A Carmen (dal latino = poesia) La mia Poesia è uno spiffero di brezza marina di metà novembre, carica del sapore acre del sale, sferzante come un ceffone di ghiaccio, ondeggiante...

A Silvia, una qualunque, ma questa è vera

Non hai nulla da farti perdonare, ma ti perdono lo stesso: era le volte che mi cercavi, e sbagliavi lo spazio, non il tempo; era le volte che...

Cattivi pensieri

Chissà come passerà questa notte che allunga le sue mani su una metà del cielo, come faccio io sui tuoi fianchi! Chissà se riuscirà a trattenermi dall'andare a...

Senza titolo e comunque a M.P. da M.P.

Ed ora che sai come ...'non ti voglio', lasciati sfogliare come un libro, oppure spogliare come una poesia; oppure gioca tu con la mia allegria, e la tua...

Cercando ancora la POESIA…

Cercando ancòra "la POESIA", la mia almeno, una poesia qualsiasi Ed è una bella SIGNORA con la gonna e un po' di rimmel, ma senza trucchi...

Ballata onirica per una donna

C’era una donna più o meno bella ed era sempre più o meno quella: donna di mare, di terra e d’argento, venduta per caso ai fruscii del...

Estate 2005 e dintorni: sproloqui notturni in cerca di audizione…

08 dicembre 2003 - Finibus Terrae - (al paese natale, passando per un compagno di scuola che ormai non c'è più e per la prof.ssa Concettina Franco) C'era...

Di me, col sorriso sulle labbra

Quasi come un poeta, un lirico piuttosto, poligamo, impunito, impenitente, 17 volte almeno, o 17 volte 17; ma una sola era la 'dea ex machina': mia madre, 'dea ex anima'. Era il 28...

Alle Muse, le mie almeno, numerose e straordinarie

Diciamoci ADESSO tutto, perché niente vada ad imbrattare, DOPO, il diario di bordo; e lasciami sul bordo di una foto o di una notte ubriaca di stelle, gli appunti...

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti