menu Menu
Mario Prontera
Mario Prontera

Mario Prontera (Anonimo Capuano). Mancìno, daltonico, del Capo di Lèuca, con trascorsi onorevoli paraecclesiastici in qualità di chierichetto prima e boy-scout poi, dopo gli studi classici, una laurea in Medicina e Chirurgia , una specializzazione in Ostetricia e Ginecologia, dopo aver servito la Patria col grado di Sottotenente Medico di Complemento del CSA,una moglie e due figlie, e dopo trenta anni e quattro mesi di onorato e onesto servizio in sala da parto a 'tempo pieno', decido di appendere al chiodo i guanti di lattice dell'ostetrico, per dedicarmi a 'tempo perso' al piacere curioso della scrittura in versi.

Pagina precedente Prossima pagina

Sui gradini della notte di Mario Prontera

A Carmen (dal latino = poesia) La mia Poesia è uno spiffero di brezza marina di metà novembre, carica del sapore acre del sale, sferzante come un ceffone di ghiaccio, ondeggiante come la biada al suono stonato del vento, tremula come le stelle di questa notte che mi corteggia e mi contende, sfiduciata, alla morte. […]

Continua a leggere


A Silvia, una qualunque, ma questa è vera

Non hai nulla da farti perdonare, ma ti perdono lo stesso: era le volte che mi cercavi, e sbagliavi lo spazio, non il tempo; era le volte che mi volevi, e volevi toccarmi soltanto; era le volte che mi parlavi, e parlavi alle nuvole; era le volte che mi pensavi, e pensavi di notte; era […]

Continua a leggere


Cattivi pensieri

Chissà come passerà questa notte che allunga le sue mani su una metà del cielo, come faccio io sui tuoi fianchi! Chissà se riuscirà a trattenermi dall’andare a cercarti un diadema di stelle per convincerti a me; chissà che all’ombra del buio non sia una specie di gioco; e chissà che a giocare col buio […]

Continua a leggere


Senza titolo e comunque a M.P. da M.P.

Ed ora che sai come …’non ti voglio’, lasciati sfogliare come un libro, oppure spogliare come una poesia; oppure gioca tu con la mia allegria, e la tua fantasia me la compro per un pugno di sogni, e con un pugno di mimose appassionate!

Continua a leggere


Cercando ancora la POESIA...

Cercando ancòra “la POESIA”, la mia almeno, una poesia qualsiasi Ed è una bella SIGNORA con la gonna e un po’ di rimmel, ma senza trucchi di ciprie nè cinture di vimini sotto; e che tu sappia ballare e ridere di gusto, e anche di niente! Così mi piace pensarti, come una donna di facile […]

Continua a leggere


Ballata onirica per una donna

C’era una donna più o meno bella ed era sempre più o meno quella: donna di mare, di terra e d’argento, venduta per caso ai fruscii del vento; donna di ghiaccio, di paglia e di biada, sempre a cercare di trovare una strada. E quando a un’alba decise di andare, venne e poi di nuovo […]

Continua a leggere


Estate 2005 e dintorni: sproloqui notturni in cerca di audizione...

08 dicembre 2003 – Finibus Terrae – (al paese natale, passando per un compagno di scuola che ormai non c’è più e per la prof.ssa Concettina Franco) C’era una volta e forse c’è ancora, un posto incantato di biade e scogliere scheggiate dal mare più intenso del mondo e mai più profondo di un palmo […]

Continua a leggere


Di me, col sorriso sulle labbra

Quasi come un poeta, un lirico piuttosto, poligamo, impunito, impenitente, 17 volte almeno, o 17 volte 17; ma una sola era la ‘dea ex machina’: mia madre, ‘dea ex anima’. Era il 28 febbraio 2010 alle ore 04, o2

Continua a leggere


Alle Muse, le mie almeno, numerose e straordinarie

Diciamoci ADESSO tutto, perché niente vada ad imbrattare, DOPO, il diario di bordo; e lasciami sul bordo di una foto o di una notte ubriaca di stelle, gli appunti che non ho saputo prendere. E con fili di biada, intinti nel calamaio della sera, traccio di getto, su lavagne a a perdere, arabeschi di umori […]

Continua a leggere


Quasi come un poeta

Io sono un venditore di parole, anche usate, che dico : abusate! Nella bottega della mia fantasia, le passo rapidamente al setaccio e poi, d’istinto, giù a comporre come bouquet di viole del pensiero, o ghirlande di fresie e tulipani, o fasci di rose gialle e appassionate, o piccoli mazzi di ciclamini di bosco, o […]

Continua a leggere


Primum movens

PRIMUM MOVENS (ovverosia come é iniziata questa mia disavventura letteraria). L’occasione fa l’uomo ladro e, certe volte, …poeta; e come un ladro alquanto sprovveduto, mi son messo a rubare parole alle parole, così, sull’onda misteriosa del tempo breve e degli spazi lunghi, quelli che avvicinano le cose; e come un ladro meno sprovveduto, ho rubato […]

Continua a leggere


Alla penultima delle mie 17 Muse ispiratrici...

Alla penultima delle mie 17 Muse ispiratrici (nel giorno in cui la prima, Martina, compie gli anni) Io, “allevatore di bambini”, ormai abbastanza vecchio di muscoli e di idee, bevo ancòra “acqua del fiume della notte” e s’allarga, fino a tracimare, l’onda della fantasia, ma poi, ritorna, e “pitta” di sapori antichi più di me […]

Continua a leggere


A mia madre, che mi insegnò...

A mia madre, che mi insegnò a scrivere con la mano destra Mancino, daltonico, del Capo di Lèuca, ‘acquario’ un po’ geniale, forse, di certo sregolato e appassionato, <indefinito presente>,… indefinito ma PRESENTE io, ho ricevuto in dono da mia madre il piacere curioso di scrivere piano e bene, di scrivere CHIARO insomma; ed è […]

Continua a leggere


Al mio mestiere ovvero "allevatore di bambini"

Trentanni e quattro mesi, con ogni luna della notte, ho scritto su ‘fogli di pelle’ e il pennino era una lama affilata; e venivano a galla ‘pupazzi di carne’ scocciati di nuotare nell’aria. Adesso uso ‘penne di filo’ e ricamo cianfrusaglie di umori.

Continua a leggere



Pagina precedente Prossima pagina

keyboard_arrow_up