Quasi come un poeta

Articolo precedentePrimum movens
Articolo successivoRagazzo audace

Io sono un venditore di parole,
anche usate, che dico : abusate!
Nella bottega della mia fantasia,
le passo rapidamente al setaccio
e poi, d’istinto, giù a comporre
come bouquet di viole del pensiero,
o ghirlande di fresie e tulipani,
o fasci di rose gialle e appassionate,
o piccoli mazzi di ciclamini di bosco,
o corone ieratiche di garofani piangenti;
e mescolando pochi tipi di fiore,
doso daltonicamente i colori
e ogni tanto l’effetto non è male;
male semmai é che i fiori sfioriscono
e le parole più belle non hanno un corpo.
“I poéti,  che strane creature,
ogni volta che parlano é una truffa!”

(a Francesco De Gregori)

da “ESTATE 2005  e dintorni”.

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti