menu Menu
Lenio Vallati
Lenio Vallati

Lenio Vallati poeta e scrittore, ha pubblicato finora i volumi di racconti ‘Soggiorno a Bip-Bop’, Aut. Libri Firenze, ‘Un criceto al computer’, Ibiskos Ed. e ‘Desiderio di volare’, ed. Bastogi, che riunisce 23 racconti molti dei quali vincitori di 18 primi premi per la narrativa. Numerosi e di prestigio sono i riconoscimenti anche per la poesia. E’stato eletto, al ‘Belmoro’ di Reggio C. poeta-scrittore dell’anno 2005. E’ presente in numerose antologie tra le quali ‘Poesie d’amore per il 3° millennio’ e ‘Letteratura Italiana- Poesia e narrativa dal 2° Novecento ad oggi ’ 2007 ed. Bastogi. Nel corrente anno 2007 ha ottenuto il 1° premio al ‘Molinello’ per la narrativa inedita. Di recente pubblicazione il volume di poesie “Alba e tramonto” ed. Bastogi. Nel corrente anno ha ottenuto il primo premio per la poesia inedita al 'Premio Rivalto' e al 'Gronchi di Pontedera', e il 2° posto al 'Verso i versi' città di Siano, al 'Kairnak' e al 'Città di Pescocostanzo'.

Pagina precedente Prossima pagina

Graffio d'alba di Lenio Vallati

Ero ancora un ragazzo quando mio padre mi portava a visitare la fabbrica. “Un giorno tutto questo sarà tuo”, mi diceva. Le sue parole mi procuravano un immenso piacere. Osservavo compiaciuto i capannoni e non pensavo minimamente alle responsabilità che comportava l’amministrarli. Poi conobbi Elena, l’unica donna della mia vita, che dopo qualche anno divenne […]

Continua a leggere


Questo è Natale

Natale non è tavole imbandite, alberi, presepi, panettoni, spumanti. Natale non è luci, addobbi, festoni, palline colorate, luci intermittenti. Al mattino mi recherò fuori, nel paesaggio di neve, tra le case ancora addormentate, nelle strade dure di ghiaccio dove tu dimori da sempre e ti dirò vieni amico mio, dai, vieni con me, non temere. […]

Continua a leggere


Alba e tramonto di Lenio Vallati

Alba e tramonto – Tu sei l’alba, i vestiti ancora aspersi di rugiada nel cuore i misteri della notte e negli occhi luccichii di stelle. Io sono il tramonto, foglie secche nell’anima e negli occhi rossastri bagliori di un sole cadente. Ma dentro sento tanta voglia d’amare come se io e te non fossimo poi […]

Continua a leggere


Desiderio di volare di Lenio Vallati

Marco ricorda ancora quelle volte che erano insieme sulla spiaggia, i visi bagnati da uno spruzzo di salsedine, le ali di un gabbiano si libravano nell’aria, soffici come sogni, i loro sogni di allora. Un temporale estivo, sotto forma di un rapace, li portò via, con la promessa di farli volare ancora più in alto. […]

Continua a leggere


Un criceto al computer di Lenio Vallati

Ciao bambini, sono Gino, il vostro amico criceto. La mia storia comincia nell’estate di due anni fa. Una calda sera di metà settembre mi trovavo in una grande gabbia insieme ad almeno un’altra decina di miei simili quando vidi avvicinarsi un tipo non molto alto dalla corporatura robusta. Mai avrei potuto immaginare allora quanta parte […]

Continua a leggere


Una favola d'amore

“Papà, mi racconti una favola?”. “Certo! Che animali vuoi stasera?”. “Allora… un leone, un topo e… un elefante! Con tanti, tanti scherzi!”. Certo, ho nostalgia di quei momenti quando tutte le sere raccontavo a mia figlia una favola. Adesso è grande, ha diciannove anni e non ne ha più bisogno. Non era facile inventare così, […]

Continua a leggere


Padre

E ti rivedo, padre, sicuro e dritto sull’impalcatura, la mestola in mano, sporche le vesti di calcina, o nei campi, intento alla zappa o alla vanga secondo le stagioni. Adesso, padre, c’è nebbia nei tuoi occhi e melagrana amara a sgranare é l’amarezza dei tuoi giorni a venire. Un terribile morbo ti fiacca l’anima. Ben […]

Continua a leggere


Sogno d'amore

Brividi sulla pelle, fruscii di seta. Canne al vento intonano una canzone nell’aria rarefatta della sera. Ti stringo a me, e i nostri cuori vibrano d’infinito, mentre rubiamo al sole un suo ultimo raggio. E poi tutto tace d’intorno, parla soltanto il linguaggio muto dell’amore, mentre noi scivoliamo lenti nel cuore della notte e abbiamo […]

Continua a leggere


Storia di un chicco di grano

Eravamo un centinaio nell’incavo di una mano rugosa, pronti ad essere lanciati nei solchi aperti dal vomere a fecondare la terra. Per tanto tempo restammo immobili. Venne la brutta stagione. Vento, pioggia, lampi. Noi sentivamo solo il frusciare delle foglie sul terreno, il sibilo del vento che le trascinava via e il ticchettio della pioggia […]

Continua a leggere


Cercami

Se un giorno tu non mi trovassi più al tuo fianco, non credere che ti abbia abbandonata, ma cercami, cercami tra le fronde degli alberi al tramonto, tra le spighe di grano ondeggianti al vento, cercami nei mille silenzi della notte o nel tepore di un nuovo mattino e mi troverai da qualche parte seduto […]

Continua a leggere


Luce d'alba

Pigre e solitarie corrono le ore verso un epilogo d’attese. Non resta che un respiro, affannoso, che si fa preghiera alla prima luce che traspare a inondare il nuovo mattino.

Continua a leggere


Sogni infranti

Ali di gabbiani i nostri pensieri planavano sul mare. La sera, li accese di desiderio e la notte li avvolse nel suo manto di stelle e li portò lontano. Sulla sabbia al mattino, rimasero solo fremiti di sogni infranti al mormorio dell’alba. *** Immagine: Gabbiani, olio su tela di Eija Turtiainen

Continua a leggere


Profondo mare

“E’ bello il mare, papà”. “Certo, figlia mia”. “Mi piace tanto la spiaggia, e le onde che si increspano al vento. Mi piacciono anche quegli scogli lontani, e quel gabbiano che si posa dolcemente su uno di essi”. E’ tutto bellissimo, ma io ti invito a pensare a quello che c’è oltre la spiaggia, oltre […]

Continua a leggere



Pagina precedente Prossima pagina

keyboard_arrow_up