Se un giorno tu
non mi trovassi più al tuo fianco,
non credere
che ti abbia abbandonata,
ma cercami,
cercami tra le fronde degli alberi
al tramonto,
tra le spighe di grano
ondeggianti al vento,
cercami
nei mille silenzi della notte
o nel tepore
di un nuovo mattino
e mi troverai
da qualche parte
seduto ad aspettarti.

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

27 thoughts on “Cercami

  1. Carissima Manuela, ti ringrazio moltissimo perché ogni commento come il
    tuo, direi entusiasta, mi dà la forza di scavare nel mio cuore alla ricerca
    di poesie come questa. C’é una sola cosa che temo nella vita, ed é quella di
    rimanere solo. Se ciò dovesse accadere, io prego la mia compagna di
    continuare a cercarmi finché un nuovo mattino non mi vedrà ancora accanto a
    lei. Solo l’amore é immortale, il resto é destinato alla soffitta dei
    ricordi. Sono molto contento che la mia poesia ti sia piaciuta, gradirei
    sapere cosa ne pensi di ‘Non dirmi’, che ha lo stesso argomento. Andrò
    volentieri a leggere le tue poesie per quello scambio culturale che é il
    sale della poesia. A risentirci, Lenio.

  2. Carissimo Lenio…dolcemente scivolano dentro i tuoi versi…cosi’ come dall’anima stanno gocciolando i brividi di un amore insonne…e’ bellissimo il tuo incentivare fino all’ estenuante ultimo respiro della ricerca del amato/a…c’e’ speranza anche se per ora sembra si fosse perso…perche’ ogni tramonto diventa notte e dopo ogni notte c’e’ l’alba di un nuovo mattino..perche’ non c’e’ notte piu’ fonda e buia che non possa mai finire…davvero bella la tua poesia..molto dolce..e melancolica
    Complimenti Manuela

  3. Grazie Alifarfalla per il tuo bellissimo commento. Io credo davvero che l’amore sia immortale, capace di superare persino il disfacimento dei nostri corpi. Magari é solo un’utopia, ma l’amore che abbiamo ricevuto e che abbiamo donato io penso che rimanga da qualche parte e che sia un meraviglioso dono per coloro che verranno dopo di noi. Ti invito a lasciare un tuo commento anche al mio libro di poesie ‘Alba e tramonto’ che trovi a questo indirizzo,
    https://www.blogdegliautori.it/admin/3643
    grazie ancora Lenio.

  4. Stupenda poesia che riesce a far immaginare un amore capace di andare oltre le stagioni e le lacrime del tempo…….quasi un non arrendersi alla speranza di poter ancora insieme …navigare l’infinito mare della vita… oltre la vita!
    Complimenti

  5. Sì, é importante ricevere valutazioni, soprattutto se si é alle prime armi e si ha bisogno di capire quanto valiamo. E se poi le nostre poesie riescono a commuovere, allora sì che é meraviglioso! Grazie Nany 71, e ancora complimenti a te. Sono felice di averti fatto pensare con la mia poesia ad una persona che ami tanto.Ma se davvero é così, allora vuol dire che questa persona c’é ancora, no? Ciao, Lenio.

  6. bella, bellissima… mi ha commosso… ho ripensato ad una persona che amo tanto e non c’è più.

    Grazie.

    E grazie per il tuo bel commento all amia poesia “Come l’acqua”. Per me che sono alle prime armi è importante ricevere valutazioni.

  7. Cara Marghy, ho letto nel tuo blog la tua bellissima poesia, quella che comincia con ‘che appaia la luna’. Tutti e due parliamo di un grande amore, tu a quanto ho capito di un grande amore che hai perduto, io di un grande amore che é tuttora accanto a me. Il messaggio che io voglio dare é che l’amore é immortale, scompare la persona amata ma quello che ci ha dato rimane nel nostro cuore, e basta frugare nei nascondigli della nostra anima per ritrovarla accanto a noi e non sentirci più soli. Ciao, Lenio.

  8. Dolce, fragile, triste, ciò che spera ciascun innamorato che debba lasciare la persona amata. E’ la mia storia, come la storia di tutti, ed è questa la bellezza della poesia. Grazie per avermi dato l’opportunità di leggerla.

  9. Conoscevo Lenio Vallati scrittore, scopro adesso che Lenio Vallati poeta non è da meno. Ottimi versi su un tema che pone sempre il rischio della banalità, e che pertanto è difficile da trattare.
    Molto belle anche le altre liriche. Ma perché non ne mandi qualcuna anche per Segreti di Pulcinella? 🙂

  10. ti ringrazio per il commento sul mio racconto…e ti ringrazio per le emozioni che mi regalano le tue poesie, parole che fanno vivbrare l’anima come le corde di uno strumento antico accordato da mani amorevoli…
    che dire…che sei bravo lo sai 😉

  11. L’amore vero non è facile, prevedibile, pianificato.. il sentimento vero, non è mai controllabile..

    Bellissima poesia, come sempre accade per le tue composizioni sembra quasi di immergersi in un’atmosfera di quiete, che accoglie senza indugio il dispiegarsi dei sentimenti..

  12. Bella poesia: l’amore quando è vero, è per sempre e ovunque noi andiamo l’essere amato è con noi. E’ dentro di noi. Nell’anima.

    Nicla Morletti

  13. Carissimi amici, vi ringrazio dei vostri commenti che mi rendono molto felice. Appena posso ricambierò leggendo le vostre opere che sono come frutti meravigliosi di un giardino incantato nel quale ogni giorno ci incontriamo,il ‘Manuale di Mari’. Caro Francesco, forse con ‘non mi trovassi più’ ho voluto rendere maggiormente l’idea di un contatto fisico, perché stilisticamente tu hai ragione. Ancora grazie a tutti, Lenio.

  14. Grandi immagini, grande inno all’amore. (mio personalissima divagazione: “se un giorno tu non mi vedessi più …” forse non è meglio di “se un giorno tu non mi trovassi più … ” ? O si riferisce ad un mio modo di leggere questi comunque splendidi versi?)
    Grazie
    Francesco

  15. Una poesia esemplare scritta con versi semplici è molto fluidi e con una profondità straordinaria da lasciare senza respiro.

    Un amore che vive e resta anche dopo la vita e si collloca sulle immagini e i profumi della natura,in quanto la sua materia non ha più dimora fissa.
    Ottimo l’utilizzo dei vocaboli,più che altro per la reazione che suscita nel lettore.

    Mi piace molto questa raffigurazione che esprime all’amata la possibilità
    che un legame non si spezza mai ,ma si trasforma,come trsformato appare lo sguardo che dopo aver vagato in ricerche vane fra le spighe di grano ondeggianti al vento e il tepore del primo mattino,riesce finalmente a scorgere la persona amata seduta ad aspettarla in una panchina.Anche se l’amore cercato e poi trovato non è reale,credo che questo testo accarezzi molto bene un delicato ed efficace romanticismo,

    Bella poesia, complimenti

    Mauri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine