«Non ce la farete mai, e io ho bisogno di voi, Altezza! Devo ancora imparare molte cose da voi!» disse Lashira.
Ma Chandra era decisa, doveva salvare il suo regno, il Regno di Sensenia, e doveva recuperare le nove perle delle Terre Sconosciute, varcando l’enorme cancello che portava alla Foresta della Discordia. Tutto sembrava semplice a dirsi, ma era assai più complicato, perché le Terre Sconosciute erano abitate dai Draghi Neri, i più pericolosi e feroci. In molti dicevano che chi varcava il cancello non tornasse più perché veniva divorato vivo o incenerito.
«Vostra Maestà, vi prego!» ripeté più forte Lashira, ma ormai Chandra era pronta: sarebbe partita la sera stessa. Non sembrava preoccupata, anzi, era più che felice di partire, perché a lei la vita a palazzo e le troppe attenzioni, i pettegolezzi e i vestiti femminili non erano mai piaciuti.
Passò per i lunghi corridoi, fiera di ciò che stava facendo. Giunse alla sua camera, aprì l’armadio e ne estrasse delle brache, una camicia e un corpetto. Li indossò e si sentì una nuova persona, cambiata, e tutto quello era successo in un breve istante. Prima di uscire si guardò allo specchio e notò che i suoi diciassette anni erano rimasti intatti anche con quell’abbigliamento meschino, poco regale. Era sempre la stessa: capelli color bronzo, occhi di ghiaccio e labbra sensuali che attraevano ogni giorno molti principi e molti sudditi.
Uscì e iniziò una corsa verso la sala delle armi. Prese uno spadone a due mani, un pugnale e un vecchio coltellino appuntito. Guardò fuori da una finestra e le vide dritte di fronte a lei: le tenebre delle Terre Sconosciute. Un brivido le percorse la schiena, quando qualcuno entrò. Si voltò e vide Tarik, suo fratello. La fronte imperlata dal sudore, i lunghi capelli rossi raccolti in una coda, scompigliati. Erano gemelli, ma il loro legame sentimentale non era dei migliori, si vedevano poco e poche volte parlavano insieme, come due estranei.
«Dunque … ho sentito che parti … » disse Tarik guardandola dritta negli occhi. Gli occhi neri di Tarik, che richiamavano le origini della madre, proveniente dalle Terre di Sidrom, erano lucidi dalla stanchezza, ma racchiudevano anche una profonda tristezza per la sorella. “Pietà”, la definiva Chandra.
«Ebbene è così, fratello. Parto per salvare Sensenia, per salvare nostra madre e per salvare te, Tarik» disse piano Chandra guardando quegli occhi corvini.
«Nostro padre sarebbe fiero di te, Chandra» disse Tarik con un sorriso sofferente in volto. Ma poi aggiunse: «Non andare … Chandra, ripensaci! Potremo distruggere lo stesso Dakar, abbiamo cavalieri possenti, forti guerrieri e abbastanza draghi da poterci difendere!». Quando Tarik parlava, mostrava una briciola di maturità che ancora Chandra non aveva.
“Quanto siamo diversi, Tarik” pensava lei.
«Papà sarebbe stato orgoglioso di te, Tarik. .. Se non dovessi tornare … il trono è tuo e … con esso anche tutti i miei ricordi. Mi raccomando, proteggi la regina e … addio» sussurrò Chandra, poi uscì di corsa. Arrivata nel giardino, ricacciò giù le lacrime e si volse a guardare per l’ultima volta il palazzo, la sua casa. Varcò il cancello e fu fuori. Pronta per una nuova vita.

***
Dal libro Chandra di Gaia Zuccolotto

© 2011 – 2015, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

14 thoughts on “Chandra di Gaia Zuccolotto

  1. Cara Gaia,
    Dalle righe traspare un’evidente ritrovo tuo in Chandra. E come disse la Mazzucco, pubblicare un libro è condividere una parte di sé, che, per quanto doloroso, è appagante. E non trovo esempio migliore di ciò, sd non Chandra. Sono in fremente attesa per La primavera delle libellule, in effetti non vedo l’ora di rituffarmi nella tua fresca e vivida fantasia.

    Con molto amore.
    Ismaele.

  2. Ho letto questo libro d’esordio qualche anno fa ma la magia del regno di Sensenia e l’impavida Chandra restano indimenticabili come lo stile della scrittura, fludio ed intenso, ti cattura sin dalla prima all’ultima pagina!

  3. ciao Gaia
    ho letto il libro. Penso che nel profondo della prosa possiamo scorgere anche uninsegnamento utile per i nostri giorni difficili e insidiosi. Avere il coraggio di farsi rispettare e di impegnarsi a fondo per ciò in cui si crede. Brava!

  4. La fantasia non manca a questa giovanissima scrittrice. Lo spazio e il tempo sono perfetti,
    una scrittura incalzante da leggere tutta di fiato.
    Ho letto l’introduzione ,mi ha preso una curiosità che mi ha accompagnato fino alla fine.
    E’ un bellissimo racconto vivace nella narrazione ,paesaggi colori e profumi si vedono e si sentono .
    Faccio i complimenti a Gaia autrice di CHANDRA e spero vivamente di leggere altre storie dalla sua penna.

    Giovanni M.

  5. ciao Gaia giorni fa sistemando i miei libri mi sono trovato (CHndra) tra le mani, Mi sono ricordato l’entusiasmo che mi aveva lasciato la prima volta che lo avevo letto.Ricordavo una giovane esordiente scrittrice, l’ho riletto mi è ancora piaciuto quel tuo modo di scrivere fantastico che non annoia ma ti prende e incoriuscise sin dalla introduzione della storia e ti accompagna senza sosta tra colpi di scene e descrizioni paesagistiche e figurative tanto fantastiche da semrare reali. La storia di CHANDRA e Tarik nel regno di Sensenia mi è veramente piaciuta. Leggendo la tua presentazione,nel retro di copertina dicevi che stavi scrivendo un secondo libro, l’ho cercato non trovo notizie. Sicuramente penso sia una questione editoriale,non ti arrendere hai del talento, aspetto una Tua nuova storia ,l’hai promesso.
    ciao a presto Renato

  6. Mi ricordo Gaia come una bambina molto loquace ,intuitiva e intelligente e questo libro credo che confermi appieno la mia teoria. Forza Gaia 😉 che puoi arrivare in alto .

  7. Un racconto senz’altro fantasy ambientato in luoghi immaginari che solo una fantasiosa giovane autrice poteva immaginare. Pure i personaggi sono descritti con vivace particolarità. La storia familiare, la lotta tra il bene e il male, mai letta allo stesso modo, senza brutture con una storia di coraggio e amore.
    maria

  8. Ho letto CHANDRA in aprile incuriosita perché letto la notizia su un giornale e mi è piaciuto.
    Ora vedendolo su internet e leggendo le opinioni l’ho riletto e condivido i pareri. Di certo pur considerando la giovane età dell’autrice è un racconto che ti conquista.

  9. credo un esordio sbalorditivo,un racconto fantastico una scrittura vivace e brillante.
    Ambientato in un mondo fantastico,famigliare ma mai visto prima.
    Cominci a leggere e ti viene voglia di continuare,incalzante e scorrevole e curioso.
    Giovinissima e brava tanti complimenti, continua sei sulla buona strada.
    RENATO

  10. Un racconto che sembra preso dalla storia ed impreziosito dalla fantasia. Dai nomi ai personaggi stessi…Giovanissima e talentuosa. Complimenti

  11. Bello nello spazio del tempo che si muove di continuo…

    un uso della fantasia che non annoia, ma al contrario emoziona…

    spero di poterlo leggere tutto

    Sara

  12. Giovanissima e bravissima. Gaia, con ” Chandra “, entra a pieno titolo nell’ olimpo delle dee delle favole. Intravvedo – dalle righe lette – un cenno di se stessa ripiegato fra il periodare.
    Dunque anche saggia nell’ incoscienza. Come solo i giovani -beati loro – sanno essere.

    Gaetano

  13. Gent.ma Gaia,
    questo racconto fantastico mi incuriosce a tal punto da farmi dimenticare che il fantasy non è porprio il mio genere preferito, però vedo che Lei riesce a comunicare, con la sua narrazione di seta, il senso della storia ache ad un semplice lettore come me “distratto” da altre tipologie di letture.
    Sicuramente un bellissimo libro, tanti in bocca al lupo.
    Sabato P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine