I mari della luna di Alba Venditti


Er dottore

Pe’ divenna’ dottore
sappi che medicina devi da studia’
e ar sapiente Ippocrate devi anche da giura’
che farai de tutto per quarsiasi paziente sarva’.
Er dottore da Ippocrate è autorizzato sur paziente
a toccallo co’ le su’ veggenti mani
pe’ indaga’ comme un investigatore conclamato
su li dolori a li organi viventi
a grande quantità ner corpo umano presenti
che è senz’altro er loro motore conduttore.
Si invesce li pazienti c’avessero probblemi d’ossa rotte
perché quarcuno j’ha regalato un sacco de botte
er medico ortopedico j’assegna ‘na fasciatura
a ciascuno di diversa misura
e poi anche saggio su ‘gni arto malandato
j’a suggerisce un ber massaggio mirato.
Er dottore gioisce beato
si ‘gni su’ paziente je se dichiara migliorato
avenno utilizzato le su’ cure portentose
in quelle parti che c’aveva dolenti e fastidiose.
Er vero dottore deve da esse’
“Er più eccellente amico der paziente”
curandoje sia er corpo che la mente
perché po’ succede che er paziente
si potrebbe lascia anna’ tutto depresso
appena intuisce che nessuna cura pe’ lui è efficiente
e che nun tornerà a esse’ più ‘o stesso.

***

A’ pastasciutta

Quanno se va ar ristorante ce piace da vede servito devanti
un ber piatto de pastasciutta che sembra chiama’ tutti pe’ di’:
“Magnarne e sarà’ entusiasmante
pe’ te da gustamme tutta bella fumante
perché sappi anche se me conosci poco
che io so’ ben fatta grazie all’acqua calla sur foco
e a li tanti condimenti co’ li quali li cuochi me danno li tormenti.”
La pastasciutta ce piace cucinata anche dall’estranei
però co’ tutti li sapori mediterranei
sia ar sugo, a li quattro formaggi, che in bianco cor burro e er parmigiano
perché valorizza er nostro alimento più famoso e più sano.
Gente italiana de qualunque età
senza a’ pastasciutta nun ce po’ sta’
perché je resta a’ fame solo cor semplice seconno
e perciò deve sempre da rimagna’ pe’ riempi’
quer pozzo de stommico che noi tutti ci avemo senza fonno.
A’ pastasciutta è veramente ‘na specialità
e in commercio ne trovi de forme ‘na grande varietà;
‘gni italiano deve da esse’ orgogliosito
che questo cibo ce sazia l’appetito
e che anche ‘gni turista ce rimane assai affascinato
e curioso va a ricerca’ li su’ segreti da chi je l’ha cucinato.

***

Dal libro I mari della luna di Alba Venditti.

Ndr – Nuova versione dell’articolo pubblicato nel mese di luglio 2009

Ultimi post

Altri post