<<Luca, sei tu?>> disse Berta ad alta voce. Aveva fatto così piano a girare la chiave nella toppa che neppure Tilly, la cagnetta bianca e nera, si era mossa dal cesto di vimini che le faceva da letto. Un raggio di sole filtrava dall’ampia finestra del soggiorno, un tutt’uno con la porta d’ingresso.
Da quando non era più in vigore l’ora legale alle diciassette era già buio, ma quel pomeriggio c’era ancora il sole! Forse era l’estate di S. Martino che dava l’illusione del ritorno alle belle giornate.
Era probabile però che Luca conoscesse poco l’atmosfera della sua casa in quell’ora del giorno e in quella stagione perché, tranne che per un breve periodo di vacanze, rincasava sempre a tarda sera. Nelle cave di Carrara si lavorava sodo e i turni erano pesanti.  In genere, Luca Danieli preferiva fare le sue otto ore di “sepoltura”, così come soleva chiamarle, dalle quattordici alle ventidue, ma quel pomeriggio aveva lasciato la cava ed era tornato a casa.
Berta, sorpresa per l’inaspettato rientro, smise di manovrare in cucina tra i panni da riordinare e la cena da preparare, e corse incontro al marito.  <<Stai male?>> gli chiese premurosa, vedendolo accasciato sulla poltrona.
<<Non rompermi le scatole!>> rispose alterato, e lei capì che questa volta “il gomito” lo aveva alzato un po’ troppo!
<<Luca che ti succede? Il giorno in cui è nata Luna, mi hai promesso che non lo avresti fatto più!>> incalzò Berta, ormai profondamente turbata. <<Lasciami in pace se non vuoi che spacchi tutto!>> urlò Luca con una voce rabbiosa e acuta che lei non ricordava quasi più. Puzzava d’alcool tanto da impregnarne l’ambiente.  Roberta dominò i conati di vomito, poi, non potendo fare altro, si sciolse in un pianto silenzioso, ma irrefrenabile.  Per non farsi notare ed allentare la tensione emotiva che la scuoteva, si rifugiò nella veranda, continuando a sciorinare i panni accatastati in una bacinella.  Tra poco sarebbe andata a prendere Luna presso la suocera: era lei che s’incaricava di tenere la piccina con sé, al rientro dall’asilo nido dove restava solo metà giornata.  Indossato il solito impermeabile, Berta sgattaiolò da casa prima del previsto, temendo di non poterlo più fare.
Nel vederla spuntare così trafelata, Irina si mostrò sorpresa:
<<Perché tanta fretta? La bimba si è appena addormentata, non vorrai guastarle il sonnellino pomeridiano?>> le disse incattivita. Faceva sempre così quando, anche se per poco, si sentiva defraudata del tempo concessole per accudire la nipote. Roberta, adducendo un pretesto banale, non rispose per le rime, ma si limitò a coprire bene la piccina ancora addormentata ed a condurla con sé.
<<A domani! Grazie Irina.>> disse uscendo. A Berta faceva tanto male vedere che Luca aveva ripreso a bere dopo quasi due anni di astinenza, almeno secondo quanto era apparso ai suoi occhi. In realtà di bevute ce n’erano state altre, smaltite alla luce dei riflettori della piattafor9 ma da carico o della zona degli scavi dove turnava a fasi alterne. Luca Danieli era l’uomo che Berta amava così com’era: bello e buono, ma senza spina dorsale. Irina, sua madre, lo aveva sempre ovattato come fanno spesso le mamme dei figli unici, specialmente se, rimaste vedove come lei, finiscono con il concentrare ogni interesse sul loro solo, amato bene. Aveva viziato suo figlio perché, a sentire lei, doveva aggiungere al suo, l’amore del padre che mancava. <<Non devi assecondarlo in tutto, se vuoi che diventi un uomo!>> le diceva Nora, la vicina di casa. Ed Irina, offesa, rispondeva che non doveva, né poteva giudicare il suo comportamento di madre perché non aveva mai avuto figli da gestire.
Poi aggiungeva che, in definitiva, suo marito di soldi gliene aveva lasciati, quindi, perché doveva privare degli sfizi quel suo unico figlio?
<<Dio non voglia che un giorno mi debba dare ragione.  Certo non potresti rinfacciarmi di non avertelo detto!>> le diceva Nora, ed Irina ribatteva indispettita:
<<Amica mia, mi diventi vecchia e noiosa. Secondo me, i sermoni di padre Giuliano ti danno alla testa!>>. Così se ne tornava a casa, sicura di avere ragione e, nel prendersi cura delle necessità di Luca, dimenticava le prediche.
Luca aveva preso la prima sbornia a quindici anni: aveva scommesso con i compagni di potere trangugiare un fiasco di Chianti tutto d’un fiato e ci era riuscito, ma era mancato poco che ci restasse secco! Quando gli amici lo avevano condotto a casa, raccontando l’accaduto, Irina si era ostinata a negare l’evidenza ed aveva cacciato tutti a malo modo. Lei, in realtà, conosceva bene l’ubriachezza ed i suoi postumi infernali, attraverso il marito per 10 il quale aveva vissuto una vera tragedia familiare. <<Dovevo aspettarmelo. Buon sangue non mente!>> diceva sconvolta, ma decisa a non lasciarsi sfuggire di bocca alcuna lamentela, né con le amiche, né con Don Giuliano.  Non sapeva che i compagni di Luca si erano prodigati subito a diffondere la notizia un po’ dappertutto. Così la vigilia dell’Immacolata Concezione, il buon parroco aveva ritenuto giusto fare un sermone contro il vizio del bere e aveva fatto riferimenti così precisi sull’accaduto, da richiamare l’attenzione su di lei e su suo figlio che, naturalmente, se ne stava lontano dalla Chiesa. Luca, alquanto in ritardo con gli studi, non aveva ancora completato la frequenza della scuola media e gli insegnanti erano concordi sulla necessità di allontanarlo dal vizio dell’alcool.  Se ne incaricò Alberico Ferri, il giovane professore di matematica che per il suo carisma nei confronti degli alunni era il più adatto ad affrontare il problema.  Lo seguì con l’amorevolezza di un amico, anche quando, dopo la licenza media, il disagio di Luca Danieli si ripresentò con maggiore virulenza.  Per Alberico sarebbe stato meglio fargli intraprendere nuovi corsi di studio, ma Luca sentiva bisogno di agire, più che concentrarsi sui testi e restare per ore sui banchi di scuola. Don Giuliano gli aveva proposto il seminario come temporaneo luogo di studi, sperando che col tempo, potesse nascere in lui una vocazione religiosa. Irina era d’accordo su questa eventualità, s’illudeva che, restando fuori dalle tentazioni, il figlio avesse maggiori opportunità di allontanarsi definitivamente dal vizio del bere. Si prodigò a convincerlo, ma ottenne oltre ad un diniego assoluto, una recrudescenza del suo male. Luca mite ed ac11 condiscendente per natura, diventava prepotente e collerico se era in preda ai fiumi dell’alcool. Irina, suo malgrado, dovette dare ragione a Nora che diceva con convinzione:
<<Rassegnati cara e ricorda il proverbio: <<Tale padre, tale figlio!>>. Poi per non sentire sempre le stesse prediche, cercò di evitarla per tanto tempo. Un giorno però le due donne si incontrarono sul pianerottolo, entrambe intente a sbattere lo zerbino. Nora le rivolse la parola: <<Ehi, la rossa, che ti ho fatto? Non hai capito che io voglio bene a tuo figlio, come fosse il mio?>>. Irina , detta la rossa per il colore fulvo dei capelli, sapeva che l’affetto di Nora era vero perché aveva visto nascere suo figlio e spesso un po’ per gioco, un po’ per necessità, lo aveva tenuto con sé per giorni e notti. L’amica non aveva figli, ed accudire quel bambino era per lei una benedizione.  Irina glielo affidava quando suo marito Tommy, da bevitore incallito, si ricoverava in ospedale per curare un’avanzata cirrosi epatica. Nel tormento della sua vita che aveva conosciuto pochi giorni di felicità, Irina era diventata acida e diffidente, anche se fondamentalmente buona. Nora era rimasta l’unico punto di riferimento della sua esistenza, anche dopo la morte del marito, avvenuta non si sa bene se per un fatto accidentale o per la scelta di farla finita per sempre. Luca era nato solo da un mese quando, dopo un’ennesima lite con la moglie, Tommy non era rincasato.
Avevano trovato il suo corpo ormai privo di vita in un dirupo dove era finito senza un’apparente ragione, chiudendo un capitolo tragico della vita di Irina.

Lacrime nere di Adalgisa Licastro – Il Convivio – 2011, pag. 142
Ordina questo libro con dedica autografa dell’autore

Il commento di NICLA MORLETTI

Scrive Adalgisa Licastro: “Il tempo che scorre sulle tragedie umane lenisce ogni tormento, e la vita va, ora nei colori smaglianti di stagioni felici, ora nel grigiore di una monotonia senza fine.” Narratrice di razza e scrittrice dalle doti di indiscusso valore letterario, la Licastro ingemma questo suo romanzo dal titolo: “Lacrime nere” di sentimenti profondi. Il suo impegno creativo e narrativo dà vita ad una storia che prende, cattura e trascina. La realtà non sempre è tinta di rosa e spesso l’ uomo si sente smarrito. L’autrice scava a fondo nell’animo umano, sviscera personaggi ed eventi. Va alla ricerca del conoscibile e dell’inconoscibile. I suoi personaggi sono vivi, palpitanti, sobri, veri. Si muovono sul palcoscenico dei pensieri e della vita con una scioltezza e una disinvoltura come solo un’autrice di talento può fare.

© 2012 – 2015, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

15 thoughts on “Lacrime nere di Adalgisa Licastro

  1. Secondo me il tema del romanzo è il rapporto tra madre e figlio, l’educazione sbagliata avuta dal ragazzo da una madre incapace di dire di no che rende fragile il figlio.
    Saggia è l’amica della madre che tenta da buona amica di aiutarla nella difficile situazione di crescere un figlio da sola.

  2. Un libro che mi appassionerà, lo sento.
    Mi ha subito colpito il titolo che penso sia riassuntivo del tema trattato e la bellissima immagine di copertina.
    Complimenti ancora una volta all’autrice.

    Stefania C.

  3. Un libro che approfondisce le difficili trame familiari che spesso restano sepolte sotto un velo di normalità.
    Le difficoltà di una moglie, di una madre, di un’amica, di un figlio, i cui rapporti sono sempre filtrati dietro un velo di “normalità” o perfino di scontrosità che le isola in se stesse, rinchiuse in un doloroso segreto.
    Questo estratto già da solo cattura il lettore a fondo e accende il desiderio di conoscere più intimamente le debolezze di Luca, la gioventù di Irina e il dramma di Roberta.
    è un libro che certamente porta a compiere un viaggio dentro se stessi nella condivisione di quelle difficoltà familiari da cui credo nessuno sia davvero immune.

  4. Un tema che attanaglia la nostra società e, soprattutto, le vite di molti giovani, che non avendo uno scopo nella vita, dei punti di riferimento, si rifugiano nell’alcol, convinti di poter lenire quella mancanza.. e in questo caso Luca, forse, cerca di colmare quel vuoto, il vuoto della mancanza della figura di un padre..
    comunque il tutto descritto in punta di piedi, e la cosa che mi colpisce molto è la descrizione, fatta senza giudicare, senza prendere le difese di Luca o della madre, ma una descrizione dei fatti davvero che riesce a toccare quelle corde della sensibilità su un fatto “normale” che può accadere a chiunque..
    mi piace molto il doppio senso del titolo: “Lacrime nere”, quelle lacrime mai versate dalla madre e anche quelle lacrime o gocce di vino nero, e anche quelle gocce di vino nero che portano alle lacrime…
    non so se sia corretto.. ma io gli associo questo significato e sarebbe bello leggere tutto il romanzo e immergersi in queste pagine così dense..

  5. Davvero toccante il tema espresso da questo romanzo che l’autrice riesce a svolgere con una maestria unica, toccando quasi in punta di piedi un argomento così delicato e reale in una società piena di vizi, come l’alcolismo.
    Le “lacrime nere” rappresentano le lacrime mai versate dalla madre di Luca che si ostina a negare l’evidenza e a nascondere i problemi del figlio, anzichè risolverli e ammettere che c’è un problema e aiutare il figlio a capire e ad affrontarlo.
    E’ un libro di grande ispirazione per i giovani di oggi che dovrebbero leggere assolutamente.

  6. Il tema è estremamente attuale perchè parte del disagio giovanile “si risolve” seguendo la via dell’alcolismo diventando arbitri del proprio destino ed il più delle volte si intraprende per essere integrati nel “gruppo” . Qui l’autrice indaga anche con lucidità sulla probabile causa del vizio e mi piacerebbe continuarne la lettura

    1. Cara Gabriella,
      ti ringrazio di cuore per quanto hai espresso nei riguardi del mio romanzo “Lacrime nere”.
      Tocca agli osservatori attenti della società di oggi, quale tu sicuramente sei, rendersi parte attiva nell’interesse e nella cura dei giovani. Ti abbraccio con tanto affetto. Adalgisa

      1. Carissima,
        al ritorno di un breve viaggio ho ritrovato a casa il Tuo libro che gentilmente mi hai inviato ed ho iniziato a leggerlo con vivo interesse. Farò tesoro della tua dedica e, come permesso dal mio lavoro (sono docente di sostegno), mi attiverò anche in questa direzione.
        Grazie di cuore!!
        Gabriella

      2. Carissima,
        Ho divorato il Suo libro, appassionandomi alla storia.
        La lettura mi ha indotto a riflettere che, in un periodo di disagio esistenziale e di labilità psico-emotiva, intraprendiamo direzioni completamente imprevedibili e che ci aprono nuovi orizzonti!
        Ma talvolta, come è successo al protagonista Luca, non riusciamo più a padroneggiarci, invasi da sensi di colpa, rimorsi e rimpianti e non troviamo più la forza di andare avanti!

  7. Leggendolo sicuramente fa capire che le cose che avvengono nella vita bisogna cercare di ammetterle per poterle affrontare nel migliore dei modi ,perchè nascondendole si potrebbe solo peggiorare le situazioni.
    I libri a parer mio non devono solo far passare del tempo ma devono farti anche riflettere sui passaggi della vita e questo libro sicuramente ti apre dei cassetti chiusi della tua mente.
    Grazie

    Barbara

    1. Il tuo commento mi fa pensare ad una persona capace di dare una giusta direzione alla propria vita e il tuo appellativo ” mammababy” mi fa credere che sei una mamma meravigliosa. Non ti conosco, ma ti apprezzo già! Un forte abbraccio Adalgisa

      1. Sono orgogliosa di aver avuto l’opportunità di leggere questo libro,leggendolo mi sono resa conto che è esattamente come mi è parso leggendo le prime pagine percio’ il mio commento è lo stesso di allora,posso solo aggiungere che nel libro ho trovato una frase che lo riassume con solo poche parole,ed è questa: “Capita spesso agli esseri umani di blandire se stessi con pietose bugie,piuttosto che affrontare la verità”
        Grazie di cuore
        Barbara

  8. Le “lacrime nere” sono della mamma di Luca, alle prese con un figlio sensibile ma alcolizzato, le cui nevrosi riversa anche sulla moglie.
    Adalgisa tinteggia magistralmente l’ atmosfera di un mondo edificato attorno ad un unigenito difficile.
    Prosa magica, come solo l’ autrice sa produrre. Utile anche per la lettura dei giovani.

    Gaetano

    1. Riesce ad approfondire i messaggi del romanzo “Lacrime nere” con tanta maestria, solo chi possiede esperienza di vita, sensibilità e cultura.
      Complimenti Gaetano! Un abbraccio Adalgisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine