Lacrime di Sara Ciampi

Lacrime

Una piacevole brezza marina spirava lievemente quell’agosto sulla spiaggia affollata di bagnanti felici e spensierati.
D’improvviso un palloncino colorato, sfuggito dalle mani d’un fanciullo, si librò alto nel ceruleo cielo perdendosi nell’azzurro infinito.
Urlava e piangeva affranto quel bimbo tra l’indifferenza della gente, mentre la dolce e amorevole madre con grande tenerezza affettuosamente tergeva le sue lacrime di disperazione.
Ma quello strazio era nulla di fronte alla furia del vento burrascoso della vita che rapisce per sempre gli ameni sogni, la cara gioventù, la nostra fugace e mortale esistenza piena di speranze e di chimere.
E quanto atroci sono le lacrime versate dall’intera umanità, tormentata da dolori e sofferenze e colpita da terribili mali, che solo la carezza del tempo pietosamente riesce ad asciugare!

***

Lacrime

Una piacevole brezza marina
spirava lievemente quell’agosto
sulla spiaggia affollata di bagnanti felici e spensierati.

D’improvviso un palloncino colorato,
sfuggito dalle mani d’un fanciullo,
si librò alto nel ceruleo cielo
perdendosi nell’azzurro infinito.

Urlava e piangeva affranto quel bimbo
tra l’indifferenza della gente,
mentre la dolce e amorevole madre
con grande tenerezza
affettuosamente tergeva
le sue lacrime di disperazione.

Ma quello strazio era nulla di fronte
alla furia del vento burrascoso
della vita che rapisce per sempre
gli ameni sogni, la cara gioventù,
la nostra fugace e mortale esistenza
piena di speranze e di chimere.

E quanto atroci sono le lacrime
versate dall’intera umanità,
tormentata da dolori e sofferenze
e colpita da terribili mali,
che solo la carezza del tempo
pietosamente riesce ad asciugare!

***

Tempesta

È l’alba:
la tempesta è passata.

Un pallido sole riscalda
quell’ambiente ormai distrutto e d’improvviso
sprofondato in un gelo invernale.

Ma nulla
è più straziante
della mia tempesta,
che solo l’occhio dell’animo
vede e piange lacrime amare.

***

Un mondo di guerre

Popoli di molte nazioni,
generazioni intere
vivono gli orrori della guerra.

E qual strazio, qual dolore
porta sempre una guerra
ai civili innocenti,
ma talvolta com’è necessaria
per il trionfo di pace, libertà e democrazia!

Ogni epoca conosce la sua guerra,
la drammatica lezione di Storia
che accomuna tutta l’Umanità.

***
Lacrime di Sara Ciampi – Carello Editore, 2012 pag. 47

Il commento di NICLA MORLETTI

Sara Ciampi in questo mirabilissimo libro di poesie, tradotte tra l’altro in tedesco, dal titolo: “Lacrime”, dimostra tutta la sua grandezza d’animo e la sua intensa capacità di scrivere versi intensi e incisivi che narrano la vita in tutte le sue sfaccettature, con la gioia e il dolore, ma anche e soprattutto con l’amore e tutti quei valori che fanno splendere il sole della speranza.
Nelle liriche di Sara sono racchiusi ricordi e desideri accarezzati in silenzio. L’autrice con voce accorata canta le illusioni e le disillusioni dell’uomo nell’esistenza che scorre per ciascuno di noi come un fiume verso il mare. Liriche pervase da una limpida sincerità rivolta a scrutare e ad indagare sull’eterno mistero della vita. La voce della Ciampi diventa forte e chiara intorno agli snodi di un discorso essenziale nella sublime ricerca di verità e di pace. E ci incanta.

© 2013 – 2015, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Lacrime di Sara Ciampi

  1. Profonde e toccanti…solo oggi ho scoperto il tuo talento e i numerosi premi che hai vinto! Abbiamo fatto insieme le elementari, chissà se ti ricordi…sono felice di leggere di te e dei tuoi successi . Un abbraccio
    affettuoso. alessandra

  2. La carezza di una madre al proprio bambino riesce a sciogliere ogni dolore, ogni lacrima versata, anche perché quel palloncino è volato via, quando imperversa il vento..portandosi con se la gioia e quel sorriso di un bambino..
    anche contro ogni sofferenza, ogni guerra, bisogna pensare che dopo la pioggia arriva sempre il sereno.. e quella pioggerellina che cade lava ogni angoscia, ogni attimo di turbamento e porta con se un nuovo sole.. dei raggi che pian piano filtrano quel buoi che riusciamo a crearci quando vediamo tutto nero..
    ho letto con piacere questi versi, che dimostrano come alle lacrime succede sempre un sorriso..

  3. Poeta e’ colui che recensisce
    le emozioni e subisce
    un contraccolpo al cuore
    che provoca gran dolore.
    Sara in tre liriche sopraffine
    spazia la’ dove il confine
    tra realta’ e mistero si fa’ evanescente
    e stupisce molta gente.
    Nel bambino disperato
    vede l’ umano sfigurato;
    nella Tempesta scioglie lacrime amare
    che nessun alba puo’ asciugare;
    tra le guerre poi divaga
    e li accomuna ad una saga
    che sulla scena del mondo
    non ha gli affreschi del giocondo.
    Legger Ciampi diventa un esercizio
    per toglierci il vizio
    di rassegnarci ad ogni sopruso,
    quasi che sia cosi’ d’ uso.

    Gaetano

  4. Davvero tre bellissime composizioni: mi ha colpito soprattutto la sensibilità della poetessa, che le permette di essere tanto compartecipe di ogni evento, innalzando i suoi sentimenti a messaggi universali.
    Gli avvenimenti della natura diventano così rappresentazioni dell’animo.
    Molto significativa anche la poesia sulla guerra: il valore della pace è fondamentale.
    Una vera poetessa dell’anima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine