Ombre di Daniela Terigi

Ho lavato
il mio canto di cigno
nelle pozze d’amore
ad ogni angolo
svoltando le curve
dei decenni;

ma tu l’hai colpito
con dardi di parole
fino a rendere muto
il labirinto del cuore.

***

Si sveglia la terra
nelle braccia della notte.
Madre di luce, l’alba,
ancora gelida d’infinito.

Nel grembo dell’inverno
la voce del cielo,
sottile lamento
di primavere carcerate.

Lenta come la neve
scende la luce
sull’autunno del cuore.

Sveglia la terra
dall’orizzonte blu di un sogno,
trafigge l’anima
col silenzio delle foglie.

***

Luminosa luna
non pensi al bacio ultimo
che ha bruciato il cuore
nel suo solitario andare?
E’ misera cosa consumare le labbra
nella costanza del silenzio…
capitato un lungo cammino di carestia
dal sapore di muschio…
Nessun risarcimento è possibile,
nessuna riparazione.
Solo luce di luna.
E pioggia.

Ombre di Daniela Terigi – PETRARTEDIZIONI, 2007 – pag. 165

Il commento di NICLA MORLETTI

Luci ed ombre. Meraviglia e passione. Un percorso attraverso le alchimie del cuore per riuscire a scorgere velieri che navigano tra le stelle e arcobaleni di sogno.
Foglie di cristallo e “baci di viola notturna che colano, goccia a goccia, dai petali di un respiro, sull’orlo di un tramonto.” Tutto questo è “Ombre”, libro di dolcissima e armoniosa poesia di Daniela Terigi. E molto di più. E’ scoperta dell’amore e dell’eterno di cui esso si nutre. E’ un canto alle nubi, al cielo e alle stelle. Al Paradiso che è in noi: nel palmo della nostra mano. Un libro bello e intenso come “il giorno che appoggia le sue vesti sulle colonne d’alabastro del mattino”.
Scrive l’autrice: “Voglio la vita, fosse anche l’ultimo istante, come parola d’amore posata sulle labbra.”

Ultimi post

Altri post