Silenzi d’amore di Caterina Guttadauro La Brasca

Con la valigia in mano, mi sentivo un’emigrante che tornava a casa. Ogni pietra di quella facciata, per me, aveva impressi, come calchi, un viso, un sorriso, un pianto. A tenerle unite era stato l’amore che, come il cemento, aveva reso saldi i pezzi delle nostre vite.
Entrai e cominciai a salire i gradini di marmo scuro che accoglievano i miei passi lenti e cadenzati.
Appoggiandomi alla ringhiera in ferro battuto respiravo aria di casa, mi sentivo alitare sul collo il gattino soriano che, da bambina, portavo in braccio e, nello stesso tempo, la parte più vigile di me sapeva che tutto questo era passato. Sentivo profumi di donne acconciate che si davano l’ultimo tocco prima di uscire, odori di pietanze che avevano insegnato al mio palato la bontà e il gusto. Quelle scale erano la galleria del vento della vita che dall’intimità mi conduceva fuori. Attraversandola assumevo contegno oppure sorridevo gioiosamente all’idea di chi avrei visto appena uscita. Erano tutte presenze che sentivo vicine, compagne di tante avventure che, negli anni, erano diventate ricordi.
Al primo piano, due gradini da scendere, di cui uno sconnesso. Quanti attentati al mio equilibrio quando andavo di fretta, quando la vita era una corsa a volere, a sentire di più, nonostante il tempo da vivere fosse tanto.
Ora salivo piano, non c’era fretta, volevo accorgermi se tutto ciò che ricordavo era esattamente quello che ritrovavo: due stanze, di cui una grande, dove trascorrevamo la maggior parte della giornata. Al centro, una grande tavola in noce, di quelle smerlate con due ripiani nascosti sotto; il copri tavolo in velluto di vari colori che, due volte al giorno, veniva sostituito da candide tovaglie per il pranzo e per la cena.
Noi piccoli eravamo sempre gli ultimi ad arrivare e, qualche volta, non ci era concesso di sederci perché dovevamo, dopo aver mostrato le mani, ritornare a lavarle, non erano perfettamente pulite, e l’esortazione a farlo era categorica per quanto muta; si evitava così la sgridata per non rompere l’aria di raccoglimento, la voglia di riunirei attorno ai piatti fumanti, aspirandone il profumo che accentuava la salivazione.
Ognuno sedeva al proprio posto. A capotavola c’era sempre papà, dinanzi al quale veniva appoggiata la zuppiera con la minestra. Dopo aver fatto fare a tutti il segno della croce, la mamma lo serviva per primo, poi tutti gli altri e infine riempiva il suo piatto con quello che rimaneva. Talvolta non iniziavo a mangiare per paura che la minestra non bastasse e mamma rimanesse senza. La vedevo guardarci tutti con uno sguardo indagatore, per capire se la pietanza era stata cucinata a dovere. Una madre vive di sguardi, di sorrisi, dei mille modi con i quali si può dirle: «Ti voglio bene». Quelli più attesi erano dei più piccoli, perché più immediati, più sinceri e lei, quando quello che aveva visto le piaceva, si componeva sulla sedia e, dopo essersi segnata, iniziava a mangiare.
Lateralmente, facevano bella mostra di sé i due ampi sparecchia-tavola, con due grandi specchi che sovrastavano il ripiano in marmo e le antine che racchiudevano i preziosi servizi di piatti e di bicchieri. I pavimenti, ad eccezione di quelli della cucina e dei bagni, erano tutti in mattoni arabescati e nel loro insieme componevano disegni che sono rimasti il simbolo di un’epoca. Da ragazza, mi piaceva camminare su quei fiori con le mie ballerine. I soffitti, soprattutto quelli delle camere da letto, erano veri e propri dipinti che, con ventagli, trine e figure mitologiche, rappresentavano le stagioni; sfondi azzurri che guardavamo con la stessa meraviglia con cui si guarda qualcosa che ci sovrasta e ci rassicura.
Su un divano vidi seduta, mia madre, una donna dall’ aspetto sofferente, che teneva sulle spalle un po’ curve uno scialletto di lana che mi era molto familiare.
Avanzando, sentivo profumo di borotalco, del gelsomino che raccoglievo dai grandi vasi sul balcone e mi mettevo alle orecchie come orecchini. C’era un odore inconfondibile: quello di mia madre.
Mi avvicinai e mi posi dinanzi a lei per ritrovare quello sguardo che, per tanti anni, avevo visto vigile, attento, amorevole, irato, ma unico come lo era lei. Mi sentii più madre che figlia e feci un gesto protettivo che avevo tante volte visto fare a lei. Presi i due lembi dello scialletto che aveva poggiato sulle spalle e li avvicinai come a voleri a coprire di più, raccogliendola tra le mie braccia.
Provai un’immensa tenerezza vedendola stanca, pallida, con i capelli bianchi.
Avevo lasciato una mamma altera, curata, elegante, la ritrovavo spenta, triste ma comunque bella.
Si sovrapposero ai miei occhi tante immagini di quel viso con l’aggressività della giovinezza, con la consapevolezza d’incontrare il gusto di chi la guardava, con la stanchezza di un travaglio per aver donato uno di noi alla vita, con la fatica di aver vissuto il dolore profondo, quello che consuma. Eppure la vedevo come la ricordavo: giovane senza rughe, con gli occhi che ti guardano con affetto immutato. Guardai le sue labbra non più vermiglie, risentii il calore con cui si poggiavano sulle mie guance prima di addormentarmi, sentii che le sue braccia non avevano più la forza di stringermi a sé come quando, piccolina, le correvo incontro e lei mi prendeva con decisione per non farmi cadere.
Non riuscimmo a parlare per qualche minuto: lei era sorpresa, io sopraffatta dell’ emozione e dai sentimenti. Eravamo madre e figlia, ma anche due donne, due madri e ognuna di noi rivedeva nell’altra se stessa: lei vedeva in me quello che era un tempo e io in lei come sarei diventata.
Non volevo stancarla e, per darle il tempo di recuperare le forze che l’intensità dei sentimenti le sottraeva, parlai per prima: «Ciao, mamma – le dissi guardandola in viso – sono passati tanti anni di lontananza. Rivederti mi fa sentire quanto mi sei realmente mancata, anche se spesso non volevo ammetterlo, indisposta dal fatto che tu riuscivi a starmi lontana. Oggi spero capiremo che cosa ci ha tenuto cosi distanti.
Lo sai che, molti mi dicono che, invecchiando, ti assomiglio sempre di più? Mi rende orgogliosa questo complimento, anche se sono consapevole che nessuno di noi figli è bello come lo eri tu.»
Eravamo già entrate in un mondo che ci riportava inevitabilmente indietro e trasalimmo entrambe al rumore del campanello.

Silenzi d’amore di Caterina Guttadauro La Brasca – Edizioni Tracce, 2011 – pag. 189

Il commento di NICLA MORLETTI

Un libro della memoria, scritto in punta di penna, delicato, appassionato e denso di profondi sentimenti. In questi “Silenzi d’amore” si riscopre così la forza dell’amore stesso, si riscoprono i ricordi, le sensazioni, le emozioni, il piacere di donare e ricevere. La prosa di Caterina Guttadauro La Brasca, intrisa di pathos e ragione, di passione ed emozione, fa breccia profondamente nell’animo del lettore coinvolgendolo nella disperata ricerca di un mondo più giusto e migliore. Le sue parole giungono come preghiere, nell’alternarsi dei ricordi, che vogliono far breccia nei cuori della gente per cercare tutto ciò che di pulito, di giusto e di bello può offrirci ancora la natura e il genere umano. L’autrice canta nel suo narrare, con voce sublime, i valori morali, i principi, i sentimenti. Un mondo visto al femminile con tutta la sua forza e determinazione. “Un mondo in cui – scrive l’autrice – gli uomini sono la forza, ma le donne sono la vita.”.

© 2012 – 2015, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

14 thoughts on “Silenzi d’amore di Caterina Guttadauro La Brasca

  1. leggendo la pagina “silenzi d’amore mi sono commossa; non sono una mamma, ma in quel momento mi sentivo protagonista.

    Pieno di emozioni, d’amore. Spero di riceverlo per leggerlo tutto d’un fiato!

    1. Katia, abbiamo lo stesso nome e la sua commozione nel leggere il libro mi dimostra la sua sensibilità.
      Le scrivo con enorme ritardo ma preferisco farlo adesso piuttosto che non farlo affatto.
      Ho delle motivazioni che preferisco non è il caso di raccontare. Silenzi d’Amore è stato un libro molto ben accolto dalla critica, non a caso ha vinto due Premi Letterari Internazionali, Il Montefiori e L’Histonium. – Al momento non ho copie mi sto preoccupando per stamparne altre.
      Invece c’è in vendita il mio terzo libro, dal titolo:La Vita appesa ai Muri. Lei ben conosce il meccanismo del Manuale di Mari e può andare a leggere la recenzione e l’Anteprima. Ovunque sul Portale c’è un modulo d’ordine personalizzato mio da dove si può ordinare il libro direttamente a me.Grazie per le belle parole.
      Spero di risentirla..
      Caterina –

      1. grazie caterina per aver risposto al mi commento. quando una scrittrice sa scrivere, io non la lascio mai, anzi se per lei va bene potrei farle una intervista; le invio tramite mail domande su di lei e sulla sua professione poi farò l’articolo e sarà introdotto su varie riviste e siti.

      2. Gentile Katia, c’è stato un silenzio lungo tra di noi ( me ne scuso ancora ) che adesso sentendola mi sembra di aver recuperato un’amica.Sono a sua disposizione per un’intervista che ci darà l’opportunità di conoscerci meglio. Chieda alla Redazione la mia e-mail ed io chiederò il suo recapito per omaggiarla del mio ultimo libro; a proposito legga la recensione della sig.ra Morletti e l’Anteprima del libro che si intitola: La Vita appesa ai Muri, lo trova sul Portale o nello Stand della Fiera d’Autunno del Manuale di Mari. Lasci il commento, mi farà cosa gradita.
        Può anche visionare il mio Blog che si intitola:Il Mondo di Caterina ma la aggiornerò meglio
        appena ci scriveremo.Sono contenta perchè ci accomuna l’amore per la scrittura, è un dono speciale quello di saper tradurre le emozioni in parole e trasferirle a chi ci legge.
        Un caro saluto e a presto.

        Caterina

  2. che meraviglioso estratto! Arrivare alla fine di queste poche righe mi ha fatta commuovere. Mi sono sentita vicina alla protagonista, come se io stessa stessi incontrando mia madre dopo tanto tempo. Penso che poi, quello che le direi, sarebbe un po’ lo stesso…
    Un libro veramente toccante ed emozionante che sembra descrivere in modo calzante il rapporto complicato tra madre e figlia. L’orgoglio, il tempo, i ricordi, l’affetto inespresso e le confessioni taciute.
    Un libro che mi sarebbe piaciuto trovare sotto l’albero.

    1. Gentile Marisa,Cara Stefania, Le scrivo con enorme ritardo ma preferisco farlo adesso piuttosto che non farlo affatto.
      Ho delle motivazioni che preferisco non è il caso di raccontare. Silenzi d’Amore è stato un libro molto ben accolto dalla critica, non a caso ha vinto due Premi Letterari Internazionali, Il Montefiori e L’Histonium.
      L’Avv.ssa Annamaria Bernardini De Pace, che ne ha fatto l’introduzione, lo ha definito “libro della memoria” e non a caso. Parla della capacità di noi donne di tenere nascoste nel cuore delle verità che potrebbero, se raccontate, ferire. Sto cercando di farne una ristampa. Invece c’è in vendita il mio terzo libro, dal titolo:La Vita appesa ai Muri. Lei ben conosce il meccanismo del Manuale di Mari e può andare a leggere la recenzione e l’Anteprima. Ovunque sul Portale c’è un modulo d’ordine personalizzato mio da dove si può ordinare il libro direttamente a me.Grazie per le belle parole.
      Spero di risentirla..
      Caterina

  3. C’e’ uno sguardo d’amore,
    che e’ silenzio, che e’ stupore;
    che ti trapassa il sentimento
    da lasciarti un po’ sgomento.
    Le parole sarebbero stonate,
    fuori luogo, sciupate.
    Caterina ce lo rammenta
    e con una prosa attenta
    porta i ricordi la’ dove il cuore
    diventa una capanna di fulgore.
    E l’ incontro fra madre e figlia
    e’ un momento che artiglia
    il presente col passato,
    perche’ l’ oggi dall’ ieri e’ figliato.
    Un racconto da succhiare
    come il latte da mammelle rare :
    qui ci si ritrova in compagnia
    dell’ autentica, sana nostalgia.

    Gaetano

  4. Ti fa fermare e riflettere perchè in fondo tutti abbiamo dei ricordi il problema è che non ci si sofferma mai, sicuramente leggendolo si farebbero strada e questo è sicuramente positivo.

    Complimenti
    Barbara

  5. Se ho ben inquadrato il romanzo credo che possa essere definito come uno di quei libri che tutti dovremmo leggere e forse allora il mondo sarebbe migliore.
    Mi piace che sia stato definito “libro della memoria”, credo che queste parole riassumino il suo significato più profondo.
    Spero di poterne ricevere una copia e verificare le mie prime impressioni!
    Grazie e buon Natale!!

    Stafania C.

    1. Cara Stefania, Le scrivo con enorme ritardo ma preferisco farlo adesso piuttosto che non farlo affatto.
      Ho delle motivazioni che preferisco non dire. Silenzi d’Amore è stato un libro molto ben accolto dalla critica, non a caso ha vinto due Premi Letterari Internazionali, Il Montefiori e L’Histonium.
      L’Avv.ssa Annamaria Bernardini De Pace, che ne ha fatto l’introduzione, lo ha definito “libro della memoria” e non a caso. Parla della capacità di noi donne di tenere nascoste nel cuore delle verità che potrebbero, se raccontate, ferire. Sto cercando di farne una ristampa. Invece c’è in vendita il mio terzo libro, dal titolo:La Vita appesa ai Muri. Lei ben conosce il meccanismo del Manuale di Mari e può andare a leggere la recenzione e l’Anteprima. Ovunque sul Portale c’è un modulo d’ordine personalizzato mio da dove si può ordinare il libro direttamente a me.
      Spero di risentirla..
      Caterina

      1. La ringrazio, ho provveduto tempo fa a lasciare il mio indirizzo per la spedizione del libro, ed oggi, lasciando questo commento, ho nuovamente inserito i miei dati per la spedizione.
        Spero di ricevere il suo libro, ne sarei onorata e felice!
        Stefania C.

  6. Caterina tratta un tema delicato quello dei silenzi d’amore che “costeggiano la nostra vita”…trovo lo stile ben curato preciso, capace di suscitare emozioni vibranti di diversi finali inattesi
    madre e figlia a confronto vorrei leggerlo…nel mio SE FOSSI LEI ultimo romanzo affronto il tema della maternità…gradirei un confronto. Complimenti

      1. Gentile Sig.ra Piccini, innanzitutto mi scuso per non avere risposto al suo commento. E’ passato un anno è vero ma non è mai tardi, a parer mio, per farlo.Ho dei motivi che non mi hanno permesso di rispondere a suo tempo ai lettori che avevano lasciato un commento su “Silenzi d’Amore”. Noto che lei scrive e questo ci accomuna.L’amore per la scrittura è un gran dono perchè ci permette di trasmettere conoscenze ed emozioni. Di Silenzi…al momento non ho copie ma mi sto occupando
        della posssibilità di stamparne altre, invece posso omaggiarla del mio terzo libro, dal titolo:La Vita appesa ai muri. Lei sa il meccanismo, vada, se vuole, a leggere la recensione e l’anteprima e lasci il commento con la richiesta.Mi alletta l’idea di un confronto tra i nostri Scritti.
        A risentirla e un caro saluto.
        Caterina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine