folder Filed in Poesia
La Porta
LadyDeath75 comment 4 Comments access_time 1 min read

La porta dischiusa

par far passar vento

la luce soffusa

mi indica il tempo

trascorso fin ora

in un lieve torpore

che va dall’aurora

al calar delle ore

intesa di sguardi

un momento soltanto

sorrisi maliardi

si prospettano a incanto

ma è solo un istante

che tiene tenace

quel volto mirante

scompare e lì tace

la fonda memoria

di un giorno lontano

che segnò la storia

di un essere umano.

 

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore Desiderio Memoria Meraviglia Riflessioni Stati danimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. @ QueenIshtar :

    Grazie, ogniuno la interpreta a suo modo ovviamente, e questo è il bello delle liriche. Sono sopratutto contenta che te ne senta coinvolta. Un salutone!

    @ FrancyBlog :

    Già, credo anche io che possa essere un esperienza coinvolgente inquanto a molti di noi è capitata tale situazione. A me personalmte mi ha colpito molto nel profondo, tant’evvero che quell’istante fatto di pochi millesimi di attimo mi ritorna alla memoria in continuazione. E penso che per molti sia così, molti rivivono queste frazioni di esistenza rendendole quindi eterne. Grazie per il commento!

    @Nereine:

    Mi dispiace che tu la trovi banale, forse ( probabilmente ) non ti piacciono le rime ( ho letto le tue opere sul tuo blog sono molto belle ma per l’appunto senza rime ) io invece adoro questo genere di sonetti che nella mia testolina bacata quasi le canticchio ^__^ , insomma nel globale amo scrivere in rima perchè posso dargli musicalità, tutto qui! Per quanto riguarda invece il contesto ( se è questo che hai trovato banale ) forse non hai mai provato tale sensazione, potrebbe anche essere, nel qual caso mi dispiace solo che tu non sappia cosa sia o cosa fa provare, perchè è qualcosa di fuori da ogni logica, senza una spiegazione scentifica, un fulmine a ciel sereno che ha colpito casualmente un magazzino di fuochi d’artificio facendoli esplodere tra le penombre della sera, qualcosa di unico che se uno non ha mai provato avrà sempre un punto pancante nella sua anima. Grazie comunque per i commenti che trovo sempre molto costruttivi, Un Salurone.