Amatissima dai piccoli, la Befana, da  epifania, cioè manifestazione, è una favolosa vecchietta che distribuisce doni ai bambini buoni, ma cenere e carbone a quelli disubbidienti, nella notte fra il cinque e il sei gennaio. L’iconografia la rappresenta in ciabatte, lunga gonna scura e rattoppata, grembiulone, scialle e ampio cappello. E, soprattutto, mentre vola sui tetti a cavallo di una scopa.  
La nascita di questa tradizione popolare, antichissima, magica e pagana ha, come tante feste, un’origine agricola, come allegoria di una natura consunta che, immolandosi a una nuova primavera, vuole lasciare un bel ricordo ai più meritevoli, augurando un prossimo ciclo di prosperità.  Il folclore si fuse poi con elementi cristiani e la Befana portò doni come i Magi a Gesù Bambino. La leggenda narra che i tre Re, essendosi smarriti sulla strada per Betlemme, chiesero a una vecchia di accompagnarli. Ma questa non poté. In seguito, se ne rammaricò così tanto da mettersi a cercare il piccolo Gesù in ogni casa, recando strenne a tutti i bimbi nella speranza di trovare il Redentore. A Gesù i Magi portarono oro, incenso e mirra, simboliche offerte del mondo reale per adorare il neonato Salvatore dell’umanità. Essi consegnano regali, regali materiali. Ma, in questi giorni dell’apparizione di Gesù, quanto di più può essere regalato ai tanti bisognosi della terra, specie ai bambini malati, a quelli poveri, a quelli senza genitori o senza patria, senza casa, senza ospedali, senza medicine. Se solo l’Epifania servirà a diminuire, non certo a sconfiggere – sarebbe un’utopia – le tante piaghe del mondo, avremo celebrato nel modo più giusto e generoso lo spirito dell’evento natalizio, quello di tendere una mano a chi soffre. E, come non ricordare i versi di Giovanni Pascoli che, nella sua poesia “La Befana”, rivolge un pensiero alle diversità sociali e alle miserie umane, attenuate solo dalla fede e dalla speranza: ”…La Befana vede e sente;/ fugge al monte, ch’è l’aurora./ Quella mamma piange ancora/ su quei bimbi senza niente./ La Befana vede e sente./ La Befana sta sul monte./ Ciò che vede è ciò che vide:/ c’è chi piange, c’è chi ride:/ essa ha nuvoli alla fronte,/ mentre sta sul bianco monte.”

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Per chi arriva la Befana?

  1. Complimenti per questa bellissima poesia, che “toglie l’inverno
    dal cuore,/ come germoglio di mughetto d’aprile/ colto/ da un bambino festante/ i cui occhi pregano la gioia.
    Con viva cordialità

    Daniela Quieti

  2. L’ acrobata

    Il sottile acrobata
    sul filo di Arianna
    risolve il labirinto della mente

    toglie l’inverno
    dal cuore,
    come germoglio di mughetto d’aprile
    colto
    da un bambino festante
    i cui occhi pregano la gioia.

    Il clown si ferma un attimo
    guarda stanco
    con la testa raccolta
    tra le mani.

    Vede con nostalgia
    i finestrini illuminati
    del treno vuoto
    che si allontana senza rumore
    veloce nella notte.

    Francesco Paolo Percoco

  3. Quando ero piccolo, ricevevo regali semplici, di “altri tempi”, solo dalla Befana che, peraltro, non mi portava mai esattamente ciò che chiedevo nelle letterine e sempre anche un po’ di carbone, quello vero! Ma era un momento magico di attesa e di fiducia. Da domani si torna alla solita routine. Speriamo che il messaggio evangelico si trasformi in opere e condivisione nei cuori di tutti. Complimenti e saluti carissimi da Lele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine