La mia declinazione

Articolo precedenteL’acrobata
Articolo successivoLa città punita di Fabio Bertinetti

La mia
declinazione
sei
tu
di te
a te
te
sempre
tu
e io
con te.

Dalla silloge  “Graffi obliqui” di Daniela Quieti – Premio Scriveredonna  2009

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti