1 –

Formicola in questo pomeriggio d’ottobre
L’aria in attesa di interminabili inverni
I piccioni rinfrancati su campi
Di granturco recisi
Consegnano alla memoria
Un’altra estate esausta.

***

2 –

Sciolgo questo istante di perplessità
Volgendo lo sguardo altrove
Petali di rose sull’asfalto
L’estate e’ appena cominciata.

***

3 –

Sinapsi esigenti
In contemplazioni inquiete
Mi vedo genuflesso
In miriade di contraddizioni ancestrali.

***

4 –

Inanellato nel candore del ricordo
Un pensiero s’infrange nel muro.

***

Uomo asfalto di Claudio Spinosa

© 2012 – 2014, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

2 thoughts on “Uomo asfalto di Claudio Spinosa

  1. Sopra l’ uomo passeggian gl’ ideali,
    che son forti e mai eguali.
    son dannati utti gl’ ismi.

    E se non diventa come asfalto,
    essi non putan verso l’ alto.
    Percio’ il cuor dev’ esser levigato,
    come di chi ha tanto amato;
    e la ragion senzqa sofismi,
    perche’ son dannati tutti gl’ ismi.

    Gaetano

  2. In cerca d’armonie primigenie, il verso sale nudo e melodioso, per ricadere immenso su zolle gravide di pensiero e colorarsi dei profumi dell’esistere. Versi in ascolto, attenti al sé e alla Natura, all’essere e al divenire in sintonia col respiro dell’Universo. Inquietudini, contraddizioni, disarmonie alfine si sciolgono nel candore di un rimembrare oltremodo vivido d’essenze. Che bel poetare. Gaia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine