1 –

Formicola in questo pomeriggio d’ottobre
L’aria in attesa di interminabili inverni
I piccioni rinfrancati su campi
Di granturco recisi
Consegnano alla memoria
Un’altra estate esausta.

***

2 –

Sciolgo questo istante di perplessità
Volgendo lo sguardo altrove
Petali di rose sull’asfalto
L’estate e’ appena cominciata.

***

3 –

Sinapsi esigenti
In contemplazioni inquiete
Mi vedo genuflesso
In miriade di contraddizioni ancestrali.

***

4 –

Inanellato nel candore del ricordo
Un pensiero s’infrange nel muro.

***

Uomo asfalto di Claudio Spinosa

© 2012 – 2014, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

2 thoughts on “Uomo asfalto di Claudio Spinosa

  1. Sopra l’ uomo passeggian gl’ ideali,
    che son forti e mai eguali.
    son dannati utti gl’ ismi.

    E se non diventa come asfalto,
    essi non putan verso l’ alto.
    Percio’ il cuor dev’ esser levigato,
    come di chi ha tanto amato;
    e la ragion senzqa sofismi,
    perche’ son dannati tutti gl’ ismi.

    Gaetano

  2. In cerca d’armonie primigenie, il verso sale nudo e melodioso, per ricadere immenso su zolle gravide di pensiero e colorarsi dei profumi dell’esistere. Versi in ascolto, attenti al sé e alla Natura, all’essere e al divenire in sintonia col respiro dell’Universo. Inquietudini, contraddizioni, disarmonie alfine si sciolgono nel candore di un rimembrare oltremodo vivido d’essenze. Che bel poetare. Gaia

Rispondi a gaetano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine