Er compreanno

Ciavemo ormai la mania de festeggia’
‘gni vorta che ce stamo a invecchia’
invesce,  d’avecce er rodimento drento
che un’artr’ anno è passato
e un novo acciacco cia’ lassato.
Eppoi si festeggi devi pure da ciacca’ li sordi
ecco perché quer compleanno mai più te lo scordi.
Domanno e dico: “Nun se po’ ferma’ ‘sto compimento d’anno?
Quanti vantaggi caveremmo!!! Innanzitutto, l’eterna gioventù
eppoi er problema nun ce sta più
de decide chi se deve da invita’
altrimenti, s’offenne questo oppure quello
e pe’ riporta’ la pace se deve puro da arbitra’.
Un’artra cosa è la torta che se  offre
in segno de gioia da condivide coll’artri,
ma chi l’ha detto io quella torta
la darebbe in faccia ar novo anno
che se ne poteva da annò a passeggia’ da un’artra parte
invesce de famme invecchia’
e pe’ nun penzacce me metto a gioca’ a carte.
Er compreanno ce comporta sempre ‘na  riflessione:
“Me convie’ da riceve li regali se li devo doppo contraccambia’
e allora ditemi voi er guadagno perzonale indole sta’?”
Sapete allora che penzo nun faccio sape’ niente a nessuno
der compreanno accusì tutti un po’ più giovane me crederanno
e festeggerò con me e l’ombra mia
accosì me sento in compagnia,
ma l’ombra nun me po’ fa’ coll’artri la spia.

***

L’omo stregato dalle donne

Disse un giorno l’omo:
“Poro me da quanno ho visto la donna
mentre  me mostrava quelle gambe mozzafiato
sotto quella vertiginosa minigonna
so’ rimasto stregato,  accusì come ‘no scemo
me so’ proprio bello che inguaiato.
Si è vero,  mo’ l’ho capito
e potrei dammela a gambe levate,
ma purtroppo ormai de lei so’ succube
e nun riesco a famme vale’
perché nun lascia spazio pe’ me,
anzi  si ce provo me fa le piazzate.
Senza de lei nun so’ sempre contento,
devo da ammette che so’ più lento,
oppuro nun riesco a move un dito me manca er su comanno
e allora, quello che devo da fa’ pigro lo rimanno.
E poi  scusate si sto da solo,
si nun l’avete capito, nun pozzo esse’  commido
ad aspetta’ che lei prepara  er  mi’  piatto preferito
co’ quell’invitante odorino
e allora, paravento,  ce passo sopra
si  la mi’ donna me fa’ er su’ casino.
Certo lei  t’a riempie de troppi sermoni
perché gestisce la su’ casa comme vonno le tradizioni,
ma quanno l’abbraccichi  core a core
er mi’ cervello penza solo all’amore …
e dimentico  che quarche vorta me tratta comme  ‘na rota de scorta.
Diceteme voi  comme se po’  la donna intelligente, sciocca o gnocca
trasformalla in cenere è ‘na creatura unica ner su’ genere
e troppo bella  pe’ nun tenella
e azzittilla  co’ un bascio improvvisato
così  smette de fa li schiribizzi e un po’ la raddrizzi .
Armeno quella vorta te rifai comme omo
e je fai  capì che si nun ce fossi  tu
chi glielo darebbe quer  bascio  appassionato
che nun se scorderà mai più!

***

NATURA VIVA

A un banco de frutta
Sor Arancio disce a Sora Susina:
“Ce lo sai che me manna Rino
che te vole ancora un monno de bene
e t’assicuro nun sta a fa’ scene
e  pe’ te annerrebbe puro in Cina.
Smetti d’a ricorda’ quella vorta
che l‘hai preso in castagna co’ albicocca
che faceva a sciocca.
Ogniduno, po’ scivola su ‘na banana
e comportasse in maniera strana.
Basta ripijasse ar momento opportuno”.
Sor Arancio nun smette er su’ discorso
mentre Sora Susina d’aranciata se beve un sorso:
“Mo’ Rino vole riesse’ in un lampone
er tu’ cocco d’eccezione
e te manna un bascio co’ lo schiocco,
eppoi è cotto de te come ‘na pera
e te invita a usci’ co’ lui ‘na sera”.
Sora Susina un po’ se ingrugna
e le su’ guance divennano color prugna
poi disce: “Se Rino nun smette
de fa’ la solita lagna c’ha rimette,
vado sotto casa sua  e je do’ ‘na papagna.
Si se crede d’esse er più fico
se trovasse qua fora ‘nantra mora
che c’ha comme lui a capoccia che sona a voto
comme er cocomero.
Mo’ Sor Arancio te sgancio
perché ar centro abbronzante devo da anna’,
lì co’ raggi uva me vado ad abbrucia’
dalla guancia alla pancia”.

***

Dal libro Er monno sbarazzino di Alba Venditti

© 2011 – 2015, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

7 thoughts on “Er monno sbarazzino di Alba Venditti

  1. Saggezza fa rima con leggerezza. E non e’ una critica.
    Lo sa bene Anna Venditti , che nella pugnace lingua di Roma. scorazza per le diverse contrade della vita e si sbarazza dei grevi pensieri dell’ inquietudine.
    Una ventata di purezza in una societa’ ripiegata su se stessa e preda del catastrofismo.

    Gaetano

    1. Grazie Gaetano, per il tuo bel commento. Riesci sempre ad arrivare alla mia vera indole con una forte incisività e discrezione nello stesso tempo.
      Salutissimi.

    1. Cara Daniela, è sempre un piacere ricevere bei commenti da te che sento più o meno sulla mia stessa lunghezza d’onda. E’ vero, io amo la natura viva perchè mi sono stancata di vederla morire per colpa dell’uomo che la deturpa. Scrivere è per entrambe la libertà dell’anima e tutto, seppur a volte un po’ triste, si alleggerisce. Saluti infiniti!!!!!!!

  2. L’ottimismo non e’ mai abbastanza… l’ottimismo e’ il profumo della vita, come diceva qualcuno… ed e’ proprio vero che da questi versi in romanesco traspare una boccata di aria fresca, delle ore trascorse a leggere con il sorriso sulle labbra… una cosa davvero sempre piu’ rara e per questo piu’ ammirata!
    Grazie, per avermi concesso di cogliere (seppur per pochi minuti) l’atmosfera “der Monno sbarazzino”!!

    1. Ciao Fiorella,
      è vero, l’ottimismo non è mai abbastanza in questa vita frenetica e a volte bisbetica. Comunque, chi si aggrappa ad un filo, anche se sottile di speranza e sorride alla vita attira a sè positività contro la negatività che spesso lo circonda. Basta poco per strappare un sorriso a chi si accontenta già, di quello che ha. E un sorriso ci addolcisce la vita amara e cara. Altrimenti, sparirebbe per sempre un mondo sbarazzino e mi dispiacerebbe molto se ciò, accadesse.
      Salutiiiiii.

      1. Gia’, un sorriso aiuta sia chi lo riceve che chi lo dona… e non costa nulla… quale regalo migliore per le nostre giornate? Magari ci fossero piu’ sorrisi!
        Mi piacerebbe molto avere la possibilita’ di leggere per intero il Suo libro, dev’essere proprio bellissimo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine