Per Te, soltanto per Te

Come goccie di rugiada
i tuoi occhi plendevano.
Profondi come la notte
racchiudevano stelle di rara bellezza.

Ora lacrime, come emoraggia
percorrono i profili del tuo viso.
Inerte ad ogni piacere,
flessibile solo al pianto.

Ho cercato di curare,
con dolcezza estrema
il racncore che ti avvolge,
che ti comprime le vene .

Per te ho cantato,
rompendo il silenzio,
distruggendo il vuoto,
quello buio della tua anima.

Riemergi dal pensiero del non essere amata,
e dalla bocca sprigionerai farfalle.
Noi due insieme,
 come l’ape e il suo candido fiore

[dedicata ad un’amica speciale]

Ultimi post

Altri post