Ho preso le tue mani
Le ho poggiate sul mio viso
E ho chiuso gli occhi
Non voglio più
Non ho mai cercato di meglio
Sento
Le tue mani
Sul mio viso
Le tue mani
Mi dicono
Che non si può
Che non sbaglio
Perchè
Le tue mani
Sono quello
Sono tutto
E non ho mai cercato di meglio


3 agosto 2006

Se ti penso, sai, sento il mare, sento il vento. Posso ascoltare il frangere di un’onda sulla battigia. Scorre e trascorre, frange e rifrange, questa onda, con la pazienza che solo il mare conosce. Senza sosta, senza mai arrendersi, tocca con la leggerezza delle tue dita la rena umida e si ritira con la tua stessa dolcezza. Gioca un rimpiattino gentile con le conchiglie di questa immensa spiaggia che ho di fronte. Gabbiani felici volano alti lanciando grida querule, un vento leggero spazza la sabbia bianca mulinando intorno le mie gambe. L’odore di questo vento, il sapore di questo mare che sa di spezie d’oriente mi lascia attonito a guardare lontano. Spazio con lo sguardo, seguo l’andamento lento di una barca che scompare in un sole a pelo d’acqua. Penso a Te, vorrei averti a fianco, mentre un’onda mi accarezza le caviglie, sento scorrere la tua mano sul mio collo. Ho la sensazione di essere fermo qui da ore, eppure il sole è salito solo qualche dito oltre l’orizzonte; un cane venuto da chissà dove si avvicina festoso, i suoi grandi occhi marroni mi scrutano curiosi, allungo la mano, gli carezzo il muso bagnato, felice mi ricambia. Ho mille pensieri per la testa, milioni di racconti da farti, milione di parole che ancora non ti ho detto. Cammino lentamente godendomi i raggi caldi del sole, gli occhi colmi di lacrime, con una voglia disperata di Te. Avrei bisogno di Te, qui al mio fianco. Prenderei la tua mano, intreccerei le mie dita con le tue. Cingerei la tua vita e ti stringerei a me, appoggeresti la tua testa alla mia spalla ed io potrei finalmente risentire il profumo dei tuoi capelli; voltandomi indietro le orme dei tupoi piedi si confonderebbero con le mie, diventando un tutt’uno non appena un’onda dispettosa si divertisse a ricoprirle con la sua spuma bianca. Ti accarezzo il viso e sollevi lo sguardo verso me, vedo la tua bocca avvicinarsi alla mia alla ricerca di un bacio. Prendo il tuo viso tra le mani, i tuoi occhi sono socchiusi, sento il tuo respiro leggero confondersi con il mio. Incontro le tue labbra calde, morbide, le sento schiudersi con la dolcezza di un bocciolo di rosa. Voliamo insieme, inesauribile carica d’Amore, di gioia, di voglia di vivere che nessuno sarà in grado di comprendere mai. Qualunque cosa potrà accadere, questi saranno stati i nostri attimi, i nostri giorni. Uno, due, trecentosessantacinque, duemila, cinque milioni, non importa. Mi basta averti incontrata. Ora so che ci sei, che anche per un solo giorno mi hai voluto bene, mi hai amato, perchè così è stato.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

7 thoughts on “Ho chiuso gli occhi

  1. Mi piace molto il racconto, Jet. E’ una cosa che forse ho scritto altre volte. Ciò che ci piace, ci piace perché lo sentiamo nostro. Così è stato per questo tuo racconto. Il mare, le immagini che fai scorrere dinnanzi ai miei occhi le ho sentite e le ho vissute.
    Hai ragione, non conta quanto dura. Conta sapere che c’è quel Tu, quel Tu che si differenzia da tutti i tu che costellano la nostra esistenza. L’importante è sapere che, al di là di tutto, c’è.

    Un abbraccio
    marilena

    PS: Ti segnalo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine