folder Filed in Blog degli Autori, Poesia
Alla mia famiglia
Giuseppina Mira comment 10 Comments access_time 1 min read

Assiema a te
l’amore
distilla come favo
aurore di fuoco.
Il cuore
s’incendia di cielo.
La gioia è laboriosa
come miriadi di formiche.
I sogni
non sono bozzoli
ma farfalle.
I pensieri spazzolano la noia
e fanno brillare i giorni.
L’entusiasmo indossa
il suo vestito più bello.
I sorrisi respirano
a pieni polmoni.
L’anima scrive
filastrocche di luce.
Assieme a te
la vita
non sopravvive
ma vive.

Immagine: Alla ferrovia di Édouard Manet

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Verità e sentimento Vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Leggere questa lirica mi ha suscitato forti emozioni … ed ho difficoltà a trovare parole elogiative … tutte mi sembrano sminuirne la bellezza.
    Splendida l’immagine che “i pensieri spazzolano la noia e fanno brillare i giorni” Grazie, Marisa Provenzano

  2. amore che rende vivi, amore che incendia e scalda, amore che dà gioia e aiuta a sconfiggere la noia dell’esistenza ripetitiva. Tutto questo e molto più, in questa splendida poesia che regala quadri di tenerezza e dolcezza…

  3. Tanto la semantica delle parole, quanto il loro suono e la loro combinazione evocano sensazioni di benessere e di ariosa luce.
    Deve essere davvero una bella famiglia, quella della poetessa, per riuscire a “provocare” un’ispirazione così feconda! Complimenti e grazie per le emozioni…

  4. “L’anima scrive filastrocche di luce”…
    trovo tutta la poesia una centrale di luci incandescenti
    e trascrive immagini di serenità autentiche.

    Complimenti!
    marinella(nonnamery)

  5. Bellissime parole, Giuseppina, che favoriscono immagini di gioia infinita. Bellissima quella dell’anima che scrive filastrocche di luce. Perché l’amore é gioia, é vivere e non sopravvivere. Complimenti, Lenio.