Mi giunge la tua voce
da sidèree assenze

rifrange una luna rossa
sproloqui di nuovi approdi

si gonfiano le vele
in tessiture di attese
alle narici di un vento
fuggiasco e capriccioso
tra fiocchi di ricordi
e fantasmi ebbri prigionieri
di un viaggio secolare
a circumnavigare sconfinate
frontiere immaginarie

Con fantasiose bisacce
e chiodi fissi nel cervello
persistiamo sulla soglia
di un addio incompiuto

Tempi di reazione:
interminabili…

getto il bouquet da sposa
tra le onde di un sogno acquatico:
afferralo al volo in immersione
tra trasparenze d’anime

prima che si sparpagli in petali
di un alfabeto impazzito
di nomi estranei e persi
in vuoti di caverne
a pascere nugoli di pesci
e rughe di coralli

(Da Errante tra Amore Eros e Thanatos)

© 2009, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine