menu Menu
La favola del vento
di Federico Tarallo Pubblicato in Blog, Poesia il 30 Novembre 2009 0 Commenti 1 minuti di lettura
... Io sempre io... di Marisa Giaroli Precedente Il viaggio Prossimo

Il grande pino di Paul Cézanne

Di te, o Vento, si canta
di un tempo di placidi effluvi,
quando trasudavano miele
gli alberi e spontanea la terra
le sementi schiudeva.
Tu per i campi correvi
su messi ondeggianti
o tra fronde frementi
t’avvolgevi leggero.

Un dì, quando già verde
la terra s’infiora,
beltà di fanciulla ti prese:
negli occhi suoi un’ombra,
un vago tremore.
Pur, voli
e canti amebei
per silvestri sentieri.

Ora, nella tua corsa,
un’eco di schianto,
quando il mare sommuovi e flagelli
e sabbie e valli turbinando fendi.
Dolce ti effondi, sol quando sull’onde,
le selve e le dune,
senti aleggiar l’Aura gentile,
dalle ombre rapita.

***

Dalle Poesie inedite di Federico Tarallo recensite da Nicla Morletti nel Portale Manuale di Mari

Immagine: Il grande pino di Paul Cézanne, particolare

Poesia Vento


Precedente Prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cancella Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
keyboard_arrow_up