Il grande pino di Paul Cézanne

Di te, o Vento, si canta
di un tempo di placidi effluvi,
quando trasudavano miele
gli alberi e spontanea la terra
le sementi schiudeva.
Tu per i campi correvi
su messi ondeggianti
o tra fronde frementi
t’avvolgevi leggero.

Un dì, quando già verde
la terra s’infiora,
beltà di fanciulla ti prese:
negli occhi suoi un’ombra,
un vago tremore.
Pur, voli
e canti amebei
per silvestri sentieri.

Ora, nella tua corsa,
un’eco di schianto,
quando il mare sommuovi e flagelli
e sabbie e valli turbinando fendi.
Dolce ti effondi, sol quando sull’onde,
le selve e le dune,
senti aleggiar l’Aura gentile,
dalle ombre rapita.

***

Dalle Poesie inedite di Federico Tarallo recensite da Nicla Morletti nel Portale Manuale di Mari

Immagine: Il grande pino di Paul Cézanne, particolare

© 2009, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine