Per caso: distrazione del signore del giorno, ancora addormentato, o confuso. La musica in sottofondo culla i pensieri, e lo fa con dolcezza, senza strattoni o eccessi di energia.

Vago ancora in una dimensione parallela, prima di riprendere le redini di me stessa perché la vita va recitata ogni giorno, anche se il pubblico è distratto, anche se il teatro è vuoto.

Musica e silenzio: nessuna contraddizione, solo felice connubio perché le note giuste, compensatorie per quella che io credo sia anima, tamponano le essudazioni degli squarci, spalmano unguento sulle ferite, cullano, accarezzano.

Forse non sono consapevole, non ancora, della casa di mattoni d’amore che sto costruendo, per trovare riparo, per permettere al cuore stanco di svernare, di riposare. Finalmente.

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Proxima centauri

  1. Che sorpresa, grazie mille per il commento sul mio blog! (ti rispondo qui, non saprei dove ringraziarti) mi ha fatto un immenso piacere.

    Lo dico di nuovo, il tuo stile è bellissimo. Pensieri di getto, veri, immediati.

  2. bellissimo il tuo stile, e lo dico davvero. E’ come piace a me, ermetico, inzuppato di poesia, di mondi interiori ed esteriori, di anima e di corpo. Originale, ruvido, emotivo.

    I miei più sinceri complimenti, un abbraccio

  3. Penso di aver letto una metafora della vita. Auguro all’autore di mettere l’ultimo mattone d’amore e finalmente permettere al cuore di svernare.
    Complimenti
    marinella(nonnameri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine