L’elemento del buio

La navata deserta, sbrecciata
le pareti chiazzate di ruggine,
il tetto sfondato. Uno squallido
antro rifugio di qualche sbandato.
Le colonne reggono il vuoto
del cielo che manda una notte
gelida e illune. La nebbia s’insinua
all’interno con le ombre rintanate
ed ostili. Il battito d’ali d’un predatore
notturno lascia il posto a una cascata ‘
di fiori appassiti risucchiati dai muri
in concrezioni gessose che formano
scritte, paccottiglia di simboli vuoti.
Basta col vuoto, basta alle acque profonde
d’un sogno svanito, al risveglio nel muto
fragore del gelo. So di non essere solo.
Dal fiume sale un vapore leggero che
si spande lungo la valle e uno sciame
di bianche figure, di rigidi spettri
che salgono verso la strada. Verso
i bagliori d’un cielo incupito
dai lampi d’una notte perpetua
che inghiotte le ombre come cocci
di vetro che grondano sangue
e gocce di latte nel denso spessore
del buio.

***

La neve

La neve, la sabbia e il vento
tra le fenditure di roccia
dove si alza la bufera. Sabbia
bianca, quasi ghiaccio
e il suo lento cadere davanti
a una parete che fa da schermo
alla visione d’una prossima
notte. Cala il silenzio rotto
dal latrato che invoca 1’assenza
di qualsiasi luce prima di scavare
nel ghiaccio o nella sabbia dura
che ha reso impervio il transitare
su strade solitarie in cerca
d’una traccia che la bufera ha
cancellato. Resta il grido come
unica prova che precede il giorno.

***

Poesia numero tre

Mi sta seguendo una luna enorme
mentre mi avvio per il sentiero
tra gli alberi piegati e scarmigliati
dal vento. Il cuore dilaniato,
la mente distratta da improbabili
sogni e desideri come lacrime
disperse nel muggito di tempesta
che percuote la mia scarsa sicurezza
e mi consuma l’anima mentre
mi dirigo verso i fantasmi dei miei
anni solitari. Adesso sotto la luna
che attende la sagoma del lupo
stagliarsi contro la sua luce, affronto
il dolore, irrigidito nel sospetto
di sguardi traditori, di nubi sfilacciate
come serpi evase nella notte
tra lampi di sospetto e invocazioni
rassegnate, infrante sul ghiaccio
che stritola il cammino.

***

Lune doppie di Andrea Venzi – Edizioni Pendragon, 2011 – pag. 85

Il commento di NICLA MORLETTI

Andrea Venzi, oltre ad essere un ottimo poeta, è anche pittore, fotografo e viaggiatore. E questo libro dal titolo “Lune doppie” è dedicato alla sua adorata moglie Benedetta. La raccolta che ci presenta racchiude in versi le emozioni, sensazioni e descrizioni dell’ultimo viaggio in Canada compiuto insieme alla moglie che è venuta a mancare. “Da quel momento il mondo mi è crollato addosso” dice l’autore. C’è inquietudine tra le righe, aleggiano nebbie e battiti d’ali, bianche figure e rigidi spettri, ma anche farfalle che guizzano nella luce, finché le nuvole si specchiano nel lago. Un libro prezioso, dove la parola esercita un forte impatto emotivo. Andrea Venzi è maestro del verso, supera i confini terreni per elevarsi oltre la materia e il suo raccontarsi tocca profondamente le corde del cuore, divenendo così sublime poesia ricca di contenuti e sentimenti dagli accenti vibranti. Un’analisi della vita, del mondo quotidiano, delle persone e dei luoghi che ama e ha amato. Forte è il messaggio: “Pur nel dolore che affligge la vita, non siamo soli.”
Consiglio a tutti la lettura di questo bellissimo libro dove regna sovrana la poesia della mente e del cuore.

© 2012 – 2014, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

8 thoughts on “Lune doppie di Andrea Venzi

  1. Caro Andrea Venzi, mi piace la tua poesia, i suoni del tuo strumento mi sono noti, sanno quasi di casa, anche tu sei padrone e servo della poesia, che ci prende all’improvviso alle spalle, sbucando da un chi sa dove.Anche io sono poeta e sono sul blog, anche io ho pubblicato un paio di anni fa la mia ultima raccolta, mi farebbe piacere se potessimo scambiarci il libro, come fanno i bambini che si scambiano le figurine dei calciatori, Se restiamo Bambini saremo grandi, Salve, Franco Faggi.

    1. Caro Franco, ho letto il tuo commento e ti ringrazio per le parole che mi riservi.
      Non so se sono padrone e servo della poesia ma la pratico da molti anni. Una poesia
      visionaria che corrisponde a miti e passioni che albergano in me.
      Per la perdita (molto grave) di mia moglie, in tempi recenti la mia scrittura ha preso
      una decisa svolta verso il dolore.
      Aderirei volentieri alla proposta di scambiarci i nostri libri.

      Saluti, Andrea

      1. Troviamo il modo di scanbiarci l’indirizzo, così potrò spedirti il mio libro e tu farai altrettanto.Grazie e cari saluti. Franco

  2. Prima di tutto mi voglio scusare per il ritardo…
    Ho letto i tuoi versi e mi sono piaciuti molto…entrano nel cuore e nell’anima. Un connubio con la natura, o a quel che c’è al di sopra della natura stessa, attraverso la quale esprimi il dolore e la sofferenza, ma anche un qualcosa a cui aggrapparsi, perchè la vita va vissuta comunque… anche se aggrappandosi solo ad una fioca luce.
    Forse la poesia che mi ha colpita di più è la numero ventotto, veramente molto toccante ed incisiva, l’ho letta e riletta molte volte…. e non solo quella.
    Ancora tanti tanti complimenti per la sensibilità che ho potuto leggere nelle tue poesie…e grazie ancora
    Un caro saluto
    Vilma

  3. Sono qui per ringraziarti del libro di poesie che mi è arrivato oggi. Non me lo aspettavo ed è stato davvero un bellissimo regalo. Tornerò in un secondo momento quando avrò letto tutte le poesie.
    Ti auguro di passare le festività al calore degli affetti più cari…
    Grazie ancora
    Vilma

  4. Voglio la luna e’ un modo di dire,
    per chi intende poco soffrire.
    E le lune doppie per il viaggiatore
    son i suoi incubi a tutte le ore.
    Andrea fotografa un cielo
    che e’ nascosto da un doppio velo :
    quello fisico e siderale,
    e l’ altro, il personale.
    Questo secondo e’ una galassia
    che invisiblle – piaccia o non piaccia –
    illumina la vita dell’ umanita’
    e di ciascun e’ carta d’ identita’.

    Gaetano

  5. Una poesia interessante che ha la capacità di approfondire l’animo umano, con intonazioni capaci di esprimere anche il dolore e le traversie buie dell’esistenza.

  6. Toccanti, viscerali questi armoniosi versi, penetrano l’animo del cuore del lettore forti d’emozioni e d’un sentire vivido e puro che si spinge oltre, oltre la sofferenza, la mancanza, il nulla. Versi davvero evocativi di un possibile e doveroso risveglio anche là ove il sonno pare essere eterno e grave. Davvero un poetare alto ed un canto illuminato ed illuminante. Gaia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine