Amore è

Amore è… un forte batticuore e brividi sulla pelle
quando incontri quell’uomo così fascinoso
che ti dedica uno sguardo particolare
e penetrante da spogliarti con gli occhi
lasciando tutto immaginare
sotto quel cielo pieno di stelle.
Chissà se quell’incontro più ravvicinato
tra i due cuori tempestosi succederà nella buia notte?

Amore è… turbamento e disperazione
nella tua mente quando non sei ricambiata
da colui che pensa ed ama un’altra veramente;
a quel punto ti senti ormai su una strada a senso unico
anche se in cuor tuo vuoi trovare, prima o poi,
una strada parallela su cui ci sia un cuore viaggiatore
che si affianchi nella medesima direzione.

Amore è… sperare in un incontro principesco
con l’uomo dei nostri sogni ma ahimè
bisogna svegliarsi i tempi sono cambiati
e gli uomini non vogliono più essere seriamente impegnati
a meno che non scatti in loro quella molla
che li faccia diventare tutto d’un tratto
dolci come la pastafrolla.

***

Spensieratezza

Spensieratezza è…
sprizzare da quei tuoi occhi frizzanti tanta gioia
per tutte le piccole cose di ogni giorno
anche se realmente avresti bisogno di qualcosa di più
ma riesci a farne a meno spiritoso come sei tu.

Spensieratezza è…
saltellare indifferente tra le strade della grande città
con la gente sempre in continuo movimento
per il suo lavoro in cui l’orario è sempre un tormento
e non ha tempo pur volendo di fermarsi ne di qua ne di là.

Spensieratezza è…
quel mare di bei pensieri
che avvolge la nostra mente
e che ci tuffano sempre
in posti vacanzieri.

Spensieratezza è…
la tua voglia di cambiare
tante persone che la loro allegria
non riescono più a farla ritornare
sulla giusta via.

***

Statue in fermento

Nel museo degli amori
si scorgono due statue in fermento
di un uomo e una donna
messi a nudo entrambe
nel corpo e nell’anima.
L’uomo è un bronzo di Riace
che con la sua mano tesa invita loquace
la Venere di Milo
tanto sinuosa ma anche vergognosa
e le vuole fare il filo.
La Venere timida ma felice di essere
tra tante statue contesa
accenna un velato sorriso
sul suo dolce viso
e il bronzo di Riace
fiero di averla conquistata
tanto si compiace.
Nasce tra le due statue in fermento
ed immobili sul loro piedistallo
un amore immortale
che nel tempo diventa di cristallo.

***

Dal libro Io, Madre Natura e la gente di Alba Venditti

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

19 thoughts on “Io, Madre Natura e la gente di Alba Venditti

  1. Gentile Alba,
    eccomi qui a scrivere del tuo libro: è passato molto tempo da quando l’ho ricevuto, ma è stata una “mossa strategica”. Mi spiego meglio. Lo scorso anno ho avuto la fortuna di ricevere “Avvventurose fantastorie” che ho letto nel periodo estivo. Questa volta, volevo dare un sottofondo invernale alle Sue poesie. Niente di più azzeccato. E’ un libro intenso, seppur attraversato da lampi di imprevedibile umorismo. In questo senso, la mia preferita è “Er terapista e l’imbranata”. “L’aquilone” e “L’anziano” potrei definirle come due facce della stessa medaglia: entrambe piene di una carica emotiva immensa.
    Grazie ancora per avermi inviato il libro e spero a tra poco, con una nuova Fiera dei libri!!
    Un saluto,
    M.Grazia

  2. Gentile Alba,
    eccomi qui a scrivere del tuo libro: è passato molto tempo da quando l’ho ricevuto, ma è stata una “mossa strategica”. Mi spiego meglio. Lo scorso anno ho avuto la fortuna di ricevere “Avvventurose fantastorie” che ho letto nel periodo estivo. Questa volta, volevo dare un sottofondo invernale alle Sue poesie. Niente di più azzeccato. E’ un libro intenso, seppur attraversato da lampi di imprevedibile umorismo. In questo senso, la mia preferita è “Er terapista e l’imbranata”. “L’aquilone” e “L’anziano” potrei definirle come due facce della stessa medaglia: entrambe piene di una carica emotiva immensa.
    Grazie ancora per avermi inviato il libro e spero a tra poco, con una nuova Fiera dei libri!!
    Un saluto,
    M.Grazia

  3. Carssima Alba,
    ho ricevuto – dopo alcune peripezie postali – “Io, Madre Natura e la gente ” .
    Ti ringrazio commosso. Lo leggero’, lo meditero’, lo assimilero’ . E poi ti partecipero’ il mio parere.
    Un abbraccio.

    Gaetano

  4. Carissima Alba ho letto il tuo libro ed ecco la mia recensione.

    Quella di Alba Venditti è una poesia libera, che segue il pensiero e la spontaneità dell’autrice. E’ facile ritrovare nei suoi versi tracce di vita quotidiana, perché la sua silloge si compone di componimenti destinati a trasmettere un messaggio e componimenti più intimi scritti come sfogo interiore di riflessioni e pensieri. “Intreccio di mani” e, “L’uomo alla ricerca del tempo”, guidano il lettore alla considerazione della vita, perché a volte ci si dimentica del motivo per cui siamo nati. L’essere viene alla luce non per occupare uno spazio indefinito, ma per contribuire al restauro del mondo. In che modo? Prima di tutto unificando l’Europa. “Quei paesi fra loro un po’ lontani si tendono tra loro le mani senza comportarsi come villani…” Basta però allontanarsi dall’Europa e camminare sulle strade del proprio Paese per avere sotto gli occhi situazioni paradossalmente opposte a tanto perbenismo. “Facce stanche e mani incallite di operai che lavorano in quei cantieri assorti tra mille pensieri…” “Quanti bimbi fra quei genitori separati che ormai nelle foto famiglia mai più insieme e li inquadri e che spesso per motivo di contesa si sono troppo oltraggiati…” e ancora… “La voglia di comunicare con un filo diretto si tinge d’azzurro…” e che dire del dolore che prova una madre per la perdita del proprio figlio? Ma la silloge si tinge non solo di grigio, ma anche dei bei colori che solo la natura riesce a trasmettere. Alba Venditti da brava “etologa” prende per mano il lettore e lo accompagna nel fantastico mondo degli animali, delineando alcuni aspetti del comportamento di essi; perchè come scriveva Konrad Lorenz – Premio Nobel per la Medicina nel 1973: “Per scrivere sugli animali bisogna essere ispirati da un affetto caldo e genuino per le creature viventi…” Alba Venditti originaria di Roma, e da buona romana non poteva esimersi di scrivere sonetti in dialetto. In Io, Madre Natura e la Gente troviamo poesie in dialetto romanesco e chissà forse anche lei come Giuseppe Gioacchino Belli ha voluto lasciare “un monumento” del popolo romano. La scrittrice in “Er temporale”, “Er vigile er vu’ cumprà” esprime la vita nelle strade, nelle case, nelle piazze, con una verità insieme ironica e pietosa. La silloge non è la classica raccolta di poesie, ma una miscela di sapori che si alternano a caso e passando da una pagina all’altra si può assaporare un gusto amarognolo, per passare ad un sapore agro e deliziarsi il palato con il gusto dolce di una breve risata.

  5. Amore è… mi ha fatto ritornare in mente una mia vecchia poesia, avevo appena 16 anni

    IMMAGINE DI UN LUI

    Mi piace ascoltare il suono della tua voce
    e quando mi stringi tra le tue braccia
    mi sento protetta.

    Vorrei affogare nei tuoi occhi,
    a volte impetuosi come il mare,
    a volte dolci come quelli di un cerbiatto.

    Non ti ho mai visto ma penso di conoscerti,
    forse ti ho incontrato nei miei sogni.

    Se le nostre poesie le impastiamo insieme possiamo farne una. Hai ragione quando dici che oggi l’uomo non vuole impegnarsi più di tanto, sono le responsabilità a farlo fuggire, e a noi donne cosa resta, sognare l’uomo ideale. Eppure è proprio l’amore a essere tema centrale di canzoni, poesie, racconti… un sentimento così bello che purtroppo a volte lascia soltanto illusioni.

    1. Ciao Fabiola,
      è vero, le nostre poesie insieme sarebbero una simbiosi perfetta. Anche noi parliamo di amore quel sentimento che germoglia, fiorisce ed appassisce. Ma c’è il ricambio naturale perchè mentre tanti fiori appassiscono altrettanti sbocciano o rinascono a nuova vita. Abbiamo tutti un grande bisogno d’amare, comunque vada. Saluti da Alba.

  6. Cara Alba è stata un’emozione indescrivibile ricevere il tuo libro e poi … la dedica non me l’aspettavo, mi ha colto piacevolmente di sorpresa. Ho letto di sfuggita qualcosa per la curiosità e la gioia di leggerti ancora ma ad un tratto ho pensato non fosse il modo ed il momento giusto. E così ieri sera, quando tutti dormivano ed io entro come sempre in punta di piedi nel mio mondo parallelo ho iniziato a leggerti. Sei davvero brava. Pur non essendo romana ho molto apprezzato le tue poesie in romanesco (con Roma ho un feeling da sempre) e poi la poesia L’anziano e L’allenatore di Rugby, L’uomo alla ricerca del tempo e così tutte le altre che pian piano rileggerò una ad una per penetrarci dentro più che posso. Quando leggo e quando scrivo lo faccio con tutti i miei 5 sensi ed anche di più. Un caloroso saluto ed a presto cara Alba.
    (posso parlare del tuo libro nel mio blog simposiumletterario.blogspot “vibrazioni dell’anima”? Ne ho tre di blog perchè mi sento tre 🙂 uno di letteratura vera e propria, uno di religione ed uno che non saprei come descriverti che è perle di infinito.)
    Buona domenica a te ed alla redazione che ci dona la possibilità per queste bellisime condivisioni.

    1. Ciao Calliope, la tua gioia nel ricevere il mio libro mi riempie di soddisfazione. Se vuoi, puoi parlare del mio libro nei tuoi blog trasmettendo le tue emozioni personali. Questa condivisione tra luoghi diversi e mondi diversi, come ci sta succedendo, è stata veramente un’idea geniale da parte della Redazione. Un caloroso saluto anche a te. A presto da Alba.

  7. Carissima Alba!
    Che onore è stato per me aver ricevuto il tuo (son passata al “tu” dato che già ci conosciamo 🙂 ) libro!
    So già che lo leggerò tutto d’un fiato, ma sempre con la giusta attenzione!
    Che dirti, grazie ancora e …W MADRE NATURA!!!!
    Un caro saluto,
    M.Grazia P.

  8. Alba Venditti giostra bene fra il sensuale e l ‘innocente ne ” Io, Madre Natura e la gente” .
    Ne manca l’ ironia, difficilissima arte di porre il tragico su uno sgabello comico.
    Ne s’e’ smarcata quella dolcezza che parte dall’ amarognolo per arrivare al vero.
    Caratteristica di questi versi e’ anche la semplicita’ . Questa vale piu’ di mille circonlocuzioni e punta diritta allo scopo.
    Semplice e’ sinonimo di profondo. Eh, si, contrariamente a quel che si ritiene.
    Sant’ Agostino diceva : ” Se un pescatore mi capisce, valgo piu’ di dieci filosofi “. Giusto.

    Gaetano

    1. Ciao Gaetano,
      ti ringrazio per il tuo bel commento in cui mi ci rispecchio molto. Hai la capacità di ben cogliere il significato profondo di ogni cosa in qualunque versione malgrado la mia caratteristica semplicità nell’esposizione dei miei pensieri.

      Saluti,
      Alba

  9. Gentile Alba,
    dopo aver letto con immenso piacere le Sue “avventurose fantastorie”, son qui di fronte a 8 piccoli componimenti poetici. Che dire? Frasi brevi, essenziali, dirette, per di più in rima: un mix semplicemente perfetto!
    La mia preferita è quella sull’amore e l’uomo dei nostri sogni: stranamente quella molla non scatta quasi mai…ma noi non disperiamo e continuiamo nella ricerca!
    Mi son molto rispecchiata anche nello spensierato saltellare fra le strade di una grande città: quando ho un po’ di tempo libero per prendere un treno “al volo”, adoro passaggiare per Roma, guidata solo dalla magia di questa magnifica città con la mente completamente svuotata da ogni turbamento, ovviamente, gli orologi sono banditi!!
    Spero di avere l’onore di poter leggere tutte le poesie del Suo nuovo libro!
    Un caro saluto,
    M.Grazia P.

    1. Ciao Anna Maria P.,
      ora mi ritrovi in versione poetica e non da narratrice, Spero che tu possa approfondire questo libro IO, MADRE NATURA E LA GENTE in cui vedo che ti ci sei già rispecchiata come la ragazza della porta accanto con tanta grinta contro i temporali della vita. Saluti infiniri Alba

    1. Ciao Calliope,
      raccontare l’esistenza , le emozioni che accompagnano la nostra vita è veramente gratificante e sono contenta che tu ne condividi alcune con me.
      Saluti e grazie dei complimenti Alba

    1. Grazie Nicla,
      sono contenta di trasmettere a te e gli altri sensazioni positive fra un’amarezza e l’altra della vita.

  10. Cara Alba,
    i tuoi versi, così personali e attuali, con coerenza e sensibilità sanno avvolgere e riscattare la deludente quotidianità in una visione di ragionevole fiducia.
    Complimenti e un affettuoso abbraccio

    Daniela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine