Diario di bordo

Diario di bordo del Blog degli Autori
Note più o meno leggere, più o meno utili, per la navigazione nei mari del web, nell’anno del Signore 2010

“Per chi scrive dentro e fuori dal web” è il titolo dell’articolo “manifesto” del Portale Manuale di Mari che vi invito a rileggere. Quando l’abbiamo concepito io e Nicla Morletti, più di due anni fa, era appunto solo un manifesto, una dichiarazione di intenti. Oggi è un programma attuato e in stato di continua evoluzione.

Abbiamo presentato centinaia di libri e autori e lanciato Iniziative come il Concorso di Emozioni, che hanno coinvolto, nel corso di ogni Stagione letteraria, migliaia di persone che amano scrivere e leggere.

Abbiamo ideato un Premio, un evento innovativo che si svolge interamente nel web e non è un momento unico ed isolato ma rappresenta, invece, il punto culminante di ogni Stagione letteraria, coinvolgendo per un anno intero scrittori, poeti, giornalisti, blogger, amanti della scrittura e della lettura in genere.

Abbiamo creato, in definitiva, con la collaborazione di tanti autori, quel “nuovo spazio per chi scrive e per chi legge, dentro e fuori dal web” di cui si parla nell’articolo già citato.

Le opere edite ed inedite, prima note con molta difficoltà fuori dalla Rete, circolano ora anche dentro il web, appaiono nei primissimi risultati di Google, in altri termini, come si dice sempre più spesso nell’era digitale, sono “visibili”.

Abbiamo offerto agli autori che non conoscevano ancora tutte le potenzialità del web una maggiore consapevolezza di questa dimensione in cui scrittori, poeti ed artisti in genere sono protagonisti assoluti. Perché? Perché, come dicevamo nel nostro articolo manifesto, “Internet è la parola scritta”.

Però abbiamo schiuso nuovi orizzonti anche agli autori che si esprimevano quasi esclusivamente nel web, nelle pagine dei loro blog. Riceviamo continue attestazioni in questo senso. Questi scrittori, poeti, amanti della scrittura on line hanno scoperto tanti autori che esistono e conducono la loro attività artistica fuori dal web, nella società letteraria tradizionale. Hanno scoperto che il web non è tutto quello che esiste nel mondo della letteratura e della cultura.

Così questi diversi mondi o, meglio, mari della scrittura e della lettura sono venuti a contatto, si sono mescolati e continuano a mescolarsi in modo fecondo, arricchendosi di contenuti, esperienze, emozioni.

E Manuale di Mari, con l’aiuto, l’esperienza, la particolare illuminata sensibilità del nostro Direttore responsabile, Nicla Morletti è sempre più per la letteratura e la poesia un “Manuale” per orientarsi “nei mari web”.

Buona navigazione a tutti.

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

43 thoughts on “Per chi scrive dentro e fuori dal web

  1. Nel viaggio che sogniamo vivendo incontriamo tante stazioni. Alcune felici e serene altre confuse e perse nella nebbia, altre simulacri del tempio del Denaro e della Speculazione, altre ancora povere, ma interiormente ricche. la trasposizione dagli oggetti alle anime è una maniera per indicare un bisogno comune di ognuno di noi: trovare un clima e un territorio favorevoli allo sviluppo delle sue capacità e delle sue matrici. Ciò può avvenire solo nel ponte che unisce le sponde del grande fiume. in quel ponte puoi fare tanti incontri e sei tu a dover capire il genere e la valenza del dialogo. Parlo ancora di dialogo, scusate sono un inguaribile romantico che crede nell’anima e nel respiro del cuore, nei sentimenti e nella loro grandissima forza e non ha alcuna stima di chi secerne il nettare dell’oro per farsi “grande”. E’ una magnificenza che inquina e fa di tanti suoi adepti degli “zombie”. Io voglio incontrare tanta gente e cercare il loro sorriso piuttosto che un facile guadagno effimero quanto un cerino. Sono qua per incontrare e per parlare e non ho argomenti da esludere, perchè tutto ci appartiene e al Tutto apparteniamo. L’importante, sempre, è aver rispetto degli altri nostri fratelli. In comunione con loro viviamo l’Amore e la Vita nella sua pienezza, respingendoli e maltrattandoli creiamo dei mostri sempre più cattivi e stupidi. Ama il prossimo tuo come te stesso!
    Grazie, Ugo Arioti

  2. Complimenti vivissimi ai vincitori del Premio “Il Molinello” per aver conseguito un premio così prestigioso. Un cordiale saluto a tutti gli autori, in particolare alla mia carissima amica Maria Lampa.
    Marinella

  3. Dopo aver letto tutti gli interventi sono tornata indietro con il treno dei ricordi. Il primo impatto nel Manuale di Mari, lo ebbi con un commento lasciato nel sito della Sig.ra Nicla Morletti, che emozione! Era il mio primo commento. Respirai subito il profumo della poesia. Rimasi amaliata da quel magnifico giardino da cui fiorivano fiumi di parole, corolle colorate che deliziarono l’anima. Tante grazie per le iniziative varie a cui ho partecipato con vivo entusiasmo; mi hanno dato l’opportunità di crescere culturalmente e di affezionarmi a diversi autori virtuali che ,poi, ho avuto modo di conoscere personalmente in alcune premiazioni. E’ stata un’esperienza bellissima ed elettrizzante. La mostra amicizia perdura nel tempo. Grazie carissima Sig.ra Nicla, grazie Robert, grazie a tutti i convenuti in questo salotto. Un cordiale saluto con affetto
    Marinella

  4. Complimenti vivissimi ai vincitori del Molinello,in particolare agli Autori Edda Ghilardi Vincenti, Maria Lampa e Roberto Sarra per aver conseguito un Premio così prestigioso di cui conserverò sempre un bellissimo e incancellabile ricordo. Idealmente partecipe, saluto caramente tutti, Organizzatori e Premiati, con i migliori auguri

    Daniela Quieti

  5. Anche se in ritardo rispondo ad Ars per “Dimenticare”. Hai perfettamente ragione, non si dimentica, ma questa poesia è rivolta a lui, che, apparentemente dopo aver intrappolato gioca come il gatto con il topo. Il cuore di lei è stanco, ma è una donna tosta e aveva previsto tutto, infatti ha scritto tempo fa una poesia che avrebbe voluto chiamare “vendetta”, poi l’ha addolcita ed è quella che posterò prossimamente. Cari saluti, ricorda che la tigre, come mi chiamano, e non sanno che so essere dolcissima, scrive sempre di sè. Mariarosa

  6. Voglio congratularmi con i vincitori del Molinello ed. 2010, in particolare con Roberto Sarra, Maria Lampa e Sandro Manoni, che prima di me ha vinto anche il Cimitile. Queste conferme testimoniano talento e passione – condivisa da molti, qui – per la scrittura. Può essere un evento pretigioso come il Molinello o lo sguardo sorpreso di un amico a dare certezza e valore alla nostra parola impressa sulla pagina, ma quando ci capita di viverla, questa situazione, la risposta viene da sola, spontanea, e accomuna indissolubilmente chi ha letto e chi ha scritto. E’l’affiorare di un sorriso sincero sulle labbra, la risposta. Un caro saluto. Antonio.

  7. Complimenti veri a Roberto Sanna, il Molinello è senza alcun dubbio il premio più prestigioso che esista, io ci sono stata a Rapolano, e non lo dimenticherò mai, Nicla è semplicemente superba, per Robert gli aggettivi sono esauriti. Al dissacracante, simpaticissimo, bravo Mario Prontera, va il mio affettuoso , metaforico abbraccio per le sue verità. In quanto ad incontrarci, credo sia meglio il Web, per non avere delusioni, non hai mai pensato alle rimpatriate scolastiche? Per esperienza ho incontrato Montale nella sua casa di via Bigli, rincagnato su di una poltrona, mi sembrava un ragioniere in pensione, un pò antipatico nonostante Montanelli lo sollecitasse.
    Avevo 18 anni ed ero innamorata di “ho sceso le scale……..”, mi sono domandata come avesse potuto scrivere Ossi di Seppia o Satura, quindi , secondo me è meglio l’immaginazione.

    1. Carissima Mariorosa, mi hai dato…l’idea: ebbene sì, ci vogliono le rimpatriate scolastiche, senza la paura del compito in classe e con le prime o seconde o terze cotte per il compagno o la compagna di banco!
      Bando oramai alle metafore, magari in nome di non meglio precisate licenze poetiche ed evviva gli abbracci reali, e anche passionali se capita: che male ci trovi??
      Don Gegè (MONTALE) l’hai trovato così come dici perchè , forse, non ha avuto il tempo o la voglia di provare ad andare oltre il MALE DI VIVERE!
      E oltre c’era e c’è e ci sarà sempre il DOVERE DI VIVERE, di esserci fino in fondo, di scegliere, momento per momento, almeno tra due opzioni.
      Adesso mi fermo o rischio di dissacrarmi da solo, insomma di dire troppe fesserie!
      Con simpatia e stima sincere e un abbraccio primordiale, a fior di pelle.
      Mario Prontera
      N.B. : vagheggio… banchi di scuola all’aperto, nei bar, nelle pizzerie, nelle discoteche, nelle bettole per poeti semimaledetti e quindi semibenedetti, come in fondo siamo un po’ tutti noi, uomini e donne di questa terra!

      1. Questo fior di poeta stuzzica la curiosità di una sessantenne che ha scritto cosa pensa della passione, dell’amore e della sensualità nel suo ultimo libro : Percorsi, (l’altrove di me). Ne ho conosciuti tanti di poeti e scrittori, ma vuoi mettere l’Alda? Per anni ho varcato la soglia del suo appartamento incredibilmente sporco, arruffato, maleodorante, la sua camera ridondante di cianfrusaglie, numeri di telefono scritti sulle pareti. Un rapporto bellissimo fatto d’incredibili tenerezze e troppo spesso di dimenticanze, mi ha regalato poesie scritte in cinque minuti, carillon, collane e rossetti mangiucchiati. Per me, inarrivale come poeta, unica e dico grazie alla “pazzia” se ci regala questo, comunque Verlaine e Rimbaud mi hanno insegnato la strada. Au revoir, Mario.

      2. E pensando alla tua, meglio alla nostra e forse di tutti Alda, mi viene di dire così:

        OGNUNO E’ NELLE SUE COSE E NELLE SUE STORIE
        MA NESSUNO E’..COMPLETAMENTE DI UN ALTRO!
        TROVAMI IL PUNTO CHE LA TERRA SI RIBELLA AL SOLE,
        IL SOLE ALLE STELLE E LE STELLE A UN DIO;
        TROVAMI IL SEGNO CHE TU ED IO
        NON SIAMO PASSATI INUTILMENTE;
        TROVATI UN SENSO DOVE I SENSI NON TOCCANO,
        E LA MENTE BRANCOLA NEL BUIO PIU’ TRANQUILLO.

        da “ESTATE 2005 e dintorni: sproloqui notturni in cerca di audizione e, comunque, fatalmente alle stelle!” di Anònimo Capuàno
        Ti abbraccio, come meglio ti senti e ti va di ricevere, ma con estremo candore!
        Aff.mo Mario

      3. Bello il DOVERE DI VIVERE! Di conquistarci sul campo anni, rughe, cambiamenti di carattere e desideri di confronti. Senza la vergogna di ‘essere diventati…’ Siamo e basta! Bello, Mario!

  8. E’ grazie a quella geniale dichiarazione di intenti dei nostri carissimi capitani: sig.ra Nicla e geniale Robert che siamo qui riuniti per affinità dei singoli “pensieri – energia “.
    Del resto il grande mare è formato da tante e tante sane gocce d’acqua, ed ognuna di queste è una goccia di vita, e la vita nonostante tutto… è il supremo mistero del creato tutto da esplorare, nelle sue infinite varietà connesse e appartenenti al mondo della materia con le sue leggi naturali e fisiche, ma anche del sensibile e dell’ultrasensibile di cui gli artisti, poeti, pittori, scrittori, creativi ect…conoscono meglio di altri.

    La qualità, il dialogo sempre aperto con i lettori, il dinamismo coinvolgente delle iniziative, la professionalità, lo spirito armonico di gruppo, è di questo programma culturale un’evidente e sostanziale differenza di immagini e contenuti … un aggregato di intelletti evoluti.

    Appoggio l’idea simpatica di Mario Prontera. Sì!… sarebbe bello potersi incontrare una volta all’anno in qualche ” verde paradiso” fortunatamente ancora rimasto della nostra Italia. Magari organizzando letture, spettacoli, scambi culturali con le opere più belle, perché no! O, poter costituire un’associazione, un gruppo artistico per sezione, categoria e dar vita agli inediti, per esempio. E’ solo un’idea!
    Non mettiamo limiti alla Provvidenza né, alla nostra volontà di collaborare, di allargare nuovi orizzonti.

    Spazio allora alle nuove dichiarazioni d’intenti!

    Nell’attesa, mi è gradita l’occasione per porgere a tutti i miei cordialissimi saluti e, un caldo raggio di sole per Pasqua Franca Fasolato.

  9. Gentilissimi Nicla e Robert,
    vi voglio esprimere la mia profonda stima per l’intelligenza di un’idea che siete riusciti a rendere così materiale, cioè viva. Questo detto da una persona che ama da sempre l’odore della carta stampata. Per mancanza di tempo non navigo quanto vorrei, ma ogni volta che vado sul vostro sito mi rendo conto della grande energia che scorre tra le righe e di quante persone, scrittori noti e non, abbiano trovato – grazie a voi – il modo per sentirsi idealmente vicini ad altri esseri con cui condividere aspirazioni e ideali. In un mondo che a molti appare di giorno in giorno più alieno, è un vero capolavoro quello che state realizzando. Offre senso a voi e offre senso a noi. Un affettuosissimo abbraccio.
    Olga Karasso

    1. Sono perfettamente d’accordo con te. Nicla e Robert sono riusciti a rendere reale un’idea, un’intuizione, e sono riusciti ad aggregare attorno a questa idea tante sensibilità e tante capacità diverse, che probabilmente senza la loro genuina passione sarebbero rimaste intrappolate dentro il piccolo recinto del proprio io.
      Peccato non avere sempre a disposizione tutto il tempo che occorre per approfondire le mille opportunità del blog. Peccato davvero.Un caro saluto. Antonio

      1. Caro Antonio,
        complimenti sinceri per il premio! Grazie per la replica.
        Un cordialissimo saluto.
        Olga Karasso

  10. Sono felice di far parte di questo gruppo di autori nel web e fuori dal web. Grazie a Robert e Nicla per tutto il lavoro che stanno svolgendo con ottimi risultati e grazie a tutti voi che fate di questo portale un incontro con la letteratura e l’arte.

  11. Quando ho saputo del Premio Speciale per il libro dell’Anno che mi era stato riconosciuto ho scritto una mail di getto a Nicla e alla Redazione. Dicevo di scorgere dietro il Manuale, dietro un impegno letterario fuori dal comune, la salda volontà di realizzare un mondo migliore, con più cuore e meno egoismo.
    Il Manuale è diventato col tempo un luogo di ritrovo, un punto di riferimento di tanti animi sensibili e menti acute, un’isola tranquilla calata nel degrado di questi nostri bruttissimi giorni. Molti di voi queste cose le sanno già, ma altri busseranno alla porta di questo caffè letterario virtuale e felici entreranno. Allora riconoscere certe nostre debolezze umane, certi nostri difetti, cercare un modo di scrivere sempre più incisivo ed essenziale, sarà un esempio per chi arriva, un bel modo per essere sempre più se stessi e per contribuire al grande successo del Portale. Noi e Manuale di Mari non siamo due cose diverse e di pari passo procediamo. Come tutti voi, anch’io sto cercando di fare la mia parte.

  12. Mi complimento con chi ha trasformato quella che forse era solo un’idea in un grande progetto.E’ espressione massima di liberta’ poter comunicare il proprio mondo attraverso la forma piu’ pura d’arte che e’ appunto la poesia.Ringrazio Robert e Nicla per l’eleganza e il rispetto con cui fanno dialogare questi diversi mondi e per la raffinatezza grafica con cui ce li restituiscono.

  13. Ricordo i “primi passi” di questa avventura e devo dire che di strada ne ha fatta parecchia. L’intuizione migliore credo sia stata quella di avvicinare chi scrive solo nel web e chi scrive solo fuori dal web. Le interazioni che si sono via via sviluppate, sia secondo i tempi della Stagione Letteraria, sia con la presentazione dei libri, hanno permesso ad ognuno di “crescere”. Il web è uno strumento meraviglioso che però va usato in un certo modo e questo di Manuale di Mari mi pare un ottimo modo.
    Concordo con il fatto che almeno una volta all’anno bisognerebbe incontrarsi in nome della letteratura 🙂
    E’ che sono consapevole del fatto che molti vengono da lontano e magari non sempre è possibile…
    Quindi, nell’attesa, incontriamoci qui, sui Mari del web 😉

    Ars

  14. Solo pochi spazi di tempo posso riservare a questa iniziativa lodevole e mi rammarico di non poter seguire con continuità e lucidità questo crogiolo letterario. Forse ci vuole un sistema più diretto anche per noi “volanti”, ma non so bene cosa potrebbe essere. Sta di fatto che è importante che ci sia e che continui ad esistere questo PORTO LETTERARIO!
    Buone Emozioni!

    1. E il bimbo forse rispose, mentre si chinava a riempire il secchiello d’acqua: “Voglio raccogliere il mare!”
      Comprendendo più di ognuno di noi che si deve coltivare il sogno di realizzare l’impossibile. I piccoli mondi sono la somma del coraggio di tutti i nostri sogni, vero, poeticissimo Amico?

      1. Vero! Il mondo è la simbiosi di tutte le nostre visioni!
        Granello a granello sui miei sogni si posa, sulla statua imponente e sulla pallida rosa.

        …è la passione che muove il mondo.

      2. E il bimbo che vive in ognuno di noi può coltivare il desiderio di realizzare l’impossibile! D’altronde non è volontà del Poeta cercare “di afferrare nel cielo un pò dell’invisibile”? Sei un grande Artista, Andrea…bello averti trovato e bellissimo questo colloquio solo apparentemente surreale…

  15. Il luogo ideale per chi intende ritrovare di persona gli altri autori penso sia Rapolano Terme in occasione de Il Molinello, nel 2009 il Teatro era gremito e moltissimi erano i volti conosciuti, tra cui i componenti la giuria del Manuale. Mi pare una buona proposta anche quella di Maria Lampa.

  16. LA TECNOLOGIA HA MOLTO SPESSO INFLUITO IN MANIERA NEGATIVA SUI PERCORSI LETTERARI SOPRATUTTO DEI GIOVANI ED IN PRIMA ISTANZA SUL LINGUAGGIO CHE SI E’ IMPOVERITO, NE SONO UN ESEMPIO QUELLI TELEGRAFICI ADOPERATI PER GLI SMS CHE HANNO RIDOTTO NELLA FATTISPECIE, UNA DICHIARAZIONE D’AMORE, RAFFINATA COSTRUZIONE DI PAROLE,IN UNO SCARNO TVB (TI VOGLIO BENE). NEL CASO DEL PORTALE MANUALE DI MARI, SI E’ AVUTA L’INTELLIGENZA DI SFRUTTARE LA TECNOLOGIA PER RIDARE A QUELLE PAROLE SOFFOCATE, SMORZATE, NUOVA LINFA VITALE CREANDO UN’ OCCASIONE PER TUTTI GLI AUTORI DI CONFRONTARSI, MISURARSI E PERCHE’ NO DI TRASCORRERE PIACEVOLI MOMENTI DI CULTURA.
    UN SALUTO AFFETTUOSO A ROBERT E ALLA SPLENDIDA NICLA.

    1. Condivido pienamente la tua analisi, ma se fosse possibile incontrarsi non solo virtualmente,ma anche fisicamente, come facevano un tempo gli amanti e i manovali delle indispensabili lettere, non pensi che sarebbe un piacevole ritorno al passato e il recupero di un aspetto umanoide della vita ?
      Mario Prontera

    2. Ciao, caro Roberto, approfitto della velocità del Web per complimentarmi sinceramente con te per il successo ottenuto al MOLINELLO: bravo, anche perchè forse sei stato l’unico dell’allegra ciurma del “Manuale di Mari” a salire meritatamente sul podio dei vincitori.
      E poi, fanciullescamente, posso gloriarmi anche io del tuo trionfo, visto che siamo proprio “vicini di loculo” nella Galleria degli Autori.
      Con simpatia
      Mario Prontera

      1. CARISSIMO

        TI RINFGRAZIO TANTO DEI TUOI COMPLIMENTI, CONDIVIDO APPIENO LA TUA IDEA DI INCONTRARSI TRA GLI AUTORI, COME SAPRAI IO ORGANIZZO DIVERSI EVENTI LETTERARI TRA I QUALI IL PREMIO INTERNAZIONALE CITTA’ DI CATTOLICA CHE STA RACCOGLIENDO GRANDI CONSENSI E GRANDISSIMI NOMI DEL PANORAMA LETTERARIO ITALIANO, STO ORGANIZZANDO PER IL 2011 UNA GRANDE MANIFESTAZIONE CHE COINVOLGERA’ TUTI GLI SCRITTORI A LIVELLO NAZIONALE
        A RISENTIRCI A PRESTO TENIAMOCI IN CONTATTO, A GIORNI USCIRA’ SUL PORTALE IL MIO NUOVO LIBRO SGUARDI DI INNOCENZA.
        UN SALUTO

      2. Chissà che non sarà proprio a Cattolica, il 24 p.v., che getteremo le basi per incontri ravvicinati del primo tipo, quelli primitivi, basati sul contatto diretto!!
        Arrivederci da qualche parte, sia essa la tua, la terra di Romagna, o la mia, l’ancestrale e irripetibile Capo di Lèuca.
        Mario

      3. Mio caro Roberto,
        ho scoperto che sei salito sul podio del Molinello e ho gioito immensamente. Da quando ti ho conosciuto tutto sembra tornare a te. Hai scritto un libro magnifico, organizzi un Premio di altissimo spessore, intervieni nei libri delle autrici che amo e Vinci un premio prestigioso!
        Io ti confesso che reputo importanti le persone, non i loro trofei, ma, nel tuo caso, faccio un’eccezione, perchè ti ho letto e credo che la tua capacità di leggere ‘oltre’, di calarti nelle realtà più delicate con sensibilità finissima, meritino un omaggio di prestigio.
        Complimenti, Amico mio e…ad astra!

  17. Grazie a voi tutti ho conosciuto un mondo nuovo, un mondo fantastico fatto di certezze, amicizia vera, confronti e coesione. In circostanze fortunate per la mia crescita, ho conosciuto Nicla, dolcissima, preparatissima eppure modesta come solo i grandi sanno essere, poi Robert, infaticabile, profondo, tenerissimo. Tutte le iniziative di Manualedimari, mi hanno coinvolto, emozionato, ispirato, per cui GRAZIE con tutto il mio cuore, per voi che siete veramente l’anima della cultura io ci sarò.

  18. Il web ha operato una vera rivoluzione, permettendo la diffusione immediata di documenti testuali navigabili, e il mondo dei blog, in particolare, ha offerto a tutti l’opportunità di esprimersi, ciò che è poi anche la finalità di un libro cartaceo. Certo, senza un approccio maturo, l’incognita di farsi assorbire troppo dalla virtualità, illudendosi di sfuggire, così, alla realtà cui inevitabilmente dobbiamo rapportarci, permane, con il rischio di veder annullato in un click ciò che, nella vita vera, si costruisce nel tempo, nell’impegno, nella passione e anche nella sofferenza.
    Ma, nel grande mare di offerte oggi disponibili, c’è Manuale di Mari, che si distingue per l’elevata qualità editoriale e grafica, per la serietà, per il ruolo di promozione e dialogo con i lettori, per il dinamismo delle coinvolgenti iniziative, per gli Autori che lo hanno privilegiato come luogo di appartenenza. Grazie e ad maiora, dunque.

    1. Daniela, ti ho scoperto solcando questo mare, ho avuto l’opportunità di incontrarti anche di persona e condivido in pieno il tuo parere. Fino a poco tempo fa ero ottocentesca, non riuscivo a realzionarmi neanche tramite email, oggi rivaluto le proposte del web, perchè mi consentono il confronto e l’arricchimento. Il Manuale di Mari, con le sue molteplici formule, dà modo agli scrittori e ai poeti di commentare le opere e di rapportarsi con gli autori su altri livelli. Si aprono spiragli sulle esistenze, si vive, dal proprio scafo il respiro, l’emozione, il canto e il dolore dell’altro…Un’emozione impensabile.
      Sai quanto sono grata a te, a Mario Sodano , a Sandro e agli altri. Un pensiero particolare va, ovviamente, al capitano di questo viaggio, ovvero la coraggiosa signora Morletti!

  19. Sono felice di questa iniziativa come per le altre che l’hanno preceduta, io ho un sistema praticissimo per scrivere faccio — COPIA E INCOLLA– NON NEL SENSO CHE COPIO QUELLO CHE SCRIVONO GLI ALTRI, non potrei mai, sarebbe come entrare furtivamente in una casa altrui, il mio sistema esce dall’anima….
    Chiudo gli occhi, leggo le parole che ho nel cuore..le COPIO..poi le INCOLLO..sul Web, e sul Portale di Manuale di Mari.

    Grazie Sig. Robert, grazie Sigra Nicla
    Cari saluti a tutti

    Maria Luisa Seghi

  20. Sono grata a questo portale, a chi lo ha ideato, a chi lo dirige, a chi ci lavora dentro, a TUTTI quelli che ci versano poesie, pensieri e racconti.
    La possibilità di incontrarsi forse c’è in occasione del Premio Molinello, ma il tempo non è sufficiente.
    Io ho creato una iniziativa che quest’anno sarà in seconda edizione che si chiama “INCONTRIAMOCI TRA LE RIGHE” , cioè una giornata in cui si fa un dibattito su un tema, e poi ci si conosce stando insieme….autori, editori, giornalisti, lettori, promotori e venditori….tutti amanti della parola scritta…
    L’idea è nata, dopo aver conosciuto Manuale di Mari e altri portali.
    Grazie Nicla, grazie Robert, grazie a tutti!
    maria lampa

    1. Grazie, cara Rosanna, di essere come me dell’idea che incontrarsi realmente sarebbe l’ideale conclusione di qualsiasi escursione nel Web; bisogna ammettere del resto che non è facile organizzare una cosa del genere. E’ vero, come dice Andrea Masotti, che Rapolano potrebbe fare al caso nostro, ma qui tiriamo in ballo la nostra ‘Preside’, la sig.ra Nicla, che spero voglia prendere in considerazione la ‘cosa’, caldeggiata anche da Arsomnia; poi Rapolano o un altro posto, va benissimo: la nostra penisola è bella dovunque, e c’è solo l’imbarazzo della scelta.
      Però mi preme insistere sulla necessità piacevole di inventarsi un ‘ritrovo fisico periodico’ o saltuario dove poter parlare liberamente di prosa e di poesia, ma anche di noi come uomini e donne in cerca di ispirazione letteraria e di confronto esistenziale.

      1. Caro Mario, la tua proposta, che valica i confini della tecnologia e della pura vanità, ha già trovato riscontri effettivi. Grazie al Manuale di Mari si sono conosciute personalità del mondo della letteratura di alto spessore, hanno incominciato a frequentarsi e a ‘volersi bene’, per usare un’espressione logora, ma alla quale abbiamo il dovere di dare un senso. Io stessa, che non sono un grande nome della letteratura , ho partecipato al Concorso delle Emozioni su invito dell’amico Mario Sodano e ho scoperto molti autori che mi hanno affascinato e arricchito. Scrivo a te, perchè sei uno di questi. E’ nata anche una delle amicizie che tu auspichi. Infatti sono riuscita a conoscere Daniela Quieti e a scoprirne anche le infinite doti umane.
        Ringrazio la signora Morletti per l’opportunità che regala a ognuno di noi e perchè ci consente di essere nei blog con lo spirito di quando scrivevamo lettere sui fogli di quaderno…

  21. Forse non è troppo poetico, ma sarebbe bello incontrarsi non solo sulle rive del Web, ma una volta l’anno, in qualche posto di terra:voglio proporre alla Sig.ra Nicla e allo straordinario Robert l’idea che una volta, da qualche parte, ci si incontri fisicamente a chiaccherare di letteratura, magari dinanzi a un buon bicchiere di vino salentino o di un’altra landa della nostra penisola!
    E’ una proposta semplice, come un po’ tutte le ‘mie cose’.

  22. E’ l’incontro dell’anno in cui il cuore di tutti gli autori è all’unisono in Manuale di Mari, in una dimensione cosmica che travalica l’individuo poichè l’amore e le sue emozioni sono il volano della vita di ognuno. Grazie a voi cari amici e non appena conoscerò il modo, posterò la mia opera di partecipazione. Un grande abbraccido da Dorella

  23. Grazie, Robert per le tue belle parole. Grazie per il tuo grande lavoro sul web.
    “Internet è la parola scritta”. E Il Portale Manuale di Mari continua a navigare sui mari del web con un immenso carico di poesia. Con le emozioni catturate alla vita. Ed ogni giorno raccoglie nuove esperienze, talenti nuovi. E in poco più di due anni è divenuto bacino di immensa conoscenza.
    Il luogo per eccellenza dove si fa vera letteratura e poesia. Luogo da cui si trae vera informazione. Dove le opere di ciascun autore sono in bella evidenza, e i messaggi dell’anima, lucenti come stelle, non si spengono mai.
    E poi c’è l’entusiasmo delle iniziative letterarie e presto… Il Concorso di emozioni!

  24. “Homo scribens” :mi viene naturale di dire, con ciò volendo riferirmi a quella facoltà tipicamente ed esclusivamente umana, difficilmente riproducibile in laboratorio, che si concretizza nella scrittura come manifestazione consapevole della volontà di lasciare un segno del proprio passaggio; ma nel Manuale di Mari,l ‘aspetto che più mi colpisce favorevolmente è l’opportunità che esso offre ai vari naviganti di scambiare, col pretesto della comune passione per le ‘ vecchie lettere’, opinioni, pareri, ma soprattutto briciole della propria vita quotidiana, convinto come sono che chi scrive, scrive comunque anche di sè e per sè. E allora, se in questo modo si riesce a restare ‘collegati’ ,il gioco vale sicuramente la candela.
    Mario Prontera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine