Innocenza

 

Tornerò
a quel tuo mare
d’acqua e sale
come gabbiano stanco.
Illusoria
è stata la fuga.
Approderò
su quella spiaggia
di cielo
immenso
e sarà l’eco
di antiche cantilene
e sogni d’innocenza.

 

 

© 2008 – 2014, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 Commenti

  1. LA TUA LIRICA RIESCE A COMUNICARE TUTTA QUELLA STRUGGENTE MALINCONIA DEL RITORNO, SIA ESSO VERO O SIMBOLICO UN TUO RITORNO A CERTE EMOZIONI, UNA VOGLIA DI PULIZIA NELLA TUA VITA…CONTEMPORANEAMENTE UNA FORZA INCREDIBILE.. CON QUEL” APPRODERO’E QUELL’ECO” QUASI CERTO RAGGIUNGERAI LA TUA META. LE CANTILENE ANTICHE SANNO DI CONOSCIUTO, SI STORIA DEPOSITATA O ENERGIA ACCUMULATA NEGLI ANNI A CUI ORA ATTINGI.IN POCO HAI RACCONTATO LA TUA VITA: PARTENZA, ILLUSIONI, ESPERIENZE SOGNI PERDUTI, CAPACITA’ DI RIPARTIRE. SCRIVI ANCORA SPERO LEGGERAI QUALCOSA DI MIO!

  2. La lotta interiore si traduce in un canto appassionato che denuncia la resa incondizionata all’Amore. Esso non scompare con gli anni ma ritorna trasformato a riportare a galla sogni passati che danno significato alla vita presente! Bellissimi versi! Grazie Nicola, regalacene ancora.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti