Nella mente dell’arcobaleno
naufrago
dopo il temporale,
come un Tristano del sogno,
senza vele bianche
nel porto atteso,
ma una canzone disperata del cuore
che riecheggia all’infinito,
dove la vita e la morte coincidono.
Un polìboro volteggia acuto
nel mio sprazzo di cielo occidentale,
impalpabile vertigine per un’anima
condannata al letargo…
La notte dello spirito è lunga e sorda:
l’urlo della mia dignità si smorza
in un glissando acerbo
senza semi.

Maria Cecilia Camozzi

(da una raccolta pubblicata su L’EROE, Hesperia editrice, PR)

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

4 thoughts on “Impalpabile vertigine

  1. Mi sono lasciato trasportare sulle onde di una sognante malinconica melodia in un viaggio spirituale attraverso la vita, l’amore, la conoscenza.
    Sono versi che si ascoltano e si vedono…
    Ringrazio Maria Cecilia, proponendoci questa sua bellissima lirica, ci ha fatto gli auguri più belli. Benvenuta nel Blog degli Autori e auguri per il nuovo anno.

    Invito a visitare il suo bel sito:
    http://www.mariaceciliacamozzi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine