Maria Cecilia Camozzi

Vegetariana, animalista e ricercatrice instancabile di tutto ciò che va oltre l'apparenza delle cose e dei fenomeni. Ho iniziato a scrivere versi a 13 anni: la prima poesia è stata un'elegia per la morte di un cane. Ho diretto la rivista letteraria "L'Eroe", edita a Parma e fondata da un gruppo di giovani universitari nel 1997. Ora mi occupo di ricerca fotografica e di bioetica.

La corrente del fiume azzurro

Frammenti di cielo e ombra come schegge di madreperla si smarriscono nel tempo senza lacrime tra i suoni della terra ombrosa in cui nascono i sogni dove le tue mani ritornano a giocare sul mondo brillanti di stelle nuove. La tua pelle iridata sommerge il battito segreto del mio cuore ebbro di onde insonni e musica. Nel sorriso dei tuoi capelli la Natura mi restituisce la vita mia casa senza città... luogo immortale a cui l'anima aspira e dove...