La notte smuove l’ondoso mare
della baia di Seiano… Tu sei con me,
stretta fra le mie braccia e i miei occhi.
Il vento spira corposo penetrando
le ossa nostre ma, dentro di noi, immortale
brucia la fiaccola dell’amore.
Mi guardi e sorridi, piccola Gioia
dei miei giorni, che lustro conferisci
alle più dolci e miti emozioni mie,
tenera cucciola del mio cuore.
Così anch’io sorrido quando mi chiedi
delicata di mostrarti il mio riso,
perché la mia bocca vuole accontentarti
essendo innamorata pazzamente
della tua soave voce, come io,
misero uomo, sono perdutamente
in balìa del candor della tua anima.
Sono quindici le primavere
che ti accompagnano ora sul cammino…
E non puoi saper quant’altre volte
vorrei farti e rifarti i miei auguri,
Principessa che abiti l’occulto castello
dei miei sogni più profondi.

Immagine: belvedere dalla Grotta di Seiano

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “Onde

  1. Delicatissima poesia d’amore. Mi domando chi é quella ragazza così fortunata da meritarsi un amore tanto grande. E il mare, come sempre, amplifica le nostre sensazioni e le trasforma in palpiti d’infinito. Bravo, Lenio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine