menu Menu
La mia luna
di Lucietta Visciglia Pubblicato in Blog degli Autori, Poesia il 20 Dicembre 2007 13 Commenti 1 minuti di lettura
Abbiamo fatto l'amore Precedente Un'onda Prossimo

Parlami, luna,
che il tuo chiarore
rischiari il mio tormento.

Sei tu
la dolce compagna
delle sere d’Agosto.

Abbracciami e
sussurrami canti lontani.
M’inebrierò di te
e,vagabonda,
ormai stanca,
calerò il sipario
per svegliarmi
fra prati odorosi e cieli sereni.


Precedente Prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cancella Invia commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. questa poesia è bellissima e chi l’ha scritta deve avere molta felicità dentro il suo cuore.i versi sn molto belli e affascinanti

  2. Sento il profumo dei fiori di marzo e ascolto i canti di un passato lontano. Grazie perle belle emozioni.
    Auguri, Lucietta.

  3. Il tormento s’illumina e la stanchezza si rasserena nella fantasia… la partenza è sempre dura, ma l’arrivo può cancellare ogni pena! Osa pure Lucia, congratulazioni vivissime.

  4. la malinconia pervade il mio corpo a la mia anima …ma ci sono i prati odorosi e i cieli sereni che mi regalano sorrisi… e tanta speranza …grazie, lucietta

  5. Ricca di sentimenti, dimostra immensa sensibilità, preparazione artistica. Suscita grandi emozioni. Complimenti davvero brava.

  6. comunica grande solitudine, tanta sensibilità artistica e grandi capacità poetico-espressive:Brava. Mi piacerebbe leggere altre poesie dell’autrice.

keyboard_arrow_up