Si spacca il mattino come una melograna
con rosse crepe lucide.
Ah, quando arriverà domani l’aurora, tardi,
biancheggiando oltre il letto,
vigile mi troverà ai cancelli del matrimonio,
mentre aspetto che si diffonda la luce
su di lui, che sazio dorme
con la testa sprofondata, incosciente.

E quando l’alba s’insinuerà dentro
cauta m’alzerò
per osservare la vittoria della luce
sul primo dei miei giorni
che lui mi mostra, addormentato nel sonno
in cui con me cadde, ed il mio sguardo
meno vago diverrà.

Saprò allora a quale immagine di Dio
è fatto il mio uomo:
certo egli sarà ricchezza di vita per me.
E allora aperto ai miei occhi, chiaro
dormirà,
affidando a me la sua realtà, ed io
guarderò l’alba illuminare il mio destino.

Guardando splendere la debole luce
su quel sonno colmo di me,
sulla sua fronte, ove i riccioli
negligenti s’accoppiano e si appiccicano,
sulle sue labbra, ove il respiro leggero va e viene,
inconsapevole, sulle sue membra finalmente, stese,
indifese,
piangerò lo so, oh se piangerò
di gioia.

Immagine: Adam and Eve – Sabzi

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

28 thoughts on “Mattino di nozze

  1. Cara Laura, rispondo alla tua replica ed ho pensato che sei tu, un timido sorriso,ed una lacrima suscitata dalla gioia,non dalla tristezza.

    Anche la pioggia cade in lacrime sui fiori,poi si congiunge ai ruscelli e arriva sorridente fino al mare che attende fiducioso col sorriso sulle onde.

    con affetto
    sergio doretti.

  2. Amatissimo Sergio,

    la vita della nuvola è lacrima e sorriso…

    Voglio che la mia vita rimanga lacrima e sorriso.

    Lacrima
    per unirmi a chi ha il cuore spezzato,
    sorriso
    segno della mia gioia di esistere.

    Con molto, molto affetto
    Laura Tonti Parravicini

  3. Per Laura.
    Sono tornato. Ho voluto riprendere, compatibilmente con gli altri impegni del volontariato, la gioia di pensare e di scrivere commenti sui vari blog’s .
    Indovina cosa mi è venuto in mente?
    Il pianto di gioia che tu romanticamente lo descrivi nel bellissimo racconto “Mattino di nozze”
    Ci ho ripensato anche lontano dal computer e mi sono saltate nella mente tante occasioni di pianto di gioia ma anche, purtroppo, di dolore perché la mia vita è passata dal dolore profondo alla gioia ed anche se semplice ma importante spicologicamente perché in un attimo passavi dal sentimento della paura alla gioia anche se semplice.
    Un pianto di gioia bellissimo lo ricordo quando a Livorno alcuni soldati italo-americani si avvicinavano alla città e salutavano con “caro paisan”,
    Era la fine del terrore di quella guerra che ha prodotto perdite e pianti non di gioia ma di dolore.
    Vi è stato un pianto di gioia nell’euforia della pace. Oggi farebbe pensare ad un’euforia esagerata, ma forse non era affatto easagerata perché in un attimo vedevamo la fine del terrore e della morte, L’euforia che prendeva non nascondeva i dolori, i lutti e le miserie e soprattutto le tante persone che non ci sono più.
    Ma il pianto di dolore viene quando pensi che purtroppo le guerre non sono finite. Penso che i fiori che da ragazzi mettevamo nei cannoni sono appassiti ma purtropo i cannoni sono rimasti.
    Fra i pianti di gioia recenti, ricordiamoci quelli dei partecipanti alle ultime Olimpiadi che hanno conquistato una medaglia.
    sergio

  4. Grazie Daniela

    di seguirmi nel mio giardino dove la luce del sole, spero, si deposita come raccolta
    tra i vecchi muri grigi dell’era industriale e non.

    Sei la rossa misura del mio cuore!
    Un abbraccio
    Laura Tonti Parravicini

  5. Carissima Laura,
    desidero porgerti i più vivi complimenti per la tua opera prima
    “L’anima di Vina e la banca rotta” che, già dalla lettura della recensione della Dott.ssa Morletti e del brano presentato, immagino profondamente coinvolgente.
    L’ambientazione evoca i mutamenti sociali caratterizzanti l’età vittoriana, il dubbio indotto dalle teorie evoluzionistiche, dalle scoperte scientifiche, dal progresso industriale, la nuova attenzione allo sviluppo di una democrazia, all’educazione delle masse, alle condizioni di vita dei lavoratori, alle rinnovate speculazioni in campo filosofico e religioso con conseguente affermazione di una visione materialistica.
    Ma sono certa che l’anima della tua Vina sa superare la storia per ascendere all’assoluto.
    Spero di leggerti presto.
    Con grande affetto

    Daniela Quieti

  6. Carissime/i

    Marinella, Alba, Andrea

    siete un prato che si fa cielo!

    Circondati dal buio, in totale solitudine i “cercatori di verità” non si arrendono, ma vanno scavando nel profondo dell’anima per colpirne le radici malate e per esaltarne la libertà e la gioia.
    L’amore è la più alta felicità che l’uomo può raggiungere.

    Il poeta non è più innamorato, disorientato, umiliato, guarda in alto stanco?
    Di foglia in foglia in questo sito si diffondono gioia e felicità senza fine.

    Rimane solo una preghiera, sincera: che il fiume del cielo superi gli argini e inondi il mondo d’amore!

    Con molto, molto affetto
    Laura Tonti Parravicini

  7. Versi al futuro colmi di gioia e di attese, sentimenti spesso snobisticamente
    avari anche nella poesia, forse il nostro cuore è indurito.
    Ma non certo quello di Laura T. Parravicini, che sa gettare i petali della felicità intorno a sè

  8. Quel mattino di nozze non è altro che un risveglio all’insegna della meditazione mentre si apprezza ancora di più l’uomo scelto con fierezza illuminato dalle luci dell’alba sotto un nuovo profilo di donna e si piange di gioia per aver iniziato una nuova vita.

  9. Cara Laura mentre scrivo la mia mano trema per l’emozione che riesci a trasmettermi quando leggo le tue opere. Sei grande! Nell’universo del tuo fantastico poetare, mi sento un granello di sabbia.

    Emozioni

    Com’è strana la vita!
    Talvolta
    il volto di una semplice conoscenza
    cela la nobiltà d’animo
    che il volto dell’amicizia
    non rivela.
    Un’emozione è per sempre,grazie!
    Grazie per questo piccolo
    grande gesto!
    I fiori non hanno parole
    linfa, profumi,colori
    parlano per te…
    Venditrice di emozioni!

    Un caro saluto, a presto.

    marinella (nonnamery)

  10. Oh, com’è sono dolci al mio cuore le vostre parole! E quali sublimi doni!

    L’enigma della vita non nasconde segreto più forte e più bello dell’amore, si avverte la presenza di una forza divina che irraggia il cuore di luce e di vita e suscita negli sposi una nuova devozione nel tabernacolo del loro spirito.

    Per la prima volta si prova un sentimento che rende simile il cuore a una candida rosa quando assorbe dall’alba le gocce di rugiada ed esala nel cielo infinito il suo profumo.

    Non v’è devozione più pura e rinfrescante per lo sprito!
    Grazie Robert, grazie Ars.

    Con molto, molto affetto
    Laura Tonti Parravicini

  11. Cara Laura, questa lirica andrebbe letta prima di un matrimonio! Che sappiano, gli sposi, come dev’essere (o almeno, come dovrebbe)
    Profondo questo verso:
    “Saprò allora a quale immagine di Dio
    è fatto il mio uomo:
    certo egli sarà ricchezza di vita per me.
    E allora aperto ai miei occhi, chiaro
    dormirà,
    affidando a me la sua realtà, ed io
    guarderò l’alba illuminare il mio destino.”
    Complimenti, sai essere deliziosa.
    Ti abbraccio
    Ars

  12. Caro Alberto Calavalle,
    amatissimi Sergio e Lenio,
    gentilissima Marinella,

    a volte penso che la durata dell’amore non sia durata.

    Il tempo passato nell’amore non è tempo, ma luce, una lanugine di silenzio,
    una neve di carne dolce.

    Grazie cara Marinella,

    sai l’amore che mi porta arde nei miei stessi occhi sorridenti,
    scorre pieno di fascino per le duttili pieghe del mio ventre dalla
    luminosità del suo petto.

    E l’anima del vento e il mio sangue mettono a confronto la loro vagabonda
    felicità, ma oggi il vento, sciolto in libertà, se ne va triste alla deriva.
    Oh, solo il mio amato mi avvolge, con me gioca, mi dondola, mi eleva, mi
    sommerge come fosse il mio sangue vivo!

    Se non fosse così l’anima spavalda dell’uomo e della donna svanirebbero come
    fiori trovolti dal vento caldo, colmi solo di terrore carico di rimorso.

    Un abbraccio a tutti,
    Laura Tonti Parravicini

  13. Bellissimi versi colmi d’amore e di speranza. La pienezza della vita si coglie solo se si é in due ad incamminarci sulla stessa strada, e se l’uno é ricchezza e gioia per l’altra. Bravissima, Lenio.

  14. per Laura,
    ti confermo che la tua poesia mi è piaciuta moltissimo:
    ho dovuto rileggerla perché mi ha fatto ricordare, in relazione agli ultimi versi: “piangerò, lo so, oh se piangerò di gioia”.(versi romantici e dolci) che abbiamo provato anche noi perché il pianto è anche lo sfogo della gioia. Mi è rimasto il ricordo che conservo gelosamente.
    Di nuovo complimenti.
    sergio doretti.

  15. Cara Laura,
    complimenti per la bella poesia che rivela grande sensibilità d’animo e che diffonde amore,luce, speranza, vita.
    Cordialmente
    Alberto Calavalle

  16. Carissime Annaluna e Ladysoul,

    carissimo Francesco,

    sì, l’amore è di più che spontaneità, che dare, è irrigare sempre i deserti dell’anima con fiumi di acqua viva

  17. Carissima Luciana,

    anch’io resto confusa davanti a tante coppie così intime, eppure prive di qualsiasi contatto. Il loro amore è come ghiaccio, come veleno crudele. Si “amano”, ma il loro corpo è chiuso nel fiammante momento luminoso della vita. Che umiliazione amarsi così? Tutto il nudo splendore del meglio di un anima, che dovrebbe essere prova del passaggio di Dio, è soltanto per alcuni un peso, duro da sopportare e da risollevare da terra, come gigli spezzati e appassiti al suolo che prima ritti s’alzavano così freschi.
    Solo se l’anima ritrova la serenità perduta, il proprio ritmo naturale, anche i miracoli possono avverarsi…
    bisogna trovare spazio in questa vita di volersi bene, fermarsi a riposare e di cambiare vita.

    A presto
    Laura Tonti Parravicini

  18. Versi bellissimi,un Inno per un cammino in due, proiettati in un aurora fatta di tante gioie future.

    Mi viene in mente un’espressione della carmelitana scalza Edith Stein carica di femminilità e di amore per l’Amato:

    “Donare se stessa con amore,
    diventare tutta di un altro
    per poter possedere quest’altro:
    ecco il desiderio piu’ profondo
    del cuore femminile”.

    Complimenti davvero.

    Un caloroso saluto
    Annaluna.

  19. I tuoi versi innondano di luce lieta il cuore. Non so se siano stati scritti di recente e si riferiscano quindi al coronamento attuale di un sogno d’amore; sono comunque un augurio forte, intenso e vero che non potrà deludere.
    Un caro saluto
    Francesco

  20. Ombre lucenti di stelle, grazie!

    L’amabile universo tutto un tempo era donna, sposa di nozze.
    Albero in boccio non vi era che non inclinasse a lei un nuovo petto candido.

    Io vedo le ciglie dello sposo come rocce posate su un mare di tenebre e la sposa, che cade come petali di fiori che lasciano il ramo.
    Così dal cielo si dispiega una svelata femminilità! Così la sposa, con un riso che luccica negli occhi, così aperti ora sui giorni futuri.

    Con molto, molto affetto
    Laura Tonti Parravicini

  21. Versi bellissimi della verità e del sentimento del cuore più autentici.
    “Si spacca il mattino come una melagrana con rosse crepe lucide”, immagine bellissima, come è bellissimo quel piangere di gioia finale. Le lacrime su un volto sono poesia, sempre. Nella gioia e nel dolore. Sono l’emozione e la commozione del cuore che si trasformano in gocce lucenti di vita.

    Affettuosamente

    Nicla Morletti

  22. Cara Laura,
    é bella l’immagine che dai in questa lirica del primo giorno di matrimonio. C’é ancora l’idea della sposa nel suo vestito bianco d’innocenza nelle tue parole “biancheggiando oltre il letto” e c’é la luce del nuovo giorno e della nuova vita insieme ” per osservare la vittoria della luce
    sul primo dei miei giorni”. Innocenza e gioia che vengono trasfuse nell’uomo che “chiaro dormirà, affidando a me la sua realtà”. La donna cauta e vigile sembra guidare il compagno,”guarderò l’alba illuminare il mio destino” e avviare un progetto di vita a due durante il quale gli sposi sapranno compensare, a turno, l’uno le debolezze dell’altro coniuge. Una immagine bella e incoraggiante del matrimonio che merita di essere diffusa tra i giovani.
    Con affetto
    Lucia Sallustio

  23. Una gioia mi parla di Voi.

    Amatissima Daniela e carissimo Sergio, siete una luce che resta, come un fiore che non ha bisogno del sostegno di alcuno stelo…estrema segreta letizia.

    E dirvi grazie è poca cosa.
    Con molto, molto affetto
    Laura Tonti Parravicini

  24. Carissima Laura,
    quando ti leggo resto sempre incantata, sia dalla tua prosa che dalla tua poesia. Entrambe portano un’impronta di purezza e
    d’ispirazione che solo sanno dare alle loro opere gli spiriti nobili.
    Complimenti, di cuore, per questi tuoi bellissimi versi.
    Affettuosamente

    Daniela Quieti

  25. Complimenti Laura,
    questa nuova tua poesia è molto bella. La ritengo una ricostruzione dettagliata e psicologica di una tappa dela vita, forse la più importante, che tu hai descritto magistralmente nei vari passaggi, che sono passaggi di amore, di sogno, di speranza per quel domani che si presenta misterioso e grande
    “Ah, quando arriverà domani l’aurora, tardi,
    biancheggiando oltre il letto,”
    Fino ad arrivare “Guardando splendere la debole luce
    su quel sonno colmo di me, piangerò lo so, oh se piangerò di gioia.
    Con affetto,
    sergio doretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine