Nel fragore della solitudine

Articolo precedenteDolce il mio vagar
Articolo successivoBuongiorno signor Mavi… (*)

Nel fragore della solitudine
ho dismesso abiti di gloria
perduto coriandoli di luce
abbracciato abissi di nulla… parole accartocciate
levate da venti leggeri
sibilano di tempeste che ammiccano al domani
strascichi di velluto sul ciglio di cammini altalenanti
passi incerti zoppicano su polvere di orizzonti
inquieta
ubriaca di tenebre
abbraccerò spicchi di sole cullati da albe in fasce
e TU cuor mio 
smetterai di soffrire soffocato da sogni taglienti.

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

7 Commenti

  1. cara Sonia, è una poesia meravigliosa, che ti entra nelle vene e ti fa sentire la sofferenza di un cuore sanguinante d’amore. Sei bravissima, come sempre.

  2. La solitudine e l’attesa, la ricerca e l’inconsistente futuro nella considerazione e nello stile particolare e denso di questi versi. L’emozione del cuore che si ubriaca di tenebre per sottrarsi al taglio di sogni che non si avverano mai…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti