Solitaria scende la sera
a pennellare campi
odorosi di fieno
e acerbe spighe di grano.

S’incendiano i colori
al limitare del monte
poi, silenti,
vanno a morire,
là, dove il giorno si addormenta.

© 2009, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine