Acqua miracolosa degli amanti

E mi ritrovo a picco

sull’arenaria

lucertola verde percepita
da occhio stridente
a diamantea purezza d’acqua

rosa canina di passione
morde il mio furore
con fiori di cristallo
agrifogli di martoriate
gelosie e pungenti rimorsi

tra sentori oleosi

di silvestri pini

In abbandono a piaceri
giocosi tra l’umido
di capelli arruffati al tocco
di mani di pianista raccogli
perle di gocce dalla mia pelle
e succhi di umori tra le pieghe
di un sesso come anemone
marino dischiuso alle brezze
su uno scoglio in bilico

mi aspergi con l’acqua santa
degli amanti
di tutti i mali panacea,
alchimia di giovinezza eterna

spoglia su vassoio intriso
di spine argentate
di spezie mi insaporisci
con piume dai cerulei occhi
flautati e da mille mordaci
papille gustative

In questo tempo di follia
che ci appartiene pieno
un falò innalzo alto
alla cui fiamma consumare
ogni restante residuo
di incertezza e pudore

Da bicchiere infranto
il mio amore dissolto
ti aleggia intorno

in puro spirito di assenzio

***

Da “Errante tra Amore e Thanatos”

© 2009, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

2 Commenti

  1. Attraverso le immagini della mente la fantasia realizza i propri sogni e desideri più segreti.
    Grazie di cuore, cara Lorenza, per avere posto interesse e attenzione ai miei versi. Un grande abbraccio
    Gianna

  2. Gianna, complimenti. Mi trasmetti il miracolo dell’alchimia perfetta fra due corpi sapienti che si cercano. E’ una poesia tattile e profumata.
    Stupenda.
    Un abbraccio
    lorenza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

© 2020, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti