IL COLORE DELLA NOTTE

La notte è scesa,
calano le ombre,
a poco a poco si acquietano
i rumori.

L’oscurità nasconde ai miei
occhi ogni contorno.

Nel buio assoluto sento
amaramente il peso della
solitudine.

Ah la vita… la vita
basta un barlume di speranza
per vedere giorni migliori
anche contro l’evidenza.

Così…
basta un filo di luce
per vedere la fugace danza
di una farfalla.

***

IL VENTO DEL TEMPO –

Una pennellata di rosso
tinge l’orizzonte e piano piano
la terra s’abbandona nella fonda
oscurità della notte.

Come passa in fretta il tempo
adesso corre più veloce del vento.

Una nuova ruga disegna il volto
e sui capelli, piccole macchie
di colore.

***

LA’ DOVE L’UOMO NON E’ ANCORA ARRIVATO

Riposare all’ombra
nelle ore del meriggio
ascoltare tra un afoso vento
che si leva alto nell’aria
lo stridio lungo e monotono
delle cicale.

Posare lo sguardo sulla distesa cerulea del mare,
mentre le onde con il loro movimento
sinuoso si flettono e si distendono
sugli scogli.

Ammirare il paesaggio
immerso in un luogo di luce e di rezzo
là dove l’assenza delle opere umane
rende lo spettacolo naturale più
solenne e commovente.

***

Dal libro Pensieri e Parole di Fabiola Lucidi

© 2010, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

13 thoughts on “Pensieri e Parole di Fabiola Lucidi

  1. Gentile Fabiola, grazie per il suo libro Pensieri e parole. l’ho letto con molta partecipazione. Ho gradito molto anche la dedica. Spero che anche lei trovi interessante il mio libro. Lei non si definisce un poeta, ma lo è. Ci sono nel suo libro immagini molto belle che colpiscono. Complimenti.
    Buone vacanze anche a lei.
    Cordialmente
    Alberto Calavalle

  2. Ciao Fabiola, contraccambio la tua bella recensione al mio libro IO, MADRE NATURA E LA GENTE. Ecco le mie considerazioni sul tuo libro. E’ veramente, come tu mi hai scritto sulla dedica un megafono dei sentimenti perchè chi è che non vede dentro sé una notte buia ed attende un filo di luce che la rischiara? Chi non vuole far sparire il “niente” dalla sua vita facendo rivivere le belle stagioni autunno, inverno, primavera ed estate? Come? Nel paese di ciascuno si tramandano le caratteristiche tradizioni contadine: la vendemmia d’autunno, la raccolta del fieno in estate per farlo essicare al sole, ecc. mentre si vive quella sensazione di libertà immedesimandosi nel volo di un’aquila, nel volo di una rondine sotto i tetti delle case, nel fiume che scorre spumeggiante fino a perdersi nell’immenso mare. Chi non vorrebbe per un attimo allontanarsi con il flusso del fiume per dimenticare che troppo spesso ci si sottomette ad un grammo di dipendenza oppure ai frastuoni delle bombe lanciate dall’uomo perdendo quella voglia di ritornare un essere vivente? Ma scappare non serve a nulla basta far allontanare il temporale che ci avvolge con le sue nuvole scure e spicca finalmente il candido volo di un gabbiano che fa ritornare ogni emozione scomparsa. Soltanto così, si ottimizza quel tempo che scorre veloce come un soffio di vento mentre la natura alterna con fierezza la sua evoluzione e in un solo suono possiamo dire a voce alta: GOAL!!!!! Complimenti per il tuo libro e devo dire che ho riscontrato delle similitudini quando parli della voglia di volare e dell’amore verso la natura e verso un lui immaginario. Le tue parole sono così vere e profonde perciò non possono non arrivare al cuore.

  3. Ciao Fabiola, ti ringrazio del tuo libro che ho molto apprezzato e leggerò al più presto. E’ una bella esperienza estiva scambiarsi i libri sembra di essere sulla stessa lunghezza d’onda. Saluti da Alba

  4. Sieti riusciti a commuovermi, ecco non riesco a trattenere la lacrimuccia… splash è caduta sui tasti della tastiera. Grazie dei bei pensieri grazie di cuore. Vi amo tutti. Sono tre anni che non scrivo più poesie e ne ho molte chiuse nel cassetto. Questa iniziativa “La fiera dell’estate” (vorrei leggervi tutti ma purtroppo il tempo tiranno non mi permette di lasciare un commento ad ognuno di voi) l’ho trovata geniale, per ringraziarvi voglio dedicarvi una poesia che ho scritto il 07/05/2007, è la dedica al mio poeta prefertito PABLO NERUDA.

    Pablo, ho respirato nelle tue poesie
    la fragranza del tempo sepolto
    il dono di un amore che cammina
    e angoli di cielo che danno
    luminosità ai giorni che passano.

    La bellezza del mare giunge a mutare
    il colore delle mie emozioni
    i tuoi versi sono lucenti proiezioni
    che danno nuova fiamma ai miei sogni
    consumati dal frastuono di ogni giorno.

    Pablo dalla tua mano canta la terra
    celata nell’ombra del crepuscolo
    avvolta in una pace perfetta
    d’altre date a noi distanti.

    Prendo i tuoi suoni e
    li stringo al mio cuore
    tento di riempire la mia anima
    della loro bellezza di bere dalla tua
    fonte e dissetarmi delle tue parole.

    Magico inganno nelle mie mani
    un ultimo alito di rime discordanti
    e poi ritornare alla vita di sempre
    guardando attraverso l’anima delle cose.

    GRAZIE DI CUORE A VOI. UN BACIO FABIOLA

    1. Cara Fabiola,
      E’ vero. Quando quel miscuglio di solitudine, sofferenza, gioia, silenzio, egoismo e amore che chiamiamo uomo passa attraverso l’anima di un grande maestro, allora la sua poesia diventa uno specchio in cui riflettersi, perdersi e ritrovarsi senza più un nome o un’identità “lontano dal frastuono di ogni giorno”..
      Quello che traspare dai tuoi versi leggeri e delicati merita davvero attenzione e riflessione. Grazie per averceli offerti. Antonio ds

      1. Spero presto di ricevere i vostri indirizzi per potervi spedire il mio libello di poesie. Da domani comincerò a leggere i libri che mi sono arrivati…. attendo fiduciosa anche gli altri. PS= ho superato magistralmente l’esame di teoria di scuola guida, quindi nei prossimi giorni potrò tuffarmi nella lettura come voglio…..

      2. Cara Fabiola, al ritorno a casa ho trovato il tuo libro di poesie e voglio subito ringraziarti.
        Sono molto belle le tue poesie, scritte con gli occhi che si posano puntuali sull’istante che arricchisce la vita in contiuità. Le parole sfiorano il reale, entrano nel profondo e lo sottolineano con efficace descrizione, Che dire? Brava!
        Dorella

  5. Sono pensieri e parole profonde i versi del tuo libro che coinvolgono tutti i nostri sensi. Ad esempio, quel filo di luce nella notte oscura ci fa vedere ogni barlume di speranza, il vento del tempo ci fa udire il soffio del vento che trasporta via la nostra giovane età ecc. Complimenti e saluti da Alba.

  6. Titolo, copertina e contenuti … non c’è niente in questa tua opera che non mi piaccia. Purtroppo o per fortuna sono esigente nelle mie letture … complimenti Fabiola. Ho visto il tuo profilo, ri-complimenti Fabiola!
    dove l’uomo non è ancora arrivato è molto bella, dall’inizio alla fine ed anche le altre due, hanno anche i titoli che colpiscono. Sei brava.
    Un caro saluto.

  7. ….Il paesaggio immerso in un luogo di luce…..
    Mi piace molto questa immagine concreta ed ad un tempo eterea, celestiale.
    I miei vivi complimenti. Dorella

  8. Attraverso semplici ma allo stesso tempo profonde frasi, l’immagine scorre davanti a noi…delicata e tangibile questa raccolta di poesie…Eleganti nella forma e facili da “raccogliere” fra le mani…lasciano il segno. Complimenti! Simona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine