Vagavo sola
nel cielo della vita,
con l’anima smarrita,
inaridita.
Poi, d’improvviso,
tra la folla,
ho scorto uno sguardo chiaro,
un sorriso;
e sei passato oltre
forse ignaro.
Sei entrato nelle mie pupille,
nella pelle,
e la fresca
acqua della fonte
ha riempito mille ampolle.
Un fremito,
un palpito,
un fiotto di rossore;
ed è stato subito amore!
Magnetismo,
arcana attrazione,
emozione imprevedibile,
tra anime vaganti
alla ricerca nei
sentieri del mondo.
Desiderio incontenibile,
nel cuore tradito
ma ancora sensibile.
Bacio sognato
di sapore rotondo,
gioia nascente
in un cuore fecondo.
Riaccesa
alla vita ritrovata,
nido profondo
di donna innamorata.

Immagine: dipinto di Dorella Dignola Mascherpa

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

16 thoughts on “Palpito

  1. Questa poesia rispecchia molto bene il palpitare dei battiti del nostro cuore nel momento in cui una persona ci coinvolge di intenso sentimento e non riusciamo più a restare noi stessi. E’veramente un forte magnetismo a cui non si riesce a non sottostare e se è amore crescerà.

  2. Carissima Dorella,
    è veramente una bella poesia che coinvolge il lettore, ricca di significato e di emozioni, si sente che è un momento di vita vissuta nella sua intensità.
    Dorella sei una Persona veramente speciale.
    A proposito, bello il dipinto pieno d’estate, sembra di sentire il vento sul bagnasciuga.
    A presto un caro saluto da tutti noi.
    Carlo Maria

  3. Bella poesia, dolce e con le rime che io non so scrivere, Dorella ricorda il nome di una protagonista di un romanzo di Liala che trafugavo a mia madre, quando a 10 anni cominciavo ad aver fame di parole. Brava Dorella!

  4. Una poesia che lancia un messaggio di speranza e dà un senso alla vita.
    La semplicità del linguaggio evidenzia la voglia di vivere attraverso i sentimenti.

  5. Cara Dorella, la tua poesia, molto bella, mi ha messo in contatto con i pensieri che anche se lontani, mi prendono il cuore “magnetismo, arcana attrazione, emozione imprevedibile”
    surdato ‘nnammurato.
    La scorsa estate, mi trovavo ad Ischia in un albergo di Forio, con un gruppo della Toscana: Prato-Firenze… Nell’albergo in cui mi trovavo e del resto quasi in tutti gli alberghi di Ischia, la sera dopo-cena c’è sempre un orchestrina napoletana che si esibiva e permetteva ai turisti di ballare. Personalmente chiedevo sempre se potevano cantare la canzone napoletana “o surdato ‘nnamurato”. Una canzone scritta addirittura nel 1915 e che mi è rimasta particolarmente nel cuore. Mi ricorda i pochi momenti felici della mia vita travagliata da soldato. In particolare questa canzone mi metteva in contatto con le persone che avevo lasciato a casa “da te volo col pensiero, sei lontano dal mio cuore”.
    La canzone ti portava lontano ed era un modo per rivivere l’amore, seppur simbolicamente..
    La musica bellissima (secondo me) e le parole ancor di più che ti lasciano un ricordo ed una emozione fortissima..
    “da te volo con il pensiero, sei lontana da questo cuore”
    “Oh vita, oh vita mia…
    Oh cuore di questo cuore…
    sei stata il primo amore…
    e il primo e l’ultimo sarai per me!”
    A volte nella vita sono le piccole cose che ti fanno sognare ricordano i tempi lontani quando l’amore prendeva il cuore e tutti sentimenti. Il ballo era un tango, un tango lento che ti prendeva il cuore.

    complimenti e auguri sinceri
    sergio doretti

  6. La frase che mi piaciuta di più è stata: “sei entrato nelle mie pupille, nella pelle”. Sono parole sensuali che interpretano bene l’espressione di un corpo quando la passione e il sentimento lo travolgono. I sentimenti rimarrebbero delle idee astratte senza una sostanza che ce li mostra nella loro bellezza e umanità. Questa frase è una bella immagine di vita che ha fatto “palpitare” i miei sensi.
    Grazie mamma.
    Paolo

  7. Benvenuta, Dorella!
    Una lirica “musicale” quando ricorre la rima, fresca e viva, dove le emozioni sono ben riconoscibili.. a volte quando si è soli, basta un attimo, un profumo e la vita ricomincia a palpitare.. d’amore..
    Ars

  8. Grazie Dorella per la tua passione e la grande creatività che ti permettono di esprimere tutta la tua profondità e ricchezza in opere sempre vibranti e sorprendenti. I vecchi amici condividono la tua gioia e tante persone nuove potranno apprezzarti attraverso il tuo blog!
    Chiara

  9. Conosco bene la calda personalità dell’autrice che si conforma perfettamente ad uno stile di scrittura diretto, vivo, reale.
    Ho letto ‘Il progetto’ ed alcune poesie. Ne sono rimasta affascinata.
    Sarebbe interessante,per molti,che nello spazio ‘blog’ venisse data più visibilità ai suoi testi e alle relative recensioni.

  10. Complimenti vivissimi a Dorella per questa bella poesia, per questo dolce palpito d’amore.
    Bello anche il dipinto: spiaggia cielo e mare e il colore rosso dell’amore.

    Nicla Morletti

  11. “Bacio sognato di sapore rotondo…”
    Bellissima poesia d’amore. Immagini deliziose e “rotonde” come la passione d’amore.
    Complimenti all’autrice che accogliamo nel Blog degli Autori con un caloroso benvenuto.

    Robert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine