Dorella Dignola M.

Dorella Dignola Mascherpa è nata a Bari nel 1938 ed ha vissuto a Milano fino al 1995 per poi trasferirsi ad Arona, sul Lago Maggiore per trovare vita più quieta e tempo da dedicare alla poesia ed alla letteratura. Ama la pittura e vi si dedica con uguale passione, partecipando a mostre collettive nelle varie località del lago Maggiore ed a Milano. Riceve innumerevoli Premi Letterari nazionali ed internazionali tra i quali:
– Trofeo Charles Baudelaire – Parigi – 5/10/2002 per tre sezioni (poesia, romanzo, saggio). – Trofeo “Garcia Lorca” – Madrid – per tre sezioni (Poesia, romanzo, saggio). – San Marco, Città di Venezia – Premio Speciale della Giuria di poesia. – AUPI – Premio Speciale di poesia Kelly Grace – 2004 Poesia. – Fiera Int. Del Libro – Torino – Premio Autore di Poesia. – Giubileo 2000, “Omaggio a Dante” 14/4/2000 – Roma – premio di poesia. E’ iscritta all’Albo Ufficiale Poeti Italiani. Pubblica il suo primo Libro di Poesia “Il Piccione Viaggiatore” nel 2004 – I romanzi: Il Progetto – gennaio2004; Il Fratello – dicembre 2004; Mirto – dicembre 2005; Al di qua degli occhi – febbraio 2008; Pensieri da un’esperienza – aprile 2008. Ottenendo un buon successo sia da parte dei lettori che dei critici. – Vincitrice del PREMIO MANUALE DI MARI 2009 – Primo Premio Assoluto

Domina

Già nell'adolescenza Domina era stata una fanciulla che portava nell'anima un peso esagerato, sproporzionato. Un segreto che custodiva in silenzio, in parte per l'inconsapevolezza della sua immaturità ed anche  per la determinazione che andava formandosi in lei con l'uso di ragione precocemente raggiunto. Nessuno tra i suoi compagni avrebbe potuto comprenderla ed ancor meno avrebbe potuto aiutarla perché se ne liberasse. Si conosceva invece molto...

Ultimi articoli

Libri per San Valentino 2024

💖🎁 Idee regalo per San Valentino? Scopri i consigli di Manuale di Mari nella Speciale GALLERIA DEI LIBRI DA REGALARE! 📚 🔗 Visita la Galleria...

Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro

L’immagine di copertina è un’opera di Dante Zamperini intitolata Irradiazione che ricalca il titolo dell’opera poetica Separati da raggi dispersi di Marco Mastromauro con...

Non mi dimentico mai di chiamarti amore

Incisive le metafore, fluenti i versi, musicale il testo. La silloge colpisce per la sua intensità emotiva e per la sua capacità di fondere echi del passato e sensibilità contemporanea...