menu Menu
Manuela Pana
Manuela Pana

Manuela Pana è nata a Timisoara, in Romania. Nel 1992 subito dopo aver preso il diploma di maturita' linguistica si trasferisce a Firenze continuando gli studi presso L' Ateneo fiorentino. Ha al proprio attivo diversi scritti inediti inerenti alla narrativa ed alla poesia in corso di pubblicazione.
2009

Interessi: ...tutto ciò che riesce a soffermare lo sguardo dell'anima emozionandomi profondamente.

Mi piace descrivermi così atraverso i miei versi semplici:

"I miei pensieri d'inchiostro
Sono come una nuova lingua
Come un modo di dire,
Una nuova espressione
Nell'umilta' del silenzio..."

Nel mio piccolo ho accolto e dato ascolto alle sensazioni che lasceranno traccia nel grande libro della vita attraverso le parole, che non sempre potranno trasmettere o descrivere l'intenso vissuto, provato, sentito.
Non racconterò forse niente di ciò che non sia stato già detto o scritto. Amare, come scrivere, è un po' come "il solito" ma sempre diverso.
Il bello sta nel saper assaporare l'emozione colta nell'effimero attimo fuggente.

Pagina precedente Prossima pagina

Angelo

“Adesso manca veramente poco a Natale” pensò la piccola bambina mentre camminava spedita. ” L’avvicinarsi delle feste rendeva ancor più caotica la grande metropoli in giorni di frenesia generale e un gran  via vai di macchine impazzite correvano accompagnando la loro scia con i suoni coloratissimi dei claxon.Come un’ enorme ragnatela si stendevano le vie […]

Continua a leggere


Confini

“Eppure non ho ancora visto i ciliegi in fiore quest’anno.” Così pensava Mara mentre gli ultimi granellini di sabbia scivolavano fra le dita dei piedi indolenziti  da quanto aveva camminato. Voleva essere l’ultima a salutare il sole in quel  giorno dei primi di Maggio, mentre la luce lentamente scivolava nel buio. Respirava a stento e […]

Continua a leggere


Parole dal silenzio

Ti parlero’ a bassa voce. Se mi vorrai ascoltare chinerai la testa verso me. Se cosi’ non riuscirai a capirmi, Inginocchiati davanti a questa voce spenta.. E se neanche cosi’ riuscirai a sentirla, Striscia insieme a lei fino alle origini del silenzio. per G.P.

Continua a leggere


Sabbia e petali di rosa

Nel vento disinvolto Si intravedono Lampi distratti di circostanza. Sabbia e petali di rosa Riempiono l’aria galleggiano adagio. Voragini di melma lutea Scivolano viscide nella nebbia Richiamano la pioggia di rame Su vasi di argilla bianca. Un forte grido di silenzio, Lontana reminiscenza Nella logica dell’abisso. Il precipizio si concentra Sulla soglia Del giorno prima […]

Continua a leggere


Eco

Portami fino agli estremi di un sogno! Forte, Caotico, Un po’ passionale. Spogliami tanto Da far trasparire Il mio orgoglio Di acqua e di sale. Taglia la carne Un tuo ricordo, Suono di flauto Incanta serpenti, Aggrovigliato, nel tempo, Sul carro, Porto il tuo amore Appeso ai denti. Fammi vibrare, Brivido a stracci! Calchi di […]

Continua a leggere


Fonte

Ti ascolto sempre attentamente Dea mia, Ti seguo perenemente Come folle, Ti accompagno al tramonto Per poi… Ritrovarti all’alba, Ti regalo le mie giornate Inopinabili Dove ti nutro di silenzi saldi, Mi fai sentire diversa Quando mi confronto E mi affronti Di petto. Sei la musica Della mia esistenza Fugace Fonte dell’essenza Concentrato di pensieri […]

Continua a leggere


Solitudine

Ubriacati solitudine! Bevi dalla tua coppa di cristallo e Addormentati con i gomiti Sulle mie tempie. Ti cambierò il bicchiere Te, il mio sogno Dove mi sembra di non essere mai andata O forse mai tornata… Mi cerco e mi ritrovo al solito bivio Dove mio padre mi lasciò per la prima volta Con gli […]

Continua a leggere


Ricordo

La mia bocca custodisce Il segreto della mente. Il mio cuore trattiene Il tuo amore, E la mia anima Il ricordo di te. Inebriante stupore Brivido di questo sogno, Tristezza sfumata Nei sussuri Di ombre lontane. *** Immagine: A Meadow Flower di John White Alexander, particolare

Continua a leggere



Pagina precedente Prossima pagina

keyboard_arrow_up