Wassily Kandinskij, Composizione X, 1938

Guardo l’ombra del tuo sorriso
dentro al mio cuore,
nel vento del silenzio
che accompagna la sera;
e scrivo ancora,
senza pretesa,
cosicchè la notte
si faccia carico
anche di queste poche
parole in catena,
legate
al capo di filo
che mi appartiene.
E vivo,
come se i giorni
non esistessero.
Risucchiati
dall’esistenza stessa.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

5 thoughts on “Black hole

  1. Anche questa poesia è stata già sengalata da me.

    Ci sono versi che avrei potuto scrivere io in questa lirica, tanto li sento miei.

    Dio come vorrei trovare il “capo di filo che mi appartiene”. Forse per tirare il filo verso di me?

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine