folder Filed in Blog degli Autori, Concorso di Emozioni, Concorso di Emozioni, 2008, Poesia
Cicatrice ferita
VelvetyScarlet comment 7 Comments access_time 1 min read

Ho occhi verdi come il percorso dell’anima mia.
Non c’è nessuno ma non sono sola:
riesco ad annusare la tua essenza
intorno a me, dentro di me.

La tua assenza è forte abbastanza
per urlare il tuo nome
fuori dal mio petto
sperando che se ne vada via.

Puoi udirmi?
Puoi sentirmi?

Puoi sentire la mia mente cieca?
Si è ferita da sola a lungo
per dimenticare la tua bocca.

Puoi udire le mie cellule?
Stanno esplodendo ed implodendo
così confuse dentro me.

Ho mani furiose e stanche
di sentire solo aria sui loro palmi.

© 2008, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono riservati per i rispettivi autori.

Amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine
  1. Anche se si viene feriti dalla persona amata la mente non riesce mai a cancellare l’immagine di quel volto, il suo essere, le emozioni che ci ha lasciato. Certo, il tempo può far affievolire i ricordi di quel volto ma resta comunque una cicatrice nella nostra vita.

  2. Brucia il cuore, brucia l’anima, ed il dolore è esasperante, confuso, una implosione ed una esplosione continua. La mancanza della persona amata è furiosamente lacerante.
    Mi piace la tua poesia V.