Non ho mai provato
un impulso sì travagliato.
Un giorno mi scacci
e l’altro mi riallacci.
Non mi vuoi al tuo canto
e poi dormi nel rimpianto.
L’indomani
mi baci di passione
e mi chiedi perché
non ero al tuo fianco.
Mi cingi d’ossessione
come un’onda
che inonda
confonde
affonda.
Smonta
e rimonta.
Dov’è il tuo cuore?
Bastardo di un amore!
Lo strapperò dal tuo petto
con l’uncino del dolore,
lo sfilerò con l’ira del dispetto,
spremerò il suo sangue incolore
e ne farò straziato merletto.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

7 thoughts on “Straziato merletto

  1. Nicoletta, grazie. Mi piace giocare con le rime.

    Missjevre, io aggiungerei ritmo pericoloso…

    Francy, l’amore è anche crudele.

    Meg, non fa niente, è già tanto che qualcuno l’abbia letta.

    Robert, proprio così: maledetta.
    Sono io che ringrazio per l’ospitalità.

    Una scintilla d’amore e buon duemilaesette a tutti! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine