Nel mio scrigno conservo intatti
i giorni della dolcezza.
Struggente è il ricordo
di un sogno interrotto brutalmente.
Questa storia che non conosce fine
ha sprangato le porte del mio avvenire.

Perché hai lasciato che scavalcassi
il recinto dell’incertezza?

Perché hai piantato bulbi di speranza
nel mio giardino?

 

Sono albero che mai maturerà i suoi frutti;
resteranno appesi ai miei rami
come le tue indelebili promesse.
Il mio cuore scalfito,
adesso, non sa più amare. 
La mia anima  forgiata e dannata
fugge e rifugge ogni approccio.
Hai rapito i miei desideri
e infranto i miei pensieri.
Sei sempre presente nella tua assenza,
e non v’è altra presenza
che distragga la mia coscienza.
Sciogli queste catene,
liberami da questo tormento.
Lucida lo specchio dove scorgo solamente
l’ombra dell’amato riverbero.
Restituiscimi alla vita ormai smarrita,
poiché sento che sto perdendo ogni sentimento.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “L’amato riverbero

  1. Grazie a tutti: commenti che fanno piacere, perchè vedo -comprensione-.

    Sì, è vero, è difficile dimenticare certi tormenti, e chi li ha provati sa cosa significano. 😉

  2. L’ecronimo tra natura ed amore, nelle tue parole sebrano quasi essere sinonimo. Mi piace molto quest’associazione di idee, fa sorgere alla mente un giardino fatato dove le essenze delle anime si trasmutano in piante, dove i frutti hanno volti e gli aggettivi hanno materializzazione. Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine