Io
prigioniera
in una custodia di pelle nera
sdrucita,
abbandonata in un angolo.
Tu
accordi melodie
perse in tempi remoti
in notte estive
davanti a falò.
Melodie
intrise di sabbia
per amori notturni
sotto volte stellari
in riva al mare.
Tu
accordi
le note del mio cuore
dimenticato da me,
da tutti,
in una notte estiva
qualunque.
Io
libera,
adesso da una custodia
di pelle nera
vibrano
le mie corde
in un arcobaleno
alle carezze delle tue dita
sui miei fianchi.

© 2006, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

6 thoughts on “L’accordatore di chitarra

  1. D’accordo con Robert, mi piacciono molto i versi di chiusura… brava!

    L’amore rende liberi e ci permette di uscire dalla “custodia” senza rimanere abbandonati in un angolo…

    un bacio

    Angela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine