Linguaggi

ecco, senti
la mia carne dentro la tua
sudore appiccica le pelli
odore primitivo di animali
corpi che  staccati si richiamano
sicilia e calabria
due braccini tesi
a tenersi, a respingersi
disperazione
ferocia le ha tagliate
due destini
isola e continente

cosa sogno
col capezzolo fra i denti
vibrazioni
la mia  pancia sotto la tua
scendi
ad ogni scatto del mio rene
come a cercarsi il fulmine
un giaciglio
ti raccolgo
furia di natura
cresce di violenza il desiderio
si attendono
fantasie solitarie
per graffiarsi e sanguinare
appagate
colme di mancanza

Ultimi post

Altri post