ecco, senti
la mia carne dentro la tua
sudore appiccica le pelli
odore primitivo di animali
corpi che  staccati si richiamano
sicilia e calabria
due braccini tesi
a tenersi, a respingersi
disperazione
ferocia le ha tagliate
due destini
isola e continente

cosa sogno
col capezzolo fra i denti
vibrazioni
la mia  pancia sotto la tua
scendi
ad ogni scatto del mio rene
come a cercarsi il fulmine
un giaciglio
ti raccolgo
furia di natura
cresce di violenza il desiderio
si attendono
fantasie solitarie
per graffiarsi e sanguinare
appagate
colme di mancanza

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

3 thoughts on “Linguaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine