eternamente

Mare…era oceano, navigavo senza rotta, era mare…era oceano…era mare, il cuore dell’oceano.
Il mio corpo intrecciato con le mani del sole, nelle notti solo vento, freddo e abbandono.
E scuotevo il cammino con lacrime e tempeste, persa fra il sonno e il suo oblio.
Occhi smarriti e il sangue confuso, naufragava lento, come gocce dense senza meta sulle curve della pelle.
Mare…ma era oceano…eternamente avvolta nel tuo tormento.

3 Commenti

  1. Allora lo fate apposta: lo sapete che tutte le volte che il mare viene usato come metafora degli stati d’animo io mi sciolgo in un brodo di giuggiole…

    Baci…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine

Ultimi post

Altri post