Conosco quel luogo…
Lago d’argento e rovi,
pacata e smaniosa terra di fuoco,
dove le alture smarriscono
tra dense nebbie,
dove gli abissi
incontrano le stelle,
dove l’assenza
non chiama la paura,
ma sul suo dorso erge il  desiderio.
Conosco quel tempo
che, tacito, fugge
e fa tremar la pelle,
ai margini di lacrime e sorrisi.
E’ lì che puoi trovarmi.
Luogo di fasti e di rovine,
in sconfinati campi di luce
nelle pendenti fronde d’alberi soli,
nelle stille di brina che
discendono stanche
da foglie tremanti,
tra i rigagnoli che
fendono l’arida terra,
nell’ugola di usignoli spensierati,
nel vigoroso e secolare arbusto
vissuto tra i segreti
di perduti amanti.
E’ lì che indugio, è lì che scruto.
E’ lì che dovrai cercarmi
o morirò per sempre…

-ooo-

Da “ Dove va la poesia?” Carello editore

Da “ Lunario di poesia 2004” Ed. Janua

© 2007, Blog degli Autori. Tutti i diritti sono dei rispettivi autori dei contenuti

8 thoughts on “Campi d’amore

  1. Lirica ricercata nelle immagini e nei suoni. Un gioco di consonanze ed assonanze che tradiscono un laboratorio poetico d’eccezione.

    Un abbraccio all’autrice
    marilena

  2. …è un luogo dove dimora finissima Poesia.
    Una lirica di grandissima suggestione, elegante e intensa.
    Veramente pregevole.
    Un caro saluto
    Maya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 Togli la spunta se non vuoi ricevere un avviso ogni volta che c'è un commento in questo articolo
Aggiungi una immagine